Comperarsi un pezzettino di un’opera d’arte


31/05/24 Penta: Una nuova piattaforma artistica e tecnologica mira a collegare artisti esperienziali con i collezionisti

Un’opera d’arte ancora dal Mycoforest di Transmoderna, 2024.
Per gentile concessione di Transmoderna e Viv Arts

Una delle grandi sfide che gli artisti che devono affrontare gli artisti che creano progetti che immergono i visitatori in un’esperienza piuttosto che essere appesi al muro di una galleria è ottenere i soldi per realizzare la loro visione.

Carlota Dochao Naveira e Oliva Sartogo hanno visto questo in prima persona come membri del team fondatore di Superblue, un centro d’arte esperienziale a Miami dove i visitatori pagano 39 dollari al pezzo per immergersi in progetti futuristici.

Il problema è che i potenziali sostenitori di questi artisti esperienziali esitano di fronte ai considerevoli costi iniziali di cui hanno bisogno per la ricerca e lo sviluppo, la produzione, la progettazione e l’installazione per dare vita alle loro nuove idee esperienziali.

La domanda per Dochao Naveira e Sartogo è diventata: “Come possiamo trovare un nuovo modo per finanziare queste opere d’arte, o almeno trovare un nuovo meccanismo di finanziamento, che non si basi esclusivamente sulla vendita dei biglietti?” Dice Dochao Naveira.

Lei e Sartogo mirano a rispondere a questa domanda attraverso Viv Arts, una piattaforma artistica e tecnologica con sede a Londra che hanno recentemente co-fondato. Il loro obiettivo è affrontare due “punti dolenti”: una mancanza di finanziamenti iniziali e una mancanza di collezionisti.

Carlota Dochao Naveira, co-fondatrice di Viv Arts, (a sinistra) guida un panel di artisti tenutosi durante il fine settimana di Frieze New York all’inizio di maggio, con l’artista Jacolby Satterwhite; Ana Ofak e Steffen ‘Dixon’ Berkhahn (co-fondatori di Transmoderna); e Ralph Nauta di Drift.Per gentile concessione di VIV Arts. Fotografia di Mark Hunter.

Hanno in programma di farlo incoraggiando gli artisti ad attingere alla tecnologia, che si tratti di video, blockchain o arte digitale, per creare oggetti da collezione che rappresentino l’essenza del loro lavoro effimero ed esperienziale e che possono essere venduti per finanziare la loro arte, dice Dochao Naveira.

L’obiettivo è “fornire finanziamenti anticipati per la ricerca e lo sviluppo agli artisti per realizzare progetti da sogno che non sono stati in grado di realizzare”, dice.

La prima iniziativa di Viv Arts è una partnership con Transmoderna, uno studio e collettivo di artisti con sede a Berlino e Lisbona che sta esplorando “il futuro delle esperienze di musica elettronica” e il “futuro del clubbing”, afferma Dochao Naveira.

Il collettivo è stato co-fondato da Steffen Berkhahn, un produttore musicale e DJ house e techno noto come DJ Dixon, che ha attirato una folla affollata nel club all’aperto Brooklyn Mirage nel quartiere East Williamsburg di New York il mese scorso durante Frieze New York, dove Viv Arts stava presentando il suo concetto e i suoi artisti ai collezionisti in vari eventi.

Il sogno di Transmoderna è esplorare le loro idee artistiche collettive attraverso una “esperienza audiovisiva in cui portano elementi delle arti digitali e anche nuove tecnologie sul sentire la musica”, afferma Dochao Naveira.

Il ruolo di Viv Arts è stato quello di collegare i collezionisti, compresi quei fan entusiasti, a Mycoforest di Transmoderna, 2024, un’opera d’arte digitale basata sullo schermo che attira gli spettatori in una foresta vividamente colorata e simile a un fungo che si muove e si evolve in una musica pulsante e ambientale.

Il lavoro si basa su Terraforming CIR, 2022, un’esperienza di realtà virtuale che è stata inclusa in “Worldbuilding: Gaming and Art in the Digital Age”, una mostra di diverse opere di artisti che è durata per sei mesi fino al 15 gennaio al Centre-Pompidou Metz in Francia. È stato curato da Hans Ulrich Obert, il direttore artistico delle Serpentine Galleries di Londra.

Il pubblico di riferimento per Viv Arts include ricchi collezionisti d’arte. Sia alla Pace Gallery (il supporto iniziale di Superblue), sia alla stessa Superblue, Dochao Naveira ha collocato opere d’arte di artisti esperienziali come teamLab di Tokyo e Drift, un progetto degli artisti olandesi Lonneke Gordijn e Ralph Nauta, in collezioni private.

Le vendite di oggetti creati da tali artisti sono state, infatti, un’ispirazione per Viv Arts, dice Dochao Naveira. Le 35 edizioni di Mycoforest vengono vendute privatamente per un importo non rivelato, ma in futuro, anche volumi più elevati di opere d’arte saranno venduti pubblicamente a prezzi a partire da 100 dollari.

L’azienda crede che ci sia un futuro nell’arte immersiva dato il comfort che le giovani generazioni di collezionisti hanno nei mondi digitali e il loro desiderio di sperimentare l’arte, non solo di possederla. Offrire opere d’arte collezionabili correlate in vendita fornisce loro un ricordo tangibile e un veicolo per finanziare il lavoro di un artista preferito, e forse il “progetto da sogno” di questo artista.

Viv Arts mira anche a fare niente di meno che rivoluzionare il mercato dell’arte collegando direttamente la prossima generazione di collezionisti con gli artisti che vogliono sostenere, ha affermato.

“Per noi, si tratta di trovare la prossima grande cosa: qual è la prossima forma di immersione di interazione e partecipazione che non è ancora stata realizzata”, dice Dochao Naveira. “Stiamo cercando quella piccola pepita che avrà un enorme impatto sul resto del mondo dell’arte”.


18/05/24 Sole 24 Ore: Sotheby’s emette obbligazioni garantite da opere d’arte


21/10/23 Sole 24 Ore Plus: a che punto siamo?


25/07/23 Barron’s: Masterworks sta collocando azioni di un dipinto Basquiat da 36,7 milioni di dollari agli investitori al dettaglio

Pollo Frito (senza titolo) di Jean-Michel Basquiat, 1982.

Masterworks offre più di 1,8 milioni di azioni di classe A del dipinto di Jean-Michel Basquiat del 1982 (Untitled) Pollo Frito, o “pollo fritto”, per 36,7 milioni di dollari martedì, la sua vendita più costosa fino ad oggi.

L’azienda con sede a New York, che vende azioni frazionarie di opere d’arte agli investitori al dettaglio, ha acquistato questo Basquiat iconografico da un collezionista privato a maggio per 33,05 milioni di dollari. L’acquisto è avvenuto alla vigilia della vendita di Christie di El Gran Espectaculo (Il Nilo) di Basquiat, 1983, per 67 milioni di dollari, afferma Evan Beard, vicepresidente esecutivo di Masterworks.

Il dittico 60-by-121-pollici è dipinto su due pannelli in tonalità audaci arancioni, rosse e gialle ed è pieno di parole e simboli tipici di Basquiat, tra cui la sua corona e il suo teschio. In una voce del catalogo del novembre 2018, da quando è stata venduta per 25,7 milioni di dollari, Sotheby’s l’ha descritta come “una bruciante conflagrazione di parola, gesto e forma”.

“Questa è un opera ‘A'”, dice Beard. “È stato ampiamente esposto [e] è un Basquiat piuttosto famoso dal suo anno più importante, il 1982”.

Nel 1982 la stella dell’artista cominciò a salire. Secondo Sotheby’s, è stato l’anno delle prime mostre personali di Basquiat, ad Annina Nosei a New York e poi a Gagosian a Los Angeles. Le opere di quell’anno hanno generato molte delle migliori vendite dell’artista, secondo Masterworks, tra cui un dipinto di teschio senza titolo che è stato venduto per 110,5 milioni di dollari da Sotheby’s nel maggio 2017, un record per l’artista.

Data la breve vita di Basquiat – è morto per un’overdose di droga nel 1988 all’età di 27 anni – non c’è un’abbondanza di dipinti di livello A, che è uno dei motivi per cui le sue opere possono avere prezzi così alti, dice Beard. Altre ragioni includono il cachet culturale e storico di Basquiat, e il fatto che sia venerato tanto dall’establishment delle belle arti quanto dalla cultura di strada.

“Pensiamo che ci sia un buon valore qui, data la traiettoria dell’estremità superiore del mercato Basquiat per i nostri investitori”, dice.

Al lancio martedì pomeriggio, il dipinto era già venduto al 35%, per lo più agli investitori di Masterworks che già possiedono azioni di altri dipinti. Coloro che vogliono acquistare le azioni rimanenti possono fare un investimento di 15.000 dollari o più (a 20 dollari per azione) sulla piattaforma Masterworks, oppure possono investire di meno se stanno acquistando su più immagini vendute dall’azienda, dice Beard.

Masterworks in genere aggiunge circa il 10% al suo prezzo di acquisto per un’opera prima di venderla agli investitori per tenere conto delle spese, tra cui tasse, commissioni di deposito della Securities and Exchange Commission, stoccaggio e altre commissioni. Al momento del lancio, l’azienda ha notato che il mercato di Basquiat ha mostrato un apprezzamento corretto per il rischio dell’1,55% e che l’apprezzamento annuale per un paniere di opere simili selezionate dall’artista si è apprezzato del 22,1%.

Per gli investitori, l’offerta dà loro l’opportunità di acquistare una fetta di un dipinto multimilionario di un artista famoso e di acquisire l’accesso a una classe di attività che storicamente non si comporta in sincronia con altri mercati finanziari.

“Pensiamo che gli investitori saranno entusiasti di questo”, dice Beard. “La nostra tesi qui è, guarda, se hai un portafoglio di investimenti, è molto difficile ottenere un’esposizione a questo artista”.

Pollo Frito è di gran lunga l’opera più costosa venduta da Masterworks. Il secondo più costoso è stato un altro Basquiat, All Colored Cast Part II, 1982, che ha acquistato per 20 milioni di dollari nel luglio 2021 e venduto agli investitori la stessa estate per 22,2 milioni di dollari. La maggior parte delle vendite dell’azienda sono di opere comprese tra 1 milione di dollari e 5 milioni di dollari, anche se vende opere di valore compreso tra 300.000 e 500.000 dollari e fino a 1 milione di dollari.

Il dipinto è anche l’offerta d’arte frazionaria più costosa finora. Il gruppo Artex con sede a Lichtenstein venderà azioni di classe B in Three Studies di Francis Bacon per un ritratto di George Dyer attraverso un’offerta azionaria secondaria entro la fine dell’anno, anche se questa offerta è attraverso un mercato regolamentato piuttosto che il tipo di struttura di fondi privati utilizzata da Masterworks.

Pollo Frito è stato originariamente acquistato da un collezionista di Atlanta, Fay Gold, dalla galleria Annina Nosei di New York nell’aprile 1982 per circa 5.000 dollari; lo ha venduto per circa 1 milione di dollari nel 2000. L’opera è stata infine di proprietà di un collezionista che l’ha venduta da Sotheby’s nel 2018.

Masterworks continuerà a possedere Pollo Frito fino a quando non sarà venduto di nuovo, il che potrebbe essere tra cinque o 10 anni. Nel frattempo, il dipinto sarà conservato in deposito nel Delaware, anche se l’azienda continuerà a prestarlo alle istituzioni. L’anno scorso, ad esempio, è stato incluso in una retrospettiva dell’artista al Museo Albertina di Vienna.

“Saremo bravi cittadini con esso e lo mostreremo ampiamente”, dice Beard.


08/07/23 Sole 24 Ore: lo stato dell’arte…


22/06/23 Penta: Comprare un pezzo dell’effervescente mercato dell’arte

Abby Schultz 

22 giugno 2023 10:38 ET

Illustrazione di Matt Chase

L’avvocato di New York Daniel Kokhba è stato uno dei tanti investitori nel 2020 che hanno acquistato una partecipazione in Girl Trouble di Cecily Brown1999, un dipinto alto 8 piedi di rossi, arancioni e gialli astratti in cui emergono figure all’interno di spessi tratti di vernice.

I valori frazionati di Girl Trouble erano disponibili per gli investitori a $ 20 per azione, con un investimento minimo di $ 15.000, da Masterworks, un’azienda newyorkese di più di 5 anni che trasforma l’arte ad alto prezzo in attività al dettaglio. Masterworks aveva acquistato il dipinto in un’asta di Christie’s London nel febbraio 2020 per 1,5 milioni di sterline (1,95 milioni di dollari), offrendolo agli investitori per 2,14 milioni di dollari, comprese le commissioni, secondo un deposito della Securities and Exchange Commission.

Kokhba ha deciso di investire perché come avvocato d’arte che rappresenta gallerie e artisti, ama l’arte. “Ma se non avessi nulla di tutto ciò, lo guardrei comunque perché i numeri mostrano che l’arte blue-chip in genere continua a salire”, dice.

Questa in poche parole è la promessa dell’arte frazionata, la possibilità di entrare e trarre profitto da un mondo altrimenti occupato solo dai molto ricchi. È una promessa fatta da un numero crescente di aziende, ognuna in modi diversi, e una che dovrebbe essere considerata con cura.

“C’è sempre stato un forte aspetto finanziario nella proprietà dell’arte, ma quell’aspetto della proprietà finanziaria è stato privilegiato per alcune persone”, afferma Anders Petterson, amministratore delegato
di ArtTactic, una società di analisi dell’arte, con sede a Londra. “Questi nuovi modelli stanno aprendo un’opportunità per gli altri”.

Eppure, dice Petterson, “la maggior parte dell’industria stessa è in un periodo di luna di miele in cui gli investitori stanno entrando e sono entusiasti, e ad un certo punto, ci sarà la realtà se [le opere d’arte] sono più preziose di quello per cui sono state acquistate”, dice Petterson. “Ci saranno alcuni anni prima di sapere come andrà a finire”.

L’attrazione per possedere fette d’arte è l’accesso che fornisce a un asset alternativo che può diversificare e ridurre il rischio in un portafoglio di investimenti perché i suoi rendimenti non sono sincronizzati con i mercati tradizionali di azioni, obbligazioni e materie prime. Le piattaforme frazionate danno anche a più persone la possibilità di possedere opere d’arte di alta qualità anche se non possono metterle sulle loro pareti.

Scott Lynn si siede di fronte a un lavoro di Keith Haring appeso negli uffici di Masterworks durante un’intervista nell’aprile 2023.

“Il segmento contemporaneo [del mercato dell’arte] ha sovraperformato le azioni negli ultimi 25-30 anni e manca di correlazione con altre classi di attività, ma l’unico modo per investire in esso è acquistare un dipinto, cosa che la maggior parte delle persone non ha la possibilità di fare”, sostiene Scott Lynn, CEO di Masterworks.

I dati accurati che tengono traccia di come l’arte si è comportata nel tempo sono in realtà scarsi considerando che almeno la metà di tutte le transazioni sono private e i dati di ritorno disponibili al pubblico non tengono conto dei costi annuali di possedere l’arte, afferma Drew Watson, responsabile dei servizi artistici presso Bank of America Private Bank. L’arte è anche illiquaria, il che significa che ci sono meno acquirenti e venditori per ogni singola opera, e la vendita di alcuni dipinti stellati a rendimenti fuori misura può facilmente distorcere i risultati.

“Se stai misurando il rischio in base alla deviazione standard dalla media [dei] rendimenti annuali, sarà molto più grande per l’arte, in particolare l’arte contemporanea, che per altre attività finanziarie, che sono chiaramente anche molto più liquide”, dice Watson.

Tuttavia, diverse aziende a livello globale si stanno unendo a Masterworks nel business di trasformare l’arte in titoli finanziari. In Corea del Sud, il mercato della proprietà artistica frazionata è “super vibrante”, con i ragazzi dai 20 ai 30 anni che acquistano azioni di dipinti, ad esempio, dal famoso artista giapponese Yayoi Kusama, per un minimo di 1 dollaro per azione, dice Petterson.

C’è anche Particle con sede negli Stati Uniti, co-fondata da Loïc Gouzer, ex co-presidente del dipartimento di arte contemporanea e del dopoguerra di Christie, che vende “particelle” di singole opere coniate sulla blockchain come token non fungibili, o NFT; e Mintus, una società del Regno Unito regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito che Mintus, che finora ha venduto opere di Andy Warhol e George Condo, è consigliato da pesi massimi del mondo dell’arte come il partner della galleria LGDR Brett Gorvy, un ex dirigente di punta di Christie’s.

Un concorrente relativamente nuovo è Artex Group con sede nel Liechtenstein, che ha creato uno mercato regolamentato per la negoziazione di azioni di opere d’arte e include il principe Venceslao del Liechtenstein tra i suoi fondatori. Invece di utilizzare una struttura di fondi, Artex sta lanciando offerte pubbliche iniziali di opere capolavori del valore di 50 milioni di dollari o più per l’equivalente in euro di 100 dollari per azione, afferma Yassir Benjelloun-Touimi, cofondatore e CEO dell’azienda.

A giugno, Artex ha iniziato a pre-marketing un’offerta secondaria di 385.000 azioni di classe B di un dipinto da 55 milioni di dollari di Francis Bacon, Three Studies for a Portrait of George Dyer. L’opera, che viene venduta da un collezionista che ha acquistato il dipinto nel maggio 2017 da Christie’s per 51,8 milioni di dollari, è stata collocata in un veicolo per scopi speciali che è quotato alla borsa Artex e regolamentato dall’Autorità per i mercati finanziari del Liechtenstein, consentendo di dividere il suo valore in titoli liquidi e negoziabili.

Offrendo capolavori, Artex crede che sarà più facile vendere una sicurezza basata sull’arte a una vasta gamma di investitori oltre a quelli che si impegnano abitualmente nel mondo dell’arte affiatato. Se la Gioconda di Leonardo da Vinci fosse messa all’asta a 3 miliardi di dollari, per esempio, forse 10 o 15 persone nel mondo potrebbero comprarla, dice Benjelloun-Touimi. Ma collettivamente, dato il numero di potenziali investitori individuali idonei nel mondo, “potremo sovrastare chiunque di loro”, dice.

Artex prevede di elencare un’opera d’arte ogni mese, con il numero di annunci che sale a uno a settimana entro il 2025, dice Benjelloun-Touimi. La società mira anche a creare un indice artistico che consentirà la creazione di un fondo exchange-traded prima della fine dell’anno.

Mintus, nel frattempo, sta progettando di offrire fino a 30 opere del valore di circa
76 milioni di sterline entro il prossimo marzo con una dimensione minima del biglietto di 3.000 dollari a ricchi investitori e istituzioni designate come “qualificate” nel Regno Unito e “accreditate” negli Stati Uniti, afferma Tamer Ozmen, fondatore e CEO ed ex dirigente Microsoft.

I dipinti saranno venduti attraverso società di portafoglio segregate, che, in alcuni casi, possono contenere un raggruppamento a tema di opere. Offre anche fondi istituzionali (con sede in Lussemburgo e nelle Isole Cayman) che possono investire in diversi dipinti, ma richiedono un investimento minimo di 100.000 dollari.

Il background Microsoft di Ozmen si presenta in una piattaforma di intelligenza artificiale che Mintus ha sviluppato come strumento di valutazione iniziale per analizzare la traiettoria potenziale di un’opera, anche se è pronto a dire che la tecnologia è nelle fasi iniziali. “Non ti dirà chi sarà il prossimo [Jean-Michel] Basquiat”, dice.

L’approccio del fondo diversificato

A parte le aziende che dividono l’arte in azioni investibili, ce ne sono altre che creano strutture più tradizionali in stile fondo comune che consentono a individui e istituzioni di investire in un portafoglio di arte. Il concetto non è nuovo. I fondi di investimento per l’arte sono esistiti fin dai primi anni ’70.

Tra le ultime generazioni ci sono diversi fondi azionari artistici diversificati lanciati da Yieldstreet, una piattaforma di investimento alternativo del mercato privato con sede a New York per gli investitori al dettaglio, e un fondo diversificato per investitori al dettaglio istituzionali e accreditati dall’Artory/Winston Art Fund.

Yieldstreet ha iniziato ad acquisire arte a ciò che Rebecca Fine, amministratore delegato della finanza artistica della società, dice che erano prezzi scontati e offrendo azioni agli investitori a partire dal 2021 attraverso una serie di fondi azionari di dimensioni che vanno da 10 milioni di dollari a 50 milioni di dollari. L’investimento minimo è di 10.000 o 15.000 dollari a seconda del fondo e le aspettative di rendimento sono all’incirca “dall’8 al 15% tenendoci prudenti “, a seconda degli artisti nel fondo, dice Fine.

Gli investitori non sanno quali opere specifiche ci sono nei fondi, ma ottengono un’analisi degli artisti i cui pezzi sono inclusi.

Artory/Winston, una joint venture tra Artory, che offre un registro blockchain di informazioni verificate su belle arti e oggetti da collezione, e Winston Art Group, un consulente e perito artistico indipendente, ha sperimentato la vendita di partecipazioni in una singola opera d’arte, ma sta mettendo la maggior parte dei suoi sforzi per raccogliere oltre 100 milioni di dollari da investitori accreditati e istituzionali per un

Il veicolo possiederà opere di artisti contemporanei emergenti, a metà carriera e affermati blue-chip e dovrebbe generare un tasso di rendimento interno di circa il 15-20%, afferma Nanne Dekking, fondatrice e CEO di Artory.

Nessuna di queste piattaforme offre agli investitori l’accesso diretto all’arte e, in molti casi, le opere sono tenute in deposito fino a quando non vengono vendute. Artex si impegna ad essere un’eccezione esponendo tutta la sua arte al pubblico, mentre Masterworks ha una galleria di New York dove vengono esposte alcune opere. I fondi non rivelano la maggior parte delle opere che possiedono. “Un’opera d’arte può trarre beneficio dal non essere vista per molto tempo”, dice Dekking.

In attesa di resi

La proprietà dell’arte frazionaria è relativamente nuova e non ci sono una vasta gamma di offerte, quindi gli individui dovrebbero essere consapevoli di dover fare affidamento sulla propria ricerca per sentirsi a proprio agio con la legittimità di qualsiasi piattaforma considerino, compresa l’esperienza del suo personale e il suo accesso all’arte di qualità a buoni prezzi.

Ci sono anche costi aggiuntivi. Masterworks aggiunge circa il 10% al suo prezzo di acquisto per un’opera prima di vendere a investitori per coprire le spese coinvolte nell’acquisto e nella detenzione del dipinto, dice Lynn. Addebita anche una commissione di gestione annuale dell’1,5% e il 20% dei profitti futuri; Mintus aggiunge una commissione del 14% ai suoi costi per l’acquisizione di un’opera d’arte, ma Ozmen dice che restituirà fino al 5% di questo costo agli investitori se un’opera viene venduta entro quattro anni. Si addebita una commissione di esecuzione del 20% dei profitti quando un’opera viene venduta, ma nessuna commissione annuale.

I dolori della crescita sono un altro fattore data la novità del mercato. Masterworks, che è diventato rapidamente di gran lunga il più grande attore con 50.000 investitori e circa 800 milioni di dollari in attività in gestione, è stato preso di mira in ArtNews alla fine dell’anno scorso per pratiche di vendita presumibilmente aggressive. L’azienda ha negato queste accuse, che attribuisce ai dipendenti che sono stati licenziati per giusta causa. Prima della pubblicazione dell’articolo, Masterworks ha presentato piani alla SEC per spostare le sue vendite a un modello di consulente per gli investimenti registrato dall’utilizzo di broker esterni, una mossa che comporta un maggiore controllo normativo ed è stata approvata a metà marzo. I portafogli dei clienti di Masterworks sono in media da 100.000 a 300.000 dollari, dice Lynn.

Masterworks aveva venduto almeno 15 opere d’arte di oltre 280 che aveva acquistato per frazionare e vendere agli investitori alla fine di maggio.

Kokhba ha indagato, osservato e infine investito in Masterworks da solo una volta che si è sentito a suo agio con l’analisi e la ricerca dell’azienda, e ha visto la prova di una vendita di successo. Vede anche l’arte come un modo efficace per diversificare i suoi investimenti, anche se non ha consultato consulenti finanziari esterni perché si aspettava che non avrebbero capito l’offerta e probabilmente non avrebbe raccomandato un prodotto da cui non potevano gestire o guadagnare una commissione.

Adriano Picinati di Torcello, il coordinatore globale dell’arte e della finanza presso Deloitte Luxembourg, concorda sul fatto che “è ancora il caso che i banchieri privati e i gestori patrimoniali non raccomandano investimenti come questo finora”.

Bank of America Private Bank, ad esempio, ha una grande pratica artistica che include un’attività significativa nel prestito contro le collezioni dei clienti, ma non vede o raccomanda l’arte come un puro investimento. “Lo consideriamo nel contesto del bilancio complessivo di [un] cliente”, afferma Watson.

Affinché la proprietà artistica frazionaria diventi ampiamente accettata, gli investitori dovranno anche vedere un track record affidabile di rendimenti che contrastino le preoccupazioni per l’illiquidità e l’incertezza dei prezzi.

Finora, Kokhba è convinto. Alla fine di dicembre 2022, ha condiviso la notizia da un’e-mail che ha ricevuto che un altro dipinto Brown in cui ha investito, There Is a Land of Pure Delight, 2011, è stato venduto da Masterworks per un rendimento del 35% al netto delle commissioni. Le azioni del dipinto, al prezzo di 899.000 dollari, erano state offerte agli investitori dopo che Masterworks ha acquistato l’opera per 810.000 dollari nel settembre 2020, secondo i documenti SEC. Il dipinto è stato infine venduto per 1,8 milioni di dollari, ha detto Masterworks nell’e-mail. “Il rendimento annuo del 35% la dice lunga per me e immagino la maggior parte degli investitori”, ha detto Kokhba in un’e-mail.

Questa storia è apparsa originariamente nel numero di giugno 2023 della rivista Penta.


19/06/23 Corriere Economia: Artex


03/06/23 Sole 24 Ore: l’arte si trasforma in azione


31/05/23 Barron’s: Artex venderà azioni negoziate in borsa di un trittico Francis Bacon da 55 milioni di dollari

Gli investitori avranno presto l’opportunità di acquistare una quota di 100 dollari di un trittico oil-on-canvas da 55 milioni di dollari di Francis Bacon.

Martedì, Artex Group, con sede a Lichtenstein, ha annunciato che offrirà 385.000 azioni di classe B in Bacon’s Three Studies for a Portrait of George Dyer attraverso un’offerta di azioni secondarie. L’ultima vendita pubblica dell’opera è stata nel maggio 2017 presso Christie’s a New York, dove è stata venduta in un’asta dal vivo per quasi 51,8 milioni di dollari a un collezionista privato.

La vendita Artex, la sua prima offerta, porta il concetto di arte frazionata in una nuova direzione creando un mercato liquido per gli investitori al dettaglio per possedere azioni di un’opera d’arte di valore attraverso uno scambio pubblico regolamentato. La maggior parte delle altre offerte artistiche frazionate sono disponibili attraverso strutture di tipo fondo privato.

Le azioni di Bacon’s Three Studies for a Portrait of George Dyer saranno quotate e negoziate sull’Artex Multilateral Trading Facility, o MTF, che è regolamentato dall’Autorità per i mercati finanziari del Liechtenstein.

Le azioni saranno denominate in euro e vendute attraverso banche e broker nominati come cosiddetti agenti di collocamento da Artex. La pre-marketing delle azioni agli investitori durerà quattro settimane, dal 19 giugno al 19 luglio, con impegni degli investitori assunti entro il 20 luglio; la negoziazione inizierà il 21 luglio.

Al contrario, Masterworks, il più grande venditore di arte frazionata negli Stati Uniti, acquista arte di artisti affermati che in genere ha un valore inferiore a 5 milioni di dollari. Le azioni di queste opere sono emesse attraverso società per scopi speciali per un investimento minimo di 15.000 dollari.

Artex creerà anche veicoli speciali per vendere ogni dipinto attraverso il suo scambio.Tre studi per un ritratto di George Dyer, ad esempio, saranno elencati su Artex MTF come Art Share 002 S.A., una LLC pubblica che consente ad Artex di dividere il valore del dipinto in titoli o azioni “regolamentati, liquidi e negoziabili”.

Il piano dell’azienda è quello di acquistare solo capolavori, dipinti del valore di 50 milioni di dollari o più, in modo che le azioni possano essere messe a disposizione di un ampio numero di investitori, secondo il co-fondatore e CEO di Artex Yassir Benjelloun-Touimi. Il principe Venceslao del Liechtenstein è anche tra i fondatori di Artex.

Three Studies for a Portrait of George Dyer è stata la prima rappresentazione di Bacon della sua musa e amante, il cui viso e corpo l’artista ha dipinto “ossessivamente” per anni, secondo una nota del catalogo di Christie del 2017. Secondo Christie’s, Dyer è apparso nelle opere di Bacon almeno 40 volte, inclusi cinque trittici.

I titoli che saranno offerti quest’estate rappresentano il 70% delle azioni di classe B dell’opera d’arte; un ulteriore 10% sarà offerto tre volte entro 12 mesi, ha detto Artex.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.