ETF tematici o S&P500? L’eterna diatriba

Barron’s pubblica spesso articoli sui fondi tematici. Sul primo e’ nettamente contraria e per certi versi sono d’accordo perché l’industria sforna a getto continuo ETF su trend di moda che poi a ben guardare – come spiega l’autore – il contenuto centra poco con quanto promesso. Ma che i trend secolari e i mercati in formazione siano posti dove mettere – cum grano salis – dei soldi in una diversificazione del patrimonio non ci piove.

Prendiamo gli ETF (che poi non sono veri Etf perchè non legati ad un indice) della Cathie Wood: ha fatto rendimenti astronomici e certo con il mercato che si e’ girato una parte consistente dei guadagni sono svaniti. Ciò non toglie che puntare come ha fatto Lei sulle Tesla ben prima che entrassero negli indici da potenzialità di guadagno molto alte

Il secondo articolo tratta di come sono costruiti gli indici di questi ETF tematici e di come i loro nomi possono essere ingannevoli…

UNA PRECISAZIONE: ovviamente la Barron’s è americana e gli ETF citati sono NON ARMONIZZATI e quindi NON AQUISTABILI dal risparmiatore europeo al dettaglio. Però ormai per quasi tutti ne esiste uno creato seguendo le regole europee Per vedere se anche in Europa esistono prodotti simili il sito migliore è JUSTETF


24/01/24 Barron’s: I fondi dell’indice Plain-Vanilla S&P 500 sono fuori. Ecco cosa c’è in.

Di Debbie Carlson

Gran parte del guadagno del 26% dello scorso anno dell’ETF  SPDR S&P 500 è dovuto alla performance stellare dei Magnificent Seven, i colossi per lo più di azioni tecnologiche che sono le maggiori partecipazioni dell’indice.

Se questi campioni inciampano, aspettatevi un impatto negativo fuori misura sull’indice ponderato in termini di capitalizzazione di mercato, poiché AppleAmazon.comAlphabetMeta PlatformsMicrosoftNvidia Tesla rappresentano più di un quarto del valore di mercato dell’S&P 500. Dato il rischio di concentrazione, alcuni investitori stanno cercando di incorporare fondi indicizzati di pari peso per diversificare.

Le strategie di parità di peso hanno una visione democratica del mercato, dando lo stesso peso a ciascuna componente. Rimescolare l’S&P 500 in questo modo relega ogni società a una fetta dello 0,2% dell’indice, inclinandolo verso azioni orientate al valore e a capitalizzazione medio-mino-piccolo e lontano dalla crescita a grande capitalizzazione.

L’S&P 500 ponderato per la capitalizzazione di mercato attualmente rispecchia il 45% del Nasdaq 100, il doppio di quello che era 10 anni fa, afferma Nick Kalivas, responsabile della strategia del fattore e del prodotto azionario di base di Invesco. Il rally dello scorso anno ha spinto le prime 10 partecipazioni dell’indice al 32% del peso totale, rispetto al 25% all’inizio del 2023. Invesco emette l’ETF Invesco S&P 500 Equal Weight da 49,6 miliardi di dollari, il più grande fondo di questo tipo per attività.

Con l’S&P 500 a capitalizzazione di mercato così pesante e focalizzato sulla crescita, gli investitori sono alla ricerca di alternative. “Ha aperto la porta a una ponderazione uguale, dove stai ancora ottenendo tutte le 500 azioni”, dice Kalivas, indicando afflussi medi annui di 5,3 miliardi di dollari negli ultimi cinque anni nell’ETF S&P 500 di pari peso e altri 616 milioni di dollari in flussi finora quest’anno fino a metà gennaio.

PS: so ETF Usa ma si trovano equivalenti anche armonizzati

Matt Dmytryszyn, chief investment officer della consulenza finanziaria Telemus, sta prendendo in considerazione il fondo Invesco per i portafogli dei clienti. È anche incuriosito dalla sua valutazione più bassa, citando che l’S&P 500 standard è scambiato a 19,6 volte gli utili del 2024 rispetto al 16,1 dell’indice di peso uguale.

John Davi, CEO di Astoria Portfolio Advisors, sta aggiungendo diversi ETF indicizzati di pari peso ai portafogli dei clienti. Crede che i potenziali tagli dei tassi della Federal Reserveinducano un nuovo ciclo di mercato, che richiede una strategia diversa. Tra gli ETF che sta usando ci sono l’ETF Invesco S&P 500 Equal Weight Technology da 3,5 miliardi di dollari e l’ETF Invesco S&P 500 Equal Weight Energy da 530,7 milioni di dollari.

“Se la Fed taglia i tassi, c’è un nuovo ciclo. [Se non c’è] più recessione degli utili, perché non diversificare alla fascia mid-cap di questi settori?” Davi chiede.

A causa dell’inclinazione a piccola e media capitalizzazione delle strategie di peso uguale, generalmente si comportano bene durante l’accelerazione della crescita dei profitti, dice Kalivas.

L’azione precoce del mercato nel 2024 suggerisce un numero più ampio di vincitori a grande capitalizzazione. Daniel Milan, direttore degli investimenti di Cornerstone Financial Services, afferma che un ETF come il First Trust Nasdaq-100 Equal Weighted Index da 2,3 miliardi di dollari potrebbe dare agli investitori una più ampia esposizione tecnologica.

La parità di ponderazione può essere applicata a qualsiasi indice di settore o paese, anche se i benefici della strategia sono più evidenti negli indici a grande capitalizzazione. Gli investitori dovrebbero prendere in considerazione la sostituzione di circa un terzo dei loro ETF ponderati a grande capitalizzazione con ETF di pari peso per diversificare le loro partecipazioni principali, suggeriscono Davi e Milan.

Tieni presente che queste sono strategie a lungo termine, poiché le differenze di rendimento a breve termine possono essere nette. L’anno scorso, quando l’ETF SPDR S&P 500 ha guadagnato il 26%, Invesco S&P 500 Equal Weight è aumentato del 13,7%, secondo Morningstar. Tuttavia, lo stesso peso supera nel tempo. La ricerca di S&P Dow Jones mostra che l’S&P 500 Equal Weight Index ha avuto un rendimento dell’11,5% nei 20 anni fino al 2023. L’S&P 500 ponderato per la capitalizzazione di mercato ha restituito il 10,3% in quel periodo.

“Se hai intenzione di fare indici ugualmente ponderati, devi impegnarti in esso”, dice Milan.


02/06/23 Barron’s: Non ci sono due fondi tematici abbastanza uguali. Come trovare quello giusto per te.

Di Lewis Braham

Illustrazione di Linda Merad

È difficile per gli investitori guardare alla straordinaria crescita della base di utenti del chatbot di intelligenza artificiale ChatGPT e non chiedersi come trarre profitto. Solo due mesi dopo il lancio, ChatGPT aveva circa 100 milioni di utenti attivi mensili e, alla fine di aprile, la valutazione della sua società madre era raddoppiata a circa 29 miliardi di dollari, contribuendo ad alimentare un rally questa primavera in qualsiasi azione tecnologica con esposizione all’IA.

Quell’esempio spiega gran parte del fascino di ciò che è noto come investimento tematico: scommettendo su megatrend come l’IA che stanno per trasformare il nostro futuro. Ci sono numerosi modi per trarre profitto da tali temi tramite fondi comuni e negoziati in borsa, anche se sceglierne uno non è facile come acquistare un fondo a settore singolo.

“Per me, l’investimento tematico è una frase nebulosa che potrebbe applicarsi a molte cose”, afferma Scott Helfstein, responsabile delle soluzioni tematiche presso Global X Funds, che offre diversi ETF tematici.

Per come la vede lui, per qualificarsi come un tema investibile, la tendenza deve essere quella di creare un cambiamento strutturale permanente nella società; deve essere ad alta crescita e a lungo termine (almeno tre anni); e dovrebbe avere un impatto su diversi settori.

I fondi che investono nello stesso tema possono essere radicalmente diversi. “Ci sono sei ETF di robotica sul mercato e la sovrapposizione media [il portafoglio azionario] tra questi è inferiore al 20%”, afferma Jay Jacobs, responsabile delle tematiche e degli ETF azionari attivi degli Stati Uniti presso BlackRock. “Siamo tutti d’accordo che la robotica è una cosa potente, ma si vedono differenze molto ampie nel modo in cui gli investitori definiscono ciò che è e non è un’azienda di robotica”.

Anche le ponderazioni azionarie tra gli ETF che mirano allo stesso tema possono variare anche quando c’è una sovrapposizione. Ad esempio, il Global X Robotics & Artificial Intelligence ETF (ticker: BOTZ) pesa le aziende in base alla capitalizzazione di mercato, quindi la sua più grande partecipazione, la società di robotica sanitaria Intuitive Surgical (ISRG), è il 9,5% del suo portafoglio. Ma l’iShares Robotics & Artificial Intelligence Multisector ETF (IRBO) pesa equamente le partecipazioni, quindi lo stesso titolo rappresenta solo lo 0,9% del suo portafoglio.

In generale, i fondi tematici sono scommesse concentrate. Se scegli i fondi giusti, possono fare bene, ma spesso con una volatilità significativa. Devi sapere come è costruito ogni fondo e guardare le partecipazioni per vedere quanto da vicino rispecchiano davvero il tema che hai scelto.

Questo è particolarmente vero con le tecnologie emergenti come l’IA dove i vincitori non sono ancora stati decisi. Molte piccole aziende sono ancora promesse e alcuni vincitori sono privati, come OpenAI, il che significa che la maggior parte dei fondi pubblici non può investire in loro. Nel frattempo, alcune aziende che hanno un ruolo significativo in un nuovo tema sono enormi, ma solo una piccola parte delle loro entrate è legata a quel tema. Microsoft (MSFT) e Alphabet (GOOGL) sono grandi attori, ma ovviamente sono coinvolti in molto più dell’IA.

Alcuni esperti sostengono che ottenere il tema giusto è più importante per i rendimenti rispetto al modo in cui un fondo lo definisce. “Penso che gli ETF [a tematici indicizzati] facciano un buon lavoro”, afferma il fondatore Gregg Fisher di Quent Capital, una società di hedge fund orientata al tema. “Il problema più grande nella mia mente è: ‘Chi sta scegliendo il tema?‘ »

A breve termine, la popolarità tematica può cambiare con il vento. Questo è particolarmente il caso quando le azioni in crescita sono in disgrazia, come lo erano nel 2022. Di conseguenza, negli ultimi tre anni, solo 29 dei 113 ETF che Morningstar descrive come tematici hanno battuto i loro pari di categoria di fondi. Poiché i temi non sono definiti in modo ristretto, le loro categorie di fondi possono variare. Una forte scommessa a lungo termine sulle batterie dei veicoli elettrici, il Global X Lithium & Battery Tech ETF (LIT), si è comportato come montagne russe, in aumento del 37% nel 2021, in calo del 30% nel 2022 e del 5,0% finora quest’anno. Nel frattempo, uno dei pochi ETF tematici con valutazioni modeste secondo Morningstar, Global X US Infrastructure Development (PAVE), è aumentato del 2,9% finora quest’anno.

Avere un gruppo di temi più diversificato dovrebbe fornire una corsa più fluida. Originariamente, quando è stato lanciato nel 2007, Calvert Global Energy Solutions (CGAEX) si è concentrato su circa 50 azioni pubblicizzati di energia alternativa, principalmente società di energia solare, eolica e di batterie. Il fondo è sceso del 58% nel 2008 e successivamente ha subito boom e bust fino a quando Calvert lo ha cambiato in una strategia indicizzata più diversificata nel 2016. Ora, il fondo investe in quattro temi legati all’energia. Detiene oltre 150 azioni, tra cui produttori di energia rinnovabile come First Solar (FSLR) e società che hanno ridotto significativamente la loro impronta di carbonio come General Mills (GIS).

La performance del fondo è migliorata e da allora la sua volatilità è diminuita. “Una delle cose che abbiamo osservato era che se volevi l’esposizione a un [singolo] tema, spesso ottenevi solo il 100% di azioni industriali o di servizi pubblici”, dice Jade Huang, che ha contribuito a progettare il punto di riferimento del fondo a Calvert. “Abbiamo visto che la volatilità associata a un fondo settoriale può essere piuttosto significativa”.

AB Sustainable Global Thematic (ALTFX) e GMO Climate Change (GCCLX) offrono anche una diversificazione tematica e una gestione attiva. Nel caso di AB Sustainable Global Thematic, il manager Dan Roarty cerca temi basati sugli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il fondo ha battuto l’87% dei suoi pari nella categoria Global Large-Stock Growth di Morningstar nell’ultimo decennio. vede difetti nell’indicizzazione tematica. Gli indici “non vedono l’innovazione”, dice. “Un enorme vantaggio dell’investimento tematico è che ti permette di essere attivo”. La domanda è quanto vuoi essere attivo, visti i rischi?


10/12/22 ARK Innovation e altri offrono tentanti ETF “tematici”. Basta Dire Di No.

Di Karishma Vanjani Aggiornato il 9 dicembre 2022

Illustrazione di Simoul Alva

I veicoli elettrici, le criptovalute e la genomica eccitano molti investitori con il loro potenziale di innovazione e grandi rendimenti. Ma scommettere contro quei settori con un fondo negoziato in borsa è stata la strategia vincente quest’anno. Azioni come Tesla TSLA +3,3% Coinbase Global COIN – 6,00% , e Crispr Therapeutics sono tutti in forte calo, alimentando i guadagni per l’AXS Short Innovation Daily SARK +1,36% ETF, in aumento del 61%. (E’ un Etf che shorta cioè vende allo scoperto le azioni guadagnando se queste calano Non e’ armonizzato e quindi non accessibile ai risparmiatori europei)

AXS non ha estratto quelle azioni da un cappello. Sono detenuti da ARK Innovation ARKK –1,45% (ticker: ARKK), il grande ETF tecnologico tematico gestito da Cathie Wood. L’AXS Short Innovation ETF (SARK) è un’immagine speculare di ARK Innovation, scortando le stesse azioni che Wood favorisce. Quest’anno, le perdite del 62% di ARKK sono state le plusvalenze di SARK.

ARK Innovation non è l’unico ETF tematico a cadere in tempi difficili. Ha molta compagnia, evidenziando i pericoli di questi prodotti. Alcuni di questi fondi funzionano bene, per un po’. Ma con poche eccezioni, involontariamente un forte argomento a favore dei più semplici Etf sullo  S&P 500 SPX – 0,73% indice che rimane difficile da battere per lunghi periodi.

Gli ETF tematici si trovano in nicchie all’interno di un settore o investono in vari settori, che vanno ampiamente in tutto il mercato. I fondi si concentrano su temi come il cloud computing, l’energia pulita o l’invecchiamento globale. Le limitazioni? L’immaginazione dei marketer di prodotti e un quadro normativo stabilito dalla Securities and Exchange Commission, che richiede che le società di fondi seguano le regole di informativa e altri parametri per gli ETF.

Con circa 280 ETF tematici sul mercato, tutto va bene. I recenti lanci includono il KPOP Korean Entertainment ETF (KPOP), con l’obiettivo di capitalizzare la mania della band BTS con partecipazioni in azioni musicali coreane. Anche gli ETF a tema Metaverse sono stati lanciati insieme ad altri fondi a tema cripto.

I grandi sponsor di ETF come iShares di BlackRock (BLK), Invesco (IVZ) e Fidelity Investments ora hanno prodotti tematici. BlackRock, ad esempio, offre esposizione a “megatrend” come i dati demografici nel suo BlackRock Future Health ETF (BMED). La costruzione sostenibile è il tema dietro l’Invesco MSCI Green Building ETF (GBLD). Fidelity offre diversi ETF tematici, inclusi fondi incentrati sulla salute digitale, criptovalute e veicoli elettrici.

Ognuno di questi ETF potrebbe avere una brillante performance, superando il mercato più ampio. Ma trovarne uno che batte un indice standard attraverso i cicli di mercato è difficile.

Oggi è particolarmente impegnativo. Molti fondi tematici si concentrano su azioni ad alta crescita che sono cadute in disgrazia. ARK Innovation è salita di quasi il 153% nel 2020, ma da allora è svanito; il suo prezzo delle azioni è tornato ai livelli prepandemici. Gli ETF WisdomTree Cloud Computing (WCLD) e TrueShares Technology, AI & Deep Learning (LRNZ) sono entrambi in calo di oltre il 50% quest’anno, rispetto a una perdita del 30% nel Nasdaq Composite.

Gli ETF tematici amplificano le tendenze “quando c’è clamore sul tema”, afferma Rabih Moussawi, professore associato di finanza all’Università di Villanova. In un documento di lavoro, Moussawi e i suoi colleghi hanno scoperto che nei primi cinque anni della loro vita, gli ETF specializzati perdono circa il 30%, in media, in rendimenti aggiustati al rischio. Gli ETF spesso si concentrano su azioni sopravvalutate quando vengono lanciate, monitorando “temi che attirano l’attenzione” che non producono prestazioni fuori lungo termine.

“È una strategia davvero pericolosa acquistare qualcosa che ha funzionato molto bene di recente”, afferma Rob Arnott, fondatore della società di strategia di investimento Research Affiliates. “Raramente sarà qualcosa di economico e costoso per fornire rendimenti [alti]”.

Senza track record a lungo termine, molti ETF gestiti attivamente chiedono essenzialmente agli investitori di fidarsi di loro nella scelta delle azioni, nonostante uno scarso record complessivo per i gestori attivi. Solo il 40% dei fondi gestiti attivamente ha battuto i loro pari passivi nel periodo di 12 mesi fino alla metà del 2022, secondo Morningstar. Gli ETF basati su indici tematici, inoltre, non sono stati studiati così ampiamente come quelli basati su fattori come la crescita o il valore.

Le società di fondi che mirano a costruire attività possono prendersi delle libertà con i nomi degli ETF, commercializzando un tema che ha un impatto scarso sulle prestazioni delle sue partecipazioni. La SEC sembra pensare che sia un problema: l’agenzia ha proposto regole quest’anno che richiedono agli ETF di avere almeno l’80% del loro valore patrimoniale legato a un tema a nome del fondo

Gli investitori devono ancora leggere le clausole scritte in piccolo. Prendi l’ETF PSYK (PSYK). Lanciato questo febbraio, è pubblicizzato come una scommessa sull'”industria dei farmaci basati su droghe psichedeliche”, osservando che gli studi che utilizzano gli psichedelici per trattare la depressione hanno riportato tassi di successo fino all’80%. Sembra promettente per le nuove droghe (legali). Ma poiché poche aziende hanno tali prodotti in sviluppo avanzato, il prospetto del fondo gli permette di possedere aziende farmaceutiche in generale.

L’ETF sembra simile a un fondo biotecnologico. La sua principale azienda, Intra-Cellular Therapies (ITCI), è un’azienda che promuove un farmaco per la schizofrenia. Altre aziende principali includono Jazz Pharmaceuticals (JAZZ), Myriad Genetics (MYGN) e Biogen (BIIB), l’ultimo grande attore nei trattamenti per l’Alzheimer. L’ETF possiede azioni di Compass Pathways (CMPS), una società con sede nel Regno Unito che indaga sulla psilocibina, insieme ad alcune altre società nel campo degli psichedelici. Ma la performance dell’ETF sembra essere guidata molto più dalle grandi azioni biotecnologiche.

Elemental, lo sponsor del fondo, non ha risposto alle richieste di commento. Solactive, il fornitore di indici dell’ETF, afferma che i suoi criteri includono l’identificazione delle società che dovrebbero avere un’esposizione significativa ai psichedelici. Include aziende biotecnologiche più ampie quando il suo metodo trova meno di 25 aziende pure.

Se questi temi possano ripagare a lungo termine è difficile valutare. C’è poco, se non c’è, backtesting degli indici, guardando come si sarebbero comportati prima che l’ETF andasse in funzione.

Le società di fondi fanno test di performance interni prima di lanciare un prodotto, afferma Amrita Nandakumar, un ex consulente del settore che ha contribuito a sviluppare ETF. Ma i regolamenti del settore consentono di commercializzare i backtest solo agli investitori istituzionali, a causa delle preoccupazioni normative che i test potrebbero essere fuorvianti per gli investitori al dettaglio. Il test “potrebbe essere spazzatura”, dice Nandakumar, ma è “meno sulle prestazioni e più sulla vendita dell’investimento”.

Per alcuni sponsor di ETF, il prodotto sembra essere più in particolare marketing. “Alla fine della giornata, ci stiamo muovendo verso una società che farà decisioni e acquisti basati sull’ideologia politica”, afferma Hal Lambert, fondatore del Point Bridge GOP Stock Tracker ETF (MAGA), che ha un ticker orientato ai repubblicani.

MAGA sottolinea le aziende con donazioni relativamente elevate ai politici del GOP. Non si sa se questo sia un fattore positivo, dal momento che Point Bridge non ha rilasciato un backtest. “Perché dobbiamo guardare all’ipotetico? Sto schiacciando l’S&P”, dice Lambert. L’ETF ha avuto alcuni anni buoni, in parte perché possiede industriali blue-chip, come Deere (DE) e Caterpillar (CAT). Il suo rendimento annualizzato quinquennale del 9,2% segue l’S&P 500 di circa un punto percentuale fino a dicembre. 7.

Gli investitori devono essere fortunati con la tempistica di un ETF tematico. Il fondo psichedelico, ad esempio, è sceso di circa il 40% prima di agosto di quest’anno, poi è salito dell’80% fino a metà novembre nel spinto dallo Stato del Colorado che legalizza i funghi psichedelici.

Molti ETF tematici possono anche chiudere dopo aver vivacchiato per anni con piccoli livelli di attività. Solo 24 ETF tematici hanno superato 1 miliardo di dollari di attività, secondo Morningstar Direct.

Le scommesse tematiche possono ripagare. Gli ETF a bassa volatilità come iShares MSCI USA Min Vol Factor (USMV) sono stati vincitori relativi quest’anno, in calo di circa l’8%. Il settore energetico tradizionale è stato una superstar, guadagnando in media il 58%. Gli investitori possono cavalcare il tema attraverso ETF come Energy Select Sector SPDR ETF (XLE) o SPDR S&P Oil & Gas Exploration & Production (XOP).

Ma più stretta è la nicchia, più problemi può rappresentare, specialmente nel mercato impegnativo di oggi. “Quando il mercato è più difensivo, come lo è attualmente, e dove ci sono mine terrestri ovunque, vuoi essere più diversificato che concentrato”, afferma Ken South, CEO della società di consulenza Tower 68 Financial Advisors.

ARK Innovation ha molto da fare. Il suo rendimento totale annualizzato quinquennale è inferiore all’1%, ben indietro rispetto al rendimento del 10,2% dell’S&P 500. “Non contiamo la volatilità come un tabù”, afferma Dan White, un gestore di portafoglio associato di ARK. “Il nostro portafoglio probabilmente supererà nei prossimi cinque anni”.

Potrà anche avere ragione. Ma rimanere ampiamente diversificati con un fondo indicizzato S&P 500 è un tema che potrebbe non passare mai di moda.

Scrivi a Karishma Vanjani all’indirizzo karishma.vanjani@dowjones.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.