Farmaci anti obesità


11/07/24 Barron’s: La pillola per la perdita di peso di Pfizer è tornata. È Troppo Poco, Troppo Tardi.

DaJosh Nathan-Kazis eAngela Palumbo

Sono cinico ma e’ una buona notizia: quando un grossa società farmaceutica non riesce a sviluppare un farmaco nei propri laboratori lo deve per forza andare a cercare in borsa acquistando una società che li ha…

Pfizer ha comunicato giovedì di essere tornata in corsa per ottenere sul mercato una pillola efficace per la perdita di peso. L’annuncio dell’azienda, tuttavia, ha fatto poco per spazzare via le preoccupazioni intorno al suo programma orale GLP-1, e potrebbe essere troppo poco, troppo tardi.

Un anno e mezzo fa, i dirigenti di Pfizer stavano magnificando il loro programma di pillole per la perdita di peso come un potenziale megablockbuster per l’azienda, che potrebbe alla fine portare 10 miliardi di dollari all’anno di ricavi.

Poi il tutto è diventato acido. I problemi di sicurezza hanno messo da parte una delle pillole sperimentali per la perdita di peso di Pfizer e gli effetti collaterali ne hanno fatto deragliare un’altra.

Più di sei mesi dopo, Pfizer afferma di avere abbastanza fiducia in una nuova versione una volta al giorno di una delle pillole, il danuglipron, per far avanzare il farmaco verso studi più ampi.

Le azioni Pfizer sono aumentate dello 0,4% giovedì mattina, dopo essere inizialmente salite del 2,9%. Anche quello è stato un urto relativamente modesto dato il tipo di mosse fuori misura che spesso salutano le notizie sui farmaci per la perdita di peso. Gli investitori potrebbero semplicemente essere stanchi del dramma Pfizer GLP-1, specialmente quando così tanti altri produttori di farmaci stanno andando avanti con i propri programmi GLP-1 orali.

Gli attuali farmaci caldi per la perdita di peso, Zepbound di Eli Lilly e Wegovy diNovo Nordisk , sono entrambi assunti con in sezioni settimanali. Aziende e analisti affermano che le alternative orali GLP-1 potrebbero offrire gran parte della loro efficacia, ma senza gli aghi e potenzialmente a un prezzo inferiore. Ciò ha portato a una corsa precipitosa di aziende farmaceutiche e biotecnologie che cercano di mettere sul mercato le proprie pillole per la perdita di peso.

Lilly ha il suo GLP-1 orale, chiamato orfoglipron, che è in fase di test in una serie di studi di fase 3. I dati in fase avanzata potrebbero arrivare l’anno prossimo.

Novo ha un GLP-1 orale sul mercato, chiamato Rybelsus, anche se è meno efficace degli attuali iniettabili. L’azienda sta lavorando su una serie di pillole GLP-1 di nuova generazione.

Molte altre aziende hanno i loro promettenti programmi di pillole per la perdita di peso. L’elenco include Viking TherapeuticsGilead Sciences Structure Therapeutics, che sta iniziando uno studio di fase 2b della sua pillola entro la fine dell’anno.

Dato tutto questo, e i suoi 18 mesi di delusioni e ritardi, Pfizer ha perso qualsiasi vantaggio aveva una volta. Rimangono domande sui suoi candidati farmaci.

Una versione precedente di danuglipron che ha fallito alla fine dell’anno scorso è stata assunta due volte al giorno e ha avuto effetti collaterali significativi. L’idea della nuova versione una volta al giorno della pillola è che potrebbe avere un profilo di effetti collaterali più leggero ed essere più conveniente per i pazienti.

Pfizer ha affermato di avere “dati farmacocinetici incoraggianti” su una formulazione aggiornata una volta al giorno di danugliprone, il che suggerisce che l’azienda è fiduciosa che una versione una volta al giorno della pillola possa diffondersi efficacemente attraverso il corpo. Prevede di eseguire studi per determinare la dose appropriata della pillola nella seconda metà di quest’anno.

Quello che l’azienda non ha detto era se avesse dati che assicuravano che il profilo degli effetti collaterali della versione una volta al giorno di danuglipron era migliore di quello della versione due volte al giorno.

“PFE probabilmente non ha determinato quale sia il profilo di tollerabilità di Danuglipron [una volta al giorno]”, ha scritto lunedì l’analista di Jefferies Akash Tewari. “Smentiremmo le aspettative su quanto sia competitivo il programma di PFE fino a quando non avremo quei dati in 2H”.

Dati chiari su quanto sia effettivamente buona la nuova versione del farmaco potrebbero richiedere ancora più tempo. In una nota separata giovedì, l’analista di Leerink Partners David Risinger ha detto che non si aspetta dati di efficacia e tollerabilità nei pazienti obesi “fino al 2026 al più presto”.

A quel punto, Lilly potrebbe lanciare orfoglipron, la sua pillola sperimentale per la perdita di peso, e altri contendenti saranno sulla buona strada.

In una dichiarazione di giovedì, il direttore scientifico di Pfizer, Mikael Dolsten, che ha recentemente annunciato l’intenzione di lasciare l’azienda, ha affermato di ritenere che la nuova formulazione di danuglipron potrebbe essere competitiva. “Crediamo che con la formulazione di rilascio modificato preferita e l’ottimizzazione della progettazione del futuro studio, possiamo far avanzare una molecola GLP-1 orale competitiva negli studi che consentono la registrazione”, ha detto.

Alla chiusura del trading su Wednesdy, le azioni Pfizer sono diminuite dell’1,5% quest’anno e del 21% negli ultimi 12 mesi. L’azienda si sta preparando per la scadenza dei suoi brevetti su una serie di farmaci importanti, che la società ha detto che toglieranno 17 miliardi di dollari di entrate annuali entro la fine del decennio.

Mentre l’azienda ha speso molto per acquisizioni e ricerca e sviluppo negli ultimi cinque anni e ha ottenuto l’approvazione per più di 20 nuovi farmaci, gli investitori hanno dato all’azienda poco credito per questo. Il titolo è sceso di oltre il 40% l’anno scorso, in parte a causa dei suoi fallimenti nel suo programma di obesità orale, una volta uno dei pony dello spettacolo della pipeline di sviluppo di farmaci di Pfizer.

Con l’annuncio di giovedì, Pfizer sta cercando di riportare il danuglipron sul lato delle buone notizie del libro mastro. Potrebbe finire per essere un progetto a molto lungo termine.


09/07/24 Barron’s: Mounjaro di Lilly batte Ozempic di Novo nella perdita di peso, dice uno studio. Le Azioni Combattono.

DaAngela PalumboSegui

Le azioni di Eli Lilly hanno superato Novo Nordisk quest’anno.

Un nuovo studio ha rilevato che Mounjaro di Eli Lilly ha avuto più successo nell’aiutare gli utenti a perdere peso rispetto a quello di Novo Nordisk Ozempic.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine , i pazienti che hanno usato tirzepatide hanno visto una maggiore perdita di peso rispetto a quelli che hanno usato semaglutide. Tirzepatide è venduto con i marchi Mounjaro per il trattamento del diabete e Zepbound per la perdita di peso. Semaglutide è usato per il trattamento del diabete con il nome di Ozempic ed è approvato per il trattamento della perdita di peso con il marchio Wegovy.

“In questa grande analisi clinica degli adulti statunitensi con sovrappeso o obesità che hanno iniziato il trattamento con tirzepatide o semaglutide, coloro che ricevevano tirzepatide avevano maggiori probabilità di raggiungere il 5% o più, il 10% o più e il 15% o maggiore di perdita di peso e hanno sperimentato maggiori riduzioni del peso corporeo a 3, 6 e 12 mesi”, ha affermato lo studio.

In seguito al rilascio dei dati, le azioni di Novo Nordisk sono scese del 2% a 140,20 dollari martedì, mentre Eli Lilly  ha guadagnato da 1% a 927,25 dollari.

In una dichiarazione inviata a Barron’s, un portavoce di Novo ha affermato che la società accoglie con favore una ricerca indipendente che indaga sulla sicurezza e l’utilità clinica dei suoi prodotti. “Tuttavia, il modo ideale per confrontare due trattamenti è uno studio clinico randomizzato (RCT) testa a testa adeguatamente alimentato nell’obesità. Attualmente, non sono stati completati studi testa-a-testa che confrontano tirzepatide e semaglutide 2,4 mg.”

Il portavoce ha anche affermato che lo studio aveva alcune limitazioni chiave, come non fornire “informazioni sufficienti sulla dose all’inizio e alla fine del trattamento”.

Un portavoce di Lilly ha detto in una dichiarazione che, poiché l’azienda stessa non è stata coinvolta nello studio, non è in grado di commentare i risultati. Tuttavia, “stiamo studiando tirzepatide e semaglutide in partecipanti con obesità in uno studio testa a testa di fase 3b, SURMOUNT-5, che dovrebbe essere completato entro la fine dell’anno”.

Uno studio del 2023 fatto dall’American Diabetes Association e finanziato da Eli Lilly ha mostrato risultati simili, affermando che “il trattamento con tirzepatide ha dimostrato riduzioni significative del peso corporeo rispetto al placebo e al semaglutide, con conseguente maggiore riduzione della massa grassa”.

Le azioni di entrambe le società sono salite quest’anno mentre la domanda di farmaci per la perdita di peso sale alle stelle. Tuttavia, le azioni Lilly hanno sovraperformato Novo, con azioni in aumento del 57% rispetto al guadagno del 38% di Novo. Notizie diverse dall’aumento delle vendite di farmaci per la perdita di peso hanno contribuito a spingere le azioni di Lilly più in alto. All’inizio di questo mese, la Food and Drug Administration ha approvato l’attesissimo farmaco per l’Alzheimer.

Ma anche se il farmaco di Lilly si comporta meglio di quello di Novo, il problema dell’offerta rimanee potrebbe pesare sulle azioni da qui in avanti. Mentre la domanda continua ad esplodere, l’azienda sta avendo difficoltà a tenere il passo.

In una chiamata sugli utili del primo trimestre ad aprile, il CFO di Lilly Anat Ashkenazi, che presto partirà per lavorare per Alphabet, ha dichiarato che “mentre stiamo lavorando instancabilmente per aumentare l’offerta e ci aspettiamo aumenti significativi dei volumi di spedizione nella seconda metà dell’anno, la domanda continua a superare anche l’aumento dell’offerta”.


20/06/24 Barron’s: Gli sviluppatori di farmaci per l’obesità guardano a cosa c’è dopo per un mercato da 100 miliardi di dollari

DaBill AlpertSegui

Pacchetti di Wegovy si muovono lungo la linea in uno stabilimento Novo Nordisk in Danimarca a marzo.

Farmaci per la perdita di peso come Novo Nordisk Wegovy ed Eli Lilly Zepbound, ha lanciato un mercato che gli analisti si aspettano crescerà fino a 100 miliardi di dollari in 10 anni. Gli sviluppatori di farmaci di quelle aziende e di altri stanno cercando modi per migliorare quei farmaci di grande vendita.

Le persone possono perdere dal 15% al 20% del loro peso con Wegovy o Zepbound. Gli studi stanno mostrando che i trattamenti, una categoria nota come GLP-1s, riducono anche il rischio di malattie cardiache, epatiche e renali. Le vendite complessive raddoppieranno quest’anno per superare i 10 miliardi di dollari, dicono l’analista di Oppenheimer Jay Olson e i suoi colleghi in una nota di ricerca di giovedì.

Ma i medici che hanno intervistato desideravano che i farmaci fossero più economici, fossero disponibili in forma di pillola e non facessero perdere massa muscolare ai pazienti. Per diversi giorni la scorsa settimana, Olson ha ascoltato mentre gli sviluppatori di farmaci discutevano di quelle sfide in una conferenza di Boston ospitata dalla società di consulenza scientifica Hanson Wade.

Olson scrive che Lilly sta prendendo in considerazione studi farmacologici che guardano oltre la perdita di peso, per testare l’effetto dei farmaci sul rapporto tra grasso e muscolo magro, così come la distribuzione del grasso in tutto il corpo. Nuovi farmaci sarebbero testati contro quelli esistenti come Zepbound, invece dei placebo inattivi.

Novo Nordisk sta studiando famiglie che sembrano avere varianti genetiche che proteggono dall’obesità. Comprendere tali meccanismi potrebbe rivelare nuovi obiettivi per i farmaci, afferma l’analista di Oppenheimer.

I farmaci GLP-1 fanno sì che le persone consumino meno calorie, ma man mano che entrano meno calorie, i muscoli si restringono insieme al grasso. Questo è brutto perché il muscolo magro brucia calorie. I nuovi farmaci che potrebbero prevenire la perdita muscolare sono stati discussi da un gruppo di start-up e aziende a piccola capitalizzazione comeWave Life Sciences scrive Olson.

Nel prossimo decennio, gli analisti di Oppenheimer si aspettano che Lilly e Novo saranno raggiunti da molti concorrenti, tra cui Altimmune, Structure Therapeutics, Pfizer, e Viking Therapeutics. Quella concorrenza potrebbe ridurre il prezzo che i pazienti statunitensi pagano per i farmaci GLP-1 da circa 9.000 dollari all’anno dopo gli sconti a 6.000 dollari.

Al di fuori degli Stati Uniti, nei sistemi sanitari nazionali a pagamento unico, i pazienti stanno già pagando meno di 4.000 dollari.

Anche a prezzi più bassi, Oppenheimer prevede che le vendite dei farmaci GLP-1 saliranno a 100 miliardi di dollari entro il 2034. La maggior parte delle vendite andrà ancora a Novo e Lilly, dice.


17/06/24 Barron’s: Nuovi farmaci e dispositivi per la perdita di peso stanno arrivando questa settimana

DaBill AlpertSegui

Le scoperte sulla perdita di peso sono tutte emerse dal trattamento del diabete. Incontri come la prossima American Diabetes Association sono sempre più dominati dalle notizie sui farmaci per l’obesità.

Le scoperte dei farmaci per la di perdita di peso sono tutte emerse dal trattamento del diabete. Quindi gli incontri medici come il raduno del prossimo fine settimana dell’American Diabetes Association sono sempre più dominati dalle notizie sui farmaci per l’obesità di Eli Lilly,  Novo NordiskZealand Pharma,  Altimmune, e altri.

Ci saranno notizie sull’efficacia delle pillole per la perdita di peso, farmaci che prendono di mira nuovi recettori della fame e farmaci progettati per ridurre il peso ma non i muscoli. I dispositivi stanno anche seguendo i farmaci sulla strada dal trattamento del diabete ai dati sulla dieta, quindi gli investitori si aspettano che Abbott Laboratories o i monitor della glicemia Dexcom saranno utilizzati da non diabetici.

Questi farmaci e dispositivi sono stati i maggiori motori delle azioni mediche negli ultimi due anni. Lilly e Novo sono diventate le aziende farmaceutiche con il valore più alto del mondo, dopo che gli effetti di perdita di peso dei loro farmaci GLP-1 hanno sollevato le loro azioni di oltre il 160% negli ultimi due anni. Dexcom, da parte sua, è stata una delle azioni più attive nella tecnologia medica.

Lilly attualmente commercializza il tirzepatide per il diabete, come Mounjaro, e per la perdita di peso, come Zepbound. Il farmaco iniettabile si rivolge a due recettori della superficie cellulare che influenzano la fame. I discorsi alla conferenza mostreranno come il farmaco agisce sui circuiti dell’appetito nel cervello e allevia l’apnea del sonno.

La conferenza ascolterà gli studi mid-stage di una pillola Lilly che prende di mira un recettore della fame e un farmaco iniettabile retatrutide che prende di mira tre recettori della fame contemporaneamente.

Lilly e Novo fanno pagare più di 10.000 dollari all’anno per i loro farmaci, quindi gli assicuratori hanno cercato di limitare la copertura a coloro che ne hanno bisogno immediato. Per costruire un caso per una copertura più ampia, i produttori di farmaci stanno testando gli effetti dei farmaci su molte malattie che vanno dal cuore, al fegato, ai reni e al cervello.

Quindi le presentazioni di Novo descriveranno in dettaglio i risultati dello studio di fase 3 per il suo semaglutide – commercializzato come Ozempic, per il diabete, e Wegovy, per la perdita di peso – sulle malattie renali e l’insufficienza cardiaca. Ci saranno anche aggiornamenti sul suo farmaco a doppio recettore CagiSema.

Altre aziende sono in rapida ricerca di spazio nel mercato della perdita di peso. Diversi colloqui discuteranno nuovi dati sul farmaco a doppio recettore di Altimmune. La Zealand danese ha presentazioni su un farmaco in fase iniziale che spera riduca peso con solo effetti collaterali lievi. Regeneron presenterà i dati di fase 1 su un farmaco che potrebbe ridurre il peso, ma non la massa muscolare.

Quest’estate, Abbott Labs lancerà un dispositivo a forma di patch chiamato Lingo, che è il primo monitor del glucosio approvato per la commercializzazione a chiunque sia interessato alla propria salute metabolica. Ciò include persone in sovrappeso considerate “prediabetiche”, così come gli appassionati di fitness. Un evento per gli investitori Abbott alla conferenza di sabato potrebbe includere dettagli sul prodotto, scrive l’analista di Raymond James Jayson Bedford, così come un altro nuovo cerotto di monitoraggio Abbott per i diabetici di tipo 2 che non hanno bisogno di insulina.

DexCom incontrerà gli investitori domenica e Bedford darà notizie su Stelo, una patch di monitoraggio del glucosio che sarà in vendita al banco ad agosto. Ci sarà una lotta testa a testa tra DexCom e Abbott per vedere se quanti dei 30 milioni di diabetici di tipo 2 del paese pagheranno di tasca propria per il beneficio scarsamente assicurato del monitoraggio continuo del glucosio.

Mentre la patch di DexCom è approvata solo per la commercializzazione per i diabetici di tipo 2, chiunque può acquistarla. Quindi è interessante vedere una presentazione programmata per uno studio DexCom sui benefici per la salute del suo monitor del glucosio per le persone considerate prediabetiche. I Centers for Disease Control and Prevention stimano che ci siano 100 milioni di persone di questo tipo, negli Stati Uniti.

Scrivi a Bill Alpert a william.alpert@barrons.com



12/06/24 Barron’s: Si muovono i politici contro i prezzi da strozzini

Prima o poi doveva succedere: che in America i farmaci costino 5 e anche 10 volte di piu’ che negli altri paesi e’ una cosa vergognosa…

Bernie Sanders vuole citare in giudizio Novo Nordisk per il prezzo di Wegovy. Cosa c’è da sapere.

Josh Nathan-KazisFollow

Il senatore indipendente del Vermont Bernie Sanders vuole chiedere a Novo Nordisk perché il suo popolare farmaco per la perdita di peso Wegovy costa di più negli Stati Uniti che in altri paesi. 

Le azioni della casa farmaceutica danese Novo Nordisk sono state sotto pressione martedì dopo che il senatore Bernie Sanders ha dichiarato di voler citare in giudizio un alto dirigente per rispondere alle domande sui prezzi che addebita per i farmaci per la perdita di peso e il diabete Wegovy e Ozempic.

Gli ADR di Novo sono scese dell’1,3% martedì, una rara giornata al ribasso. Ma quel piccolo selloff è stato invertito mercoledì, con il titolo che è tornato a segnare livelli record. Novo è aumentato del 37,1% quest’anno e del 78,3% negli ultimi 12 mesi.

La minaccia di Sanders di un mandato di comparizione, tuttavia, attira maggiormente l’attenzione sulla fastidiosa questione dei prezzi che Novo addebita per Wegovy e Ozempic, e sulle domande su cosa significherà la spesa prevista per i farmaci per il sistema sanitario degli Stati Uniti nei prossimi anni.

Come Barron’s segnalato l’anno scorso, i prezzi elevati dei farmaci per l’obesità Novo ed Eli Lilly, insieme all’enorme domanda di farmaci, potrebbero creare una crisi di spesa per gli assicuratori, i datori di lavoro e i programmi governativi che pagano per i farmaci di questo paese.

Ecco cosa c’è da sapere sugli ultimi sviluppi.

Cosa è successo martedì?

Sanders ha annunciato che la Commissione del Senato per la Salute, l’Istruzione, il Lavoro e le Pensioni, da lui presieduta, voterà la prossima settimana un mandato di comparizione per Doug Langa, il capo delle operazioni nordamericane di Novo Nordisk, per richiedergli di “fornire una testimonianza sul motivo per cui la sua azienda addebita fino a 10-15 volte di più per Ozempic e Wegovy negli Stati Uniti rispetto ad altri paesi”.

La richiesta di un mandato di comparizione arriva a due mesi dall’inizio di un’indagine da parte del comitato HELP sui prezzi di Ozempic e Wegovy. In un discorso al Senato martedì, Sanders ha detto che i prezzi dei farmaci sono troppo alti.

“Vogliamo che Novo Nordisk smetta di derubare il popolo americano e di farci pagare prezzi che sono molto più alti di quelli che fanno in altri paesi”, ha detto Sanders, secondo un testo preparato.

Sanders ha detto che il suo staff aveva chiesto alla leadership di Novo di testimoniare, ma che avevano rifiutato. In una dichiarazione a Barron’s, Novo ha detto di aver detto allo staff di Sanders che il suo amministratore delegato, Lars Fruergaard Jørgensen, è disposto a testimoniare e ha offerto potenziali date per un’udienza.

“Sulla base della nostra continua collaborazione, riteniamo che l’emissione di un mandato di comparizione non sia necessaria”, ha affermato la società.

Quanto costano Wegovy e Ozempic?

Il prezzo di listino di Wegovy è di $ 1,350 al mese. Ozempic, il marchio con cui lo stesso farmaco viene venduto come trattamento per il diabete di tipo 2, ha un prezzo di listino di $ 935 al mese.

Tali prezzi di listino sono significativamente più elevati dei prezzi di listino degli stessi medicinali in altri paesi. Secondo un rapporto dell’agosto 2023 analisi dal gruppo di politica sanitaria KFF, Wegovy costa $ 328 al mese in Germania e $ 296 al mese nei Paesi Bassi. Ozempic costa $ 103 al mese in Germania e $ 83 al mese in Francia.

Questi costi potrebbero davvero creare una crisi di spesa?

Come Barron’s Segnalato L’anno scorso, il costo di Wegovy e del farmaco simile Zepbound di Lilly potrebbe creare vere sfide per i contribuenti nei prossimi anni.

Un KFF rapporto ad aprile ha scoperto che 3,6 milioni di beneficiari di Medicare potrebbero essere idonei per la copertura Medicare delle prescrizioni di Wegovy in base a nuove linee guida che consentono al programma di pagare per Wegovy quando prescritto per ridurre il rischio di infarto e ictus nelle persone in sovrappeso o obese.

Se solo il 10% di queste persone usasse effettivamente il farmaco, ha scritto KFF, e i piani Medicare Part D che lo coprono assicurassero uno sconto del 50%, costerebbe a Medicare 2,8 miliardi di dollari all’anno.

Il sollievo potrebbe venire dal programma di negoziazione dei prezzi di Medicare creato nell’ambito dell’Inflation Reduction Act. Il Congressional Budget Office ha dichiarato all’inizio di quest’anno che si aspetta che semaglutide, il principio attivo di Wegovy e Ozempic, venga selezionato per la negoziazione dei prezzi “entro i prossimi anni”.

E per quanto riguarda i Compounded GLP-1 Shots?

Hims & Hers Health Inc.  ha annunciato il mese scorso che avrebbe offerto semaglutide composto prodotto da BPI Labs. Alcune farmacie di compounding sono autorizzate a fare copie di un farmaco di marca quando il farmaco non è disponibile a causa di carenze.

Le case farmaceutiche di marca affermano che i farmaci composti sono potenzialmente pericolosi. Hims & Hers sta vendendo il suo semaglutide composto per $ 199 al mese. L’azienda non stipula assicurazioni.

Quanto è importante per Novo la minaccia di citazione in giudizio?

L’enorme domanda di Wegovy sembra destinata a isolare Novo da qualsiasi grave battuta d’arresto nel breve termine, ma la questione dei prezzi dei farmaci ha sempre il potenziale per innescare una tempesta politica. In un anno elettorale imprevedibile, è difficile dire con certezza dove stanno andando le cose.

L’ADR di Novo ha riguadagnato terreno mercoledì, salendo dell’1,2%, mentre l’S&P 500 è salito dell’1,2%.

Scrivi a Josh Nathan-Kazis all’indirizzo josh.nathan-kazis@barrons.com


21/05/24 Barron’s: Nestlé e altri produttori di alimenti si rivolgono agli utenti di Wegovy e Ozempic

La crescente popolarità dei farmaci per la perdita di peso ha Investitori di aziende alimentari e di bevande preoccupato per le vendite che soffrono perché le persone che assumono i farmaci tendono a mangiare di meno. Ma alcune aziende vedono un’opportunità per servire questo numero in rapida crescita di osservatori del peso.

Il conglomerato alimentare svizzero Nestlé ha dichiarato martedì che sta lanciando un nuovo marchio di alimenti surgelati negli Stati Uniti specificamente progettato per i consumatori che assumono farmaci GLP-1 come Ozempic e Wegovy o quelli focalizzati sulla gestione del peso in generale.

Le persone che assumono farmaci per la perdita di peso tendono a desiderare cibi che contengono quantità inferiori di zuccheri e grassi. Man mano che perdono peso, tuttavia, molti si preoccupano anche di perdere massa muscolare e vogliono più proteine nella loro dieta. Gli osservatori del peso si concentrano anche maggiormente sul controllo delle porzioni e sull’equilibrio dei nutrienti, pur cercando un gusto eccezionale.

Vital Pursuit è il primo marchio alimentare di Nestlé destinato agli utenti GLP-1, con l’obiettivo di “integrare le abitudini alimentari di milioni di americani a cui viene attualmente prescritto un farmaco per la perdita di peso o che lavorano attivamente per gestire il proprio peso”, ha affermato Nestlé.

I prodotti Vital Pursuit sono ricchi di proteine, contengono molte fibre e nutrienti essenziali e sono in linea con l’appetito di un utente di farmaci per la perdita di peso. La gamma iniziale comprende ciotole con cereali integrali o pasta proteica, sandwich sciolti e pizze.

Nestlé prevede di vendere gli articoli a un prezzo pari o inferiore a 4,99 dollari a partire dal quarto trimestre.

Nestlé possiede già Lean Cuisine, un marchio che si concentra sui consumatori che vogliono limitare le loro calorie. Vital Pursuit è più specificamente progettato per coloro che assumono farmaci GLP-1, che potrebbero voler consumare più nutrienti, come le proteine, per prevenire la perdita muscolare associata ai farmaci, ha detto l’azienda.

“In Nestlé vogliamo essere presenti in ogni momento della vita dei nostri consumatori, oggi e in futuro”, ha dichiarato il CEO dell’azienda per il Nord America, Steve Presley, in un comunicato. “Poiché l’uso di farmaci per sostenere la perdita di peso continua ad aumentare, vediamo un’opportunità per servire quei consumatori”.

Tuttavia, il gigante alimentare prevede che la sua crescita globale rallenterà quest’anno poiché i consumatori stanchi dell’inflazione acquistano meno dei suoi prodotti. Il prezzo delle sue azioni è sceso del 16% negli ultimi 12 mesi. Nestlé è stata recentemente un La scelta delle azioni di Barron. Il titolo è sceso dello 0,8% martedì, mentre l’S&P 500 è sceso dello 0,1%.

Secondo l’American Pharmacists Association, a un adulto su 60 è stato prescritto un farmaco GLP-1 nel 2023 e si prevede che il numero aumenterà. J.P. Morgan prevede che il totale degli utenti di GLP-1 negli Stati Uniti potrebbe raggiungere i 30 milioni entro il 2030, circa il 9% della popolazione.

Nestlé non è l’unica azienda alimentare che guarda al crescente mercato degli osservatori del peso. Simply Good Foods, con sede a Denver, ha dichiarato questo mese che prevede di rivitalizzare il suo marchio di dieta a basso contenuto di carboidrati Atkins nei prossimi 12-18 mesi per soddisfare la crescente domanda dei consumatori di farmaci GLP-1.

L’azienda ha recentemente lanciato un nuovo prodotto chiamato Atkins Strong che offre più proteine e idratazione, aiutando ad alleviare i problemi intestinali che a volte derivano dall’uso di farmaci GLP-1. I prodotti sono ben accettati dai rivenditori, ha detto la società.

“Credo che stiamo entrando in una nuova ondata di rilevanza culturale per il peso guidata da questi farmaci GLP-1”, ha detto il CEO Geoff Tanner durante l’ultima chiamata sugli utili dell’azienda la scorsa settimana, “La più grande opportunità per Atkins è quando le persone perdono peso, a chi si rivolgono?”

Simply Good Food sta affinando la sua pubblicità per posizionarsi come un modo sostenibile per i consumatori di aggrapparsi ai guadagni fisici ed emotivi dei farmaci per la perdita di peso, ha detto Tanner.

Anche altri sperano di trarne beneficio. Poiché i farmaci per la perdita di peso limitano l’apporto calorico delle persone, le bevande energetiche possono diventare più popolari per coloro che desiderano una sferzata di energia, ha affermato Toby David, capo del personale della società di bevande energetiche Celsius, in una conferenza di marzo.

“Penso che siamo la scelta naturale per le persone che stanno cercando di perdere peso”, ha detto agli investitori.


12/05/24 Sole 24 Ore: analisi di Eli Lilly


09/05/24 Barron’s: Novo Nordisk punta a un successore duraturo del suo blockbuster per la perdita di peso

Josh Nathan-Kazis

L’entusiasmo per Wegovy ha aumentato del 50% l’ADR di Novo Nordisk negli ultimi 12 mesi. 

Novo Nordisk  ha cavalcato l’onda mostruosa dell’entusiasmo per Wegovy, il suo vaccino contro l’obesità una volta alla settimana, per diventare l’azienda di maggior valore d’Europa. Ora, dice che sta iniziando a lavorare su un farmaco per la perdita di peso di follow-up che durerebbe più a lungo e potrebbe essere prodotto più facilmente.

Giovedì, l’azienda ha svelato un progetto di ricerca volto ad aggiungere fino a due altri trattamenti per l’obesità alla sua vasta pipeline, che include già una lunga lista di farmaci sperimentali per l’obesità in fase di sperimentazione in studi clinici.

Gli analisti si aspettano che i suoi farmaci per la perdita di peso battano i record di vendita farmaceutica nei prossimi anni. L’attuale stima di consenso di FactSet prevede che le vendite di Wegovy nel 2029 raggiungano i 19,7 miliardi di dollari e le vendite di CagriSema, che combina Wegovy con un secondo farmaco e non ha ancora l’approvazione della Food and Drug Administration, raggiungano i 14,5 miliardi di dollari. Gli ADR di Novo sono aumentate del 50% negli ultimi 12 mesi.

Il nuovo sforzo di ricerca aiuterebbe a tracciare il futuro di Novo al di là di Wegovy e CagriSema. L’azienda collaborerà con Metaphore Biotechnologies, una società biotech privata fondata da Flagship Pioneering, la società di venture capital che ha creato Moderna nota per i suoi vaccini contro il Covid-19, tra le altre importanti aziende biotecnologiche.

Novo pagherà fino a 600 milioni di dollari in pagamenti anticipati e milestone, oltre a royalties su qualsiasi potenziale prodotto futuro. Il denaro sarà diviso tra Metaphore e un’unità interna di sviluppo di farmaci di punta chiamata Pioneering Medicines.

“Quello che stiamo cercando è di sviluppare una terapia di nuova generazione con un’elevata efficacia come requisito di base”, ha detto a Barron’s Uli Stilz, che dirige il Bio Innovation Hub di Novo a Cambridge, nel Massachusetts. “Stiamo anche cercando di sviluppare una terapia che abbia una durata… in modo da poter fare dosaggi poco frequenti”.

Wegovy e EZepbound, un farmaco simile di Eli Lily, viene iniettato una volta alla settimana. “Naturalmente è ancora presto, ma certamente aspiriamo ad andare oltre”, ha detto Stiltz.

Stilz ha anche affermato che la piattaforma di Metaphore potrebbe consentire lo sviluppo di un farmaco che potrebbe essere più facile da produrre, una questione chiave per Novo. Ha faticato a tenere il passo con la domanda di Wegovy e di Ozempic, la versione dello stesso farmaco che viene venduto come trattamento per il diabete di tipo 2.

È troppo presto per stimare quanto tempo potrebbe essere necessario per portare un farmaco dal programma in clinica per i test, ha detto Stiltz.

Metaphore, lanciato un anno fa, mira a creare farmaci utilizzando un approccio di apprendimento automatico che prevede la mappatura delle interazioni tra le molecole e la creazione di composti che imitano tali interazioni.

Novo ha affermato che la collaborazione mira a portare allo sviluppo di “fino a due” farmaci che prendono di mira il recettore GLP-1, quello preso di mira da Wegovy, e “la biologia correlata”. L’accordo fa parte di una più ampia collaborazione tra Novo e Flagship che finora include altre due partnership di ricerca.


14/03/24 Sole 24 Ore: Amazon distribuisce i farmaci Ely Lilli//


08/03/24 Barron’s: La FDA approva Wegovy per prevenire gli attacchi di cuore, aprendo la porta a una copertura più ampia

DaJosh Nathan-KazisSegui

La FDA ha affermato che il farmaco per la perdita di peso di Novo Nordisk Wegovy può essere prescritto per le malattie cardiache.

La Food and Drug Administration venerdì tardi ha detto che il farmaco per la perdita di peso di Novo Nordisk Wegovy può essere prescritto per ridurre il rischio di attacchi di cuore e ictus, una decisione che probabilmente renderà il farmaco idoneo alla copertura sotto Medicare per la prima volta.

È la prima approvazione di questo tipo per un farmaco per l’obesità e uno che potrebbe ridurre drasticamente la capacità degli assicuratori sanitari di limitare l’accesso al farmaco.

Wegovy ha il potenziale per beneficiare milioni di adulti americani, più del 40% dei quali sono obesi. Ma il farmaco ha un prezzo di listino di oltre 16.000 dollari all’anno e i costi per esso e farmaci simili potrebbero piegare il sistema sanitario, data l’enorme domanda.

I piani sanitari hanno pianificato modi per limitare l’accesso a Wegovy, ma molte delle strategie per limitare l’uso di Wegovy si basano su restrizioni specifiche per i farmaci per la perdita di peso.

Medicare, ad esempio, non è autorizzato a pagare i farmaci per la perdita di peso e Medicaid non è tenuto a coprirli. La nuova approvazione della FDA di Wegovy per ridurre il rischio di morte cardiovascolare negli adulti obesi o in sovrappeso con malattie cardiovascolari potrebbe consentire al farmaco di aggirare tali regole.

“Con un’indicazione approvata dalla FDA per un trattamento per la prevenzione di eventi cardiovascolari come infarto e ictus, mi aspetterei che Wegovy sia ora disponibile per la copertura” nell’ambito del beneficio del farmaco da prescrizione Medicare, ha detto Juliette Cubanski, vicedirettore del programma sulla politica Medicare presso il gruppo di ricerca sulla politica sanitaria KFF.

Cubanski ha definito l’approvazione un “punto di svolta” nella copertura di Medicare degli agonisti del recettore GLP-1, la classe di farmaci a cui appartengono Zepbound di Wegovy ed Eli Lilly

I piani di farmaci da prescrizione di Medicare sono gestiti privatamente e Cubanski ha detto che non è chiaro se i piani copriranno tutti Wegovy.

“Mi aspetterei che i piani impongano requisiti di autorizzazione preventiva per garantire che l’uso non si espanda oltre la popolazione indicata in questa nuova approvazione”, ha detto. “I piani vorranno assicurarsi di pagare per Wegovy solo quando viene utilizzato da persone con malattie cardiovascolari e obesità e solo come trattamento cardiovascolare, non quando viene utilizzato solo come trattamento per la perdita di peso”.

La nuova approvazione si basa sui risultati di una sperimentazione che la società ha annunciato per la prima volta a novembre che ha misurato la capacità di Wegovy di ridurre il rischio di ictus e attacchi di cuore. Secondo la FDA, il 6,5% dei pazienti trattati con Wegovy nello studio di 17.600 soggetti ha avuto un evento cardiovascolare avverso importante, come un attacco di cuore o un ictus, rispetto all’8% dei partecipanti al placebo.

le azioni di Novo non sembravano rispondere all’annuncio e il titolo era in calo dell’1,7% il giorno del trading di venerdì pomeriggio. La società ha prodotto molte notizie negli ultimi giorni e la sua ricevuta del depositaria americano è salita dell’8,9% giovedì dopo una presentazione dell’investitore che includeva dati molto promettenti su una sperimentazione in fase iniziale di una nuova pillola per l’obesità.

Come riportato da Barron lo scorso settembre, gli alti costi di Wegovy e del farmaco simile Zepbound di Eli Lilly rappresentano una minaccia significativa per il sistema sanitario, date le enormi dimensioni del mercato potenziale.

I ceppi stanno già iniziando a mostrarsi. A gennaio, il New York Times ha riferito che il piano assicurativo per i lavoratori statali della Carolina del Nord ha deciso di smettere di pagare i farmaci per la perdita di peso .

Non è chiaro se l’espansione dell’etichetta di venerdì per Wegovy aprirà le porte per la copertura. Per ora, un importante fattore limitante rimane l’offerta di Wegovy. Novo sta lavorando per espandere la sua capacità di produrre Wegovy, ma per ora dice che la domanda continua a superare l’offerta.


09/03/24 Barron’s: Wegovy e Zepbound sono re. Chi cerca di toglier loro la corona.

DaJosh Nathan-KazisSegui

Wegovy penne per iniezione per la perdita di peso.

Mentre gli analisti di Wall Street continuano ad aumentare le loro aspettative di vendite per il farmaco per l’obesità di Eli Lilly, sempre più aziende si stanno preparando a sparare il trono di Zepbound.

Lilly e il suo concorrente Novo Nordisk finora hanno dominato il campo dei farmaci per l’obesità altamente efficaci e probabilmente continueranno a farlo per anni. Ma altri contendenti stanno iniziando ad emergere dal laboratorio, alcuni di loro con il potenziale per spodestare Zepbound e Novo’s Wegovy quando usciranno sul mercato.

Le stime di consenso ora hanno le vendite di Zepbound che salgono a 16,9 miliardi di dollari entro il 2029, secondo FactSet, una cifra che non include i 24 miliardi di dollari di vendite previste per Mounjaro, il marchio con il quale Lilly vende lo stesso farmaco come trattamento per il diabete di tipo 2.

Alcuni analisti sono molto più rialzisti. In una nota pubblicata il 1° marzo, Geoff Meacham della Bank of America ha scritto che si aspetta che le vendite annuali del farmaco Lilly superino i 60 miliardi di dollari entro il 2024, comprese le vendite tra obesità, diabete di tipo 2 e altre possibili indicazioni ancora da approvare.

Le vendite dei farmaci stanno ancora aumentando, ma i concorrenti si stanno già facendo strada attraverso le pipeline aziendali.

Giovedì, Novo ha presentato in anteprima un farmaco che potrebbe alla fine essere il suo principale trattamento di perdita di peso di prossima generazione. La società ha affermato che i pazienti in uno studio molto piccolo di una versione di pillola una volta al giorno di un farmaco chiamato amicretina hanno perso il 13% del loro peso corporeo dopo 12 settimane. Sembra meglio di Wegovy, che ha offerto una perdita di peso del 9,8% dopo 20 settimane in una prova.

I promettenti nuovi dati di Novo, sebbene precoci, stanno rifocalizzando l’attenzione sulla vasta e crescente pipeline di farmaci per l’obesità. A parte l’amicretina, ecco alcuni dei farmaci da tenere d’occhio che potrebbero competere con Zepbound e Wegovy nei prossimi anni.

Il retatrutide di Lilly

Questo è il capostipite della prossima ondata di farmaci per la perdita di peso; quello da battere. In uno studio di medio stadio, Lilly afferma che i pazienti che hanno assunto il farmaco hanno perso il 24,2% del loro peso corporeo a 48 settimane. Ciò si confronta con la perdita di peso media del 18% per i pazienti su Zepbound dopo 72 settimane. Mentre Zepbound si rivolge ai recettori per gli ormoni chiamati GLP-1 e GIP, la retatrutide si rivolge a entrambi questi recettori e a un terzo, chiamato GCG.

I dati di fase 3 di quattro diversi studi di retatrutide potrebbero arrivare all’inizio del 2026. Se tutto va bene, l’approvazione potrebbe arrivare verso la fine del decennio.

Orforglipron di Lilly

Mentre la retatrutide sembra impostare l’asticella sull’efficacia, l’azienda sta anche sviluppando una pillola per la perdita di peso chiamata orforglipron. I pazienti hanno perso il 12,6% del loro peso corporeo dopo 26 settimane di orforglipron in uno studio a metà stadio. Lilly elenca nove studi di fase 3 di orforgliprone con date di completamento primario nel corso del prossimo anno.

Therapeutics Viking VKTX

Il biotech Viking ha detto alla fine di febbraio che in uno studio mid-stage, i pazienti a cui è stato somministrato il suo farmaco VK2735 hanno perso per via sottocutanea il 14,7% del loro peso corporeo dopo sole 13 settimane. VK2735, come Zepbound, si rivolge sia a GLP-1 che a GIP. Gli analisti hanno detto che i dati sembravano paragonabili a retatrutide e le azioni di Viking sono aumentate di oltre il 120% il giorno in cui i dati sono stati rilasciati. L’azienda è salita immediatamente in cima alla lista dei potenziali grandi obiettivi di acquisizione farmaceutica.

Viking non ha ancora iniziato una sperimentazione di fase 3 di VK2735 e la tempistica di sviluppo del farmaco è in ritardo rispetto a quella di retatrutide. L’azienda sta anche testando una versione orale di VK2735 in uno studio in fase iniziale in corso. Le azioni sono scese del 18,8% giovedì dopo che Novo ha presentato in anteprima i suoi dati sull’amicretina.

 danuglipron di Pfizer

Pfizer ha pubblicizzato pesantemente il suo programma di farmaci per la perdita di peso all’inizio del 2023, ma gli sforzi dell’azienda per trovare una pillola per la perdita di peso per andare contro l’orforglipron di Lilly si sono scontrati con ripetuti fallimenti nel corso dell’anno. A dicembre, la società ha detto che stava abbandonando lo sviluppo della versione due volte al giorno della sua pillola, anche se avrebbe continuato a lavorare su una versione una volta al giorno. Da allora non ci sono state notizie. In una conferenza delle banche d’investimento a marzo, il direttore finanziario di Pfizer David Denton ha detto che Pfizer avrebbe avuto più dati sulla versione una volta giornaliera entro “metà anno quest’anno”.

Structure Therapeutics GPCR 

GSBR-1290 è stata una delle pillole sperimentali per l’obesità più viste nelle pipeline biotecnologiche. La pillola si rivolge ai recettori GLP-1, simili a Wegovy. La società ha riportato i dati di uno studio di metà fase a dicembre che sembrava deludere gli investitori, portando alla vendita del titolo. I pazienti con obesità hanno sperimentato una perdita di peso corretta per placebo del 4,7% del loro peso corporeo dopo otto settimane, appena al di sotto delle prestazioni di orfoglipron in uno studio simile.

Structure lancerà uno studio di fase 2b sull’obesità di GSBR-1290 nel quarto trimestre di quest’anno e uno studio di fase 2 sul diabete di tipo 2 nella seconda metà dell’anno.

CagriSema di Novo

Molto più avanti nello sviluppo dell’amicretina di Novo è CagriSema, un medicinale iniettabile che combina il principio attivo di Wegovy con un altro medicinale chiamato cagrilintide. Novo sta testando CagriSema in una lunga lista di studi di fase 3 in corso, tra cui uno che esaminerà la perdita di peso e un altro che testerà la sua efficacia di perdita di peso testa a testa contro Zepbound.


07/03/24 Barron’s: Le azioni di Novo Nordisk aumentano sui risultati della sperimentazione sul farmaco per la perdita di peso.

DaBrian SwintSegui

Le azioni biotecnologiche hanno battuto di recente il mercato più ampio. 

Le Azioni del produttore di farmaci danese Novo Nordisk  sono salite ad un nuovo record Giovedì quando la società ha riportato risultati promettenti di test per il suo nuovo farmaco per la perdita di peso.

Novo Nordisk ha detto che il suo nuovo trattamento per la perdita di peso, chiamato Amycretin, sembrava ancora più efficace del suo popolare farmaco Wegovy.

Il titolo è salito di oltre il 7% nella borsa di Copenaghen. Le sue ADR a NY sono salite dell’8,4% a 135,28 dollari, il che sarebbe un nuovo massimo storico. I guadagni hanno spinto la capitalizzazione di mercato dell’azienda al di sopra di 560 miliardi di dollari, mettendo Novo Nordisk sulla buona strada per superare Tesla .

L’ADR di Novo Nordisk è salito del 31% quest’anno e quasi raddoppiata negli ultimi 12 mesi.

Le azioni biotecnologiche in generale sono aumentate bruscamente. Il fondo negoziato in borsa SPDR S&P Biotech è aumentato del 26% negli ultimi tre mesi, rispetto 12% dello S&P 500 . Eli Lilly, l’azienda americana che è uno dei più grandi rivali di Novo Nordisk nei trattamenti per la perdita di peso, è scivolata dello 0,3% giovedì, ma ha guadagnato il 32% in tre mesi.

Viking Therapeutics, che ha sviluppato il proprio farmaco per la perdita di peso, è sceso del 13% giovedì. Entrando nella sessione, però, le sue azioni hanno guadagnato il 340% negli ultimi tre mesi.

Pfizer, un’altra grande azienda farmaceutica che ha cercato di sviluppare i propri trattamenti per aiutare le persone a perdere chili, ha abbandonato una pillola su cui stava lavorando all’inizio di dicembre dopo scarsi risultati degli studi. Le sue azioni sono ritirate del 5,4% in tre mesi.


01/03/24 Barron’s: Le azioni di Eli Lilly possono aumentare del 33%, dice l’analista. È di più dei farmaci per la perdita di peso.

DaAngela PalumboSegui

BofA Securities ha affermato che mentre gli investitori riconoscono il potenziale dei farmaci per il diabete e l’obesità di Lilly, altri trattamenti che sta testando sono sottovalutati.

 Le azioni di Eli Lilly stavano guadagnando venerdì dopo che un analista di BofA Securities ha definito l’azienda farmaceutica un “nome preferito nella nostra copertura Biopharma”, citando una solida pipeline di potenziali farmaci presso l’azienda farmaceutica.

L’analista di BofA Securities Geoff Meacham ha aumentato il suo obiettivo di prezzo su Lilly a 1.000 dollari da 800 dollari. Ciò implica un guadagno del 33% dal prezzo di chiusura del titolo giovedì.

“Mentre gli investitori riconoscono chiaramente l’opportunità commerciale per Mounjaro (diabete) e Zepbound (obesità), sosterremo che ulteriori opportunità nelle malattie cardiache (HFpEF; fase 3), nell’apnea ostruttiva del sonno (OSA; fase 3) e nelle malattie del fegato (NASH; fase 2) sono ampiamente sottovalutate”, ha detto Meacham in una nota di ricerca.

Le azioni di Lilly sono aumentate del 145% negli ultimi 12 mesi in risposta all’eccitazione tra gli investitori per la domanda di farmaci per la perdita di peso.

Il farmaco per la perdita di peso di Lilly Zepbound, che è diventato disponibile a dicembre, ha avuto vendite nel quarto trimestre di 175,8 milioni di dollari, più del doppio dei 75 milioni di dollari previsti dagli analisti. Le entrate per il farmaco per il diabete Mounjaro sono state di 2,2 miliardi di dollari, al di sopra della richiesta di consenso per 1,73 miliardi di dollari.

Gli analisti sono generalmente ottimisti sulle prospettive. Venti dei 28 analisti intervistati da FactSet dicono che il titolo è un Buy, cinque lo valutano a Hold e tre lo chiamano Sell.

Il 16 febbraio, l’analista di Morgan Stanley Terence Flynn ha aumentato il suo obiettivo di prezzo su Lilly a 950 dollari da 805 dollari, mantenendo un rating di sovrappeso. Ha chiesto se Lilly potesse essere il primo titolo biofarmaceutico da 1 trilione di dollari. Per raggiungere questo obiettivo, le azioni dovrebbero raggiungere 1.053,40 dollari.


27/02/24 MarketWatch: Le azioni di Viking Therapeutics raddoppiano grazie alla ricerca degli investitori di azioni a basso costo nella corsa alle medicine anti obesità.

di Ciara Linnan

Viking ha pubblicato risultati positivi da uno studio di fase media di un farmaco per la perdita di peso

Le azioni di Viking Therapeutics Inc. sono aumentate del 114% martedì a un livello record, dopo che la società ha annunciato risultati positivi da una sperimentazione di fase 2 del suo farmaco per la perdita di peso VK2735, un agonista del recettore GLP-1 che sta sviluppando sia in forma iniettabile che orale come trattamento per l’obesità e il diabete.

Lo studio ha soddisfatto tutti gli endpoint primari e secondari, mostrando riduzioni statisticamente significative del peso corporeo a tutte le dosi rispetto al placebo, ha detto la società.

I pazienti che ricevevano dosi settimanali del farmaco per via sottocutanea hanno perso fino al 14,7% del loro peso corporeo rispetto al basale dopo 13 settimane. Il trattamento è stato sicuro e ben tollerato con il 95% degli eventi avversi che erano per lo più gastrointestinali ritenuti lievi o moderati. La maggior parte degli eventi avversi si è verificata all’ inizio dello studio e i pazienti sono ripresi rapidamente.

“Fino all’88% dei pazienti nei gruppi di trattamento VK2735 ha raggiunto una perdita di peso >=10%, rispetto al 4% per il placebo”, ha detto Viking in una dichiarazione.

Viking sta progettando di incontrare la Food and Drug Administration per discutere i prossimi passi e ha ospitato una teleconferenza alle 8 del mattino. Ora orientale con ulteriori dettagli.

La notizia ha rallegrato gli investitori alla ricerca di un ingresso più economico nella tendenza dei farmaci per la perdita di peso rispetto a quello offerto dai due leader del settore, Eli Lilly & Co. Inc.e il Novo Nordisk della Danimarca.

Le azioni di Viking sono ora scambiate a 82 dollari, dopo aver chiuso lunedì appena sopra i 38 dollari. Eli Lilly è scambiato sopra i 764 dollari, mentre l’ADR di Novo Nordisk è superiore a 121 dollari.

Le azioni di Viking non possono ancora essere valutate in base ai tradizionali rapporti prezzo/guadagni a termine o prezzo-vendita. Le stime di consenso tra gli analisti intervistati da FactSet sono state negative fino al 2026, prima dell’apertura del mercato martedì. Le stime delle vendite di consenso per Viking fino al 2026 erano pari a zero per il 2024, 1 milione di dollari per il 2025 e 58 milioni di dollari per il 2026.

Dieci analisti che lavorano per società di intermediazione intervistati da FactSet coprono Viking e tutti hanno valutazioni di acquisto sul titolo. Le stime potrebbero essere modificate in modo significativo nei prossimi giorni per riflettere le notizie di martedì.

Sulla base dei prezzi di chiusura di lunedì, il rapporto prezzo/utagli a termine per Eli Lilly è stato di 57,7. Il P/E in avanti per le ricevute del depositario americano di classe B di Novo Nordisk era di 35,7.

In confronto, i rapporti P/E a termine ponderati erano 20,6 per l’S&P 500, 19,6 per il settore sanitario S&P 500, 17,4 per il gruppo industriale del settore biotecnologico S&P 500 e 19,5 per il gruppo dell’industria farmaceutica S&P 500, secondo FactSet.

William Blair ha detto che i dati mostrano che VK2735 ha sovraperformato anche le aspettative più alte.

“È nostra opinione che l’entità della perdita di peso aggiustata per placebo del 13,1%, alla dose più alta di 15 mg, rifletta un profilo best-in-class tra gli agenti approvati e sperimentali con dati di fase II”, hanno scritto gli analisti Andy Hsieh e Alexandra Ramsey in una nota ai clienti.

La nota ha riconosciuto che ci sono limiti al confronto tra gli studi, ma Zepbound di Lilly ha mostrato una perdita di peso di circa l’8% corretta per il placebo in 12 settimane.

“Mentre aspettiamo con impazienza i dati completi che saranno presentati in una futura conferenza (probabilmente la conferenza dell’American Diabetes Association, 21-24 giugno), stiamo cambiando la nostra posizione per credere che VK2735 abbia il potenziale per mostrare un profilo di efficacia potenzialmente migliore rispetto a Zepbound (in precedenza, il nostro caso di base era che sono clinicamente equivalenti),” hanno scritto.

I trattamenti iniettabili e orali di Viking utilizzano lo stesso meccanismo di Wegovy e Ozempic di Novo Nordisk e Mounjaro di Lilly, imitando gli effetti del GLP-1, un ormone intestinale che può aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue e ridurre l’appetito. GLP sta per peptide glucagon-like.

Lo studio di fase 2 ha coinvolto 176 adulti obesi o in sovrappeso, con almeno una condizione di comorbidità correlata al peso. Ciò è stato aumentato rispetto a un piano originale per iscrivere solo 125 pazienti, a causa dell’aumento degli interessi dei medici e dei pazienti, ha detto l’amministratore delegato Brian Lian agli analisti della chiamata.

Differenze statisticamente significative rispetto al placebo sono state mantenute nel corso dello studio e la perdita di peso sembrava essere progressiva e non ha mostrato evidenza di plateau, ha detto.

La società si aspetta ancora i dati dalla prova di una versione orale di VK2735 alla fine di questo trimestre, ha detto Lian. Gli analisti sono entusiasti di una versione in pillola del farmaco, che sarebbe molto più facile da gestire per i pazienti rispetto alle attuali versioni iniettabili.

Viking sta anche sviluppando un trattamento per la NASH, o steatoepatite non alcolica. La NASH è una versione più grave della malattia del fegato grasso non alcolico, o NAFLD, una serie di condizioni che si verificano quando il grasso in eccesso si accumula nelle cellule del fegato.

NASH è la ragione principale per cui i pazienti richiedono trapianti di fegato e ci sono grandi speranze per le terapie attualmente in fase di sviluppo.

Lian ha detto che il meccanismo alla base di VK2735 “sembra essere applicabile” per l’uso in NASH, e questo potrebbe essere un’ulteriore indicazione per il trattamento.

“Penso che per ora dirigeremo le nostre risorse verso l’obesità, ma questa sarebbe un’indicazione ovvia che potrebbe vedere qualche beneficio dal meccanismo”, ha detto agli analisti, secondo una trascrizione di FactSet.

 Il titolo ha guadagnato il 562% negli ultimi 12 mesi, mentre l’S&P 500SPX, -0,05%ha guadagnato il 27%.

Gli alti rapporti P/E avanti per Elli Lilly e Novo Nordisk riflettono le aspettative degli analisti per i continui e rapidi aumenti delle vendite e degli utili delle società. Ecco un confronto dei tassi di crescita annuali composti attesi (CAGR) per le aziende, l’S&P 500 e tre gruppi industriali fino al 2025:

AziendaTickerVendite stimate CAGR dal 2023 al 2025EPS CAGR stimato dal 2023 al 2025
Eli Lilly e Co.LLY,-0.51%21,8%68,6%
Novo Nordisk A/S ADR Classe BNVO,-1.09%20.7%22,5%
S&P 500SPX5,4%12,1%
Settore sanitario S&P 5006,4%14,1%
Industria biotecnologica S&P 5004.0%9,6%
Industria farmaceutica S&P 5005,8%26,7%
Fonte: FactSet

06/02/24 Barron’s: Eli Lilly pubblica gli utili e il titolo sale .

DaJosh Nathan-KaziseAdam ClarkSegui

 Le azioni di Eli Lilly sono in rialzo martedì dopo che la società ha riportato utili e ricavi trimestrali al di là delle aspettative.

Lilly ha registrato utili del quarto trimestre di 2,49 dollari per azione, in aumento del 19% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le entrate sono aumentate del 28% a 9,35 miliardi di dollari.

Gli analisti si aspettavano che la società riportasse guadagni di 2,30 dollari per azione, secondo FactSet e vendite totali di 8,9 miliardi di dollari per il quarto trimestre del 2024.

Lilly ha detto che Zepbound, la sua nuova medicina per l’obesità, ha generato 175,8 milioni di dollari di entrate. Zepbound è stato lanciato negli Stati Uniti per il trattamento di pazienti adulti con obesità a novembre.

Eli Lilly ha detto che per il 2024 nel complesso si aspetta entrate nell’intervallo da 40,4 miliardi di dollari a 41,6 miliardi di dollari e utili rettificati nell’intervallo da 12,20 a 12,70 dollari per azione.

Il produttore di farmaci Eli Lilly ha dato agli investitori un primo sguardo ai dati di vendita di Zepbound, la sua nuova medicina per l’obesità, arrivata alle farmacie all’inizio di dicembre e gli analisti si aspettano 75 milioni di dollari di vendite per il trimestre, secondo FactSet. Le vendite di Mounjaro, il trattamento del diabete approvato nel 2022 che è lo stesso farmaco di Zepbound, erano stimate a 1,7 miliardi di dollari per il trimestre, rispetto ai 279 milioni di dollari dello stesso trimestre del 2022.

Le azioni di Lilly sono state sugli scudi, in gran parte a causa dell’eccitazione per il potenziale di vendita di Zepbound e Mounjaro. Il titolo è aumentato del 21% nel 2024 e del 109% negli ultimi 12 mesi.

La traiettoria del titolo è stata nettamente diversa dalle traiettorie dei suoi grandi colleghi farmaceutici, molti dei quali hanno riportato i risultati degli utili la scorsa settimana. Azioni di società come Pfizer  stanno cercando di recuperare dopo una triste performance nel 2023 mentre affrontano fasce di scadenze dei brevetti.

Sia Lilly che il suo concorrente Novo Nordisk che vende Ozempic e Wegovy, hanno additato la capacità produttiva inadeguata alla spettacolare richiesta per i loro farmaci come un problema. Lunedì, Novo ha annunciato un piano da 11 miliardi di dollari per acquisire tre impianti utilizzati nel suo processo di produzione come parte di un accordo più grande da 16,5 miliardi di dollari in base al quale l’azionista di controllo di Novo prevede di acquisire il produttore a contratto CatalentCTLT-0,23%.

Alla domanda in una conferenza degli investitori di gennaio quando la capacità non sarebbe più stata “il limitatore di tasso” per i farmaci della categoria di Zepbound, il CEO di Lilly David Ricks ha detto: “non presto”.

“Non lo dico in modo negativo”, ha aggiunto Ricks. “Penso che questo parli dell’incredibile opportunità qui”.

Lilly sta cercando la copertura di Zepbound dagli assicuratori, il che pone una sfida significativa dati i potenziali costi coinvolti. A gennaio, Lilly ha detto di si essere opposta all’uso di Mounjaro e Zepbound per la “perdita di peso cosmetica”.


06/02/24 Sole 24 Ore: Novo Nordisk acquista Catalent


10/01/24 Barron’s: Eli Lilly potrebbe essere il prossimo titolo Apple. Sembra ancora a buon mercato.

Di Steven M. Sears

Eli Lilly e Novo Nordisk potrebbero espandersi in aree che la maggior parte degli investitori deve ancora contemplare, afferma Goldman Sachs. 

Il 21° secolo è stato definito da così tanti conflitti che oscura un fatto ovvio e profondo.

Abbiamo iniziato un’era di innovazione tecnologica muscolare che potrebbe servire a sintetizzare tutti i precedenti progressi scientifici, contribuendo a risolvere le nostre sfide più difficili. Eppure siamo così distratti da catastrofi vicine e lontane che è difficile capire che la tecnologia e la scienza sembrano convergere per rimodellare l’umanità.

Molte aziende, tra cui Apple 

AAPL, Amazon ,AlfabetoMicrosoftMeta , e Nvidia, si concentrano sul perfezionamento di prodotti che potrebbero trovare soluzioni e connessioni nascoste negli annali della conoscenza scritta. L’opportunità è più grande della sola intelligenza artificiale.

Aziende farmaceutiche come ModernaEli Lilly Novo Nordisk stanno sviluppando farmaci potenzialmente miracolosi che potrebbero curare o alleviare le malattie ora accettate come brutti fatti immutabili di genetica, sfortuna o decisioni sbagliate.

L’innovazione, per definizione, è indisciplinata e volatile. Può essere difficile valutarlo in modo equo utilizzando l’analisi finanziaria tradizionale, che è fortemente influenzata dai risultati storici. Gli investitori che possono gestire tale incertezza dovrebbero prendere in considerazione il trading su temi che potrebbero essere investimenti potenti, a condizione che le innovazioni passino con successo attraverso lo scettico guanto di regolatori, medici, scienziati e mercati azionari e opzioni.

Prendi l’obesità. Troppo grasso corporeo causa ed esacerba le principali malattie tra cui malattie cardiovascolari, diabete e persino malattie articolari. I farmaci emergenti per la perdita di peso di Lilly e Novo Nordisk sembrano miracolosamente ridurre la gravità delle principali malattie, e alcune che sembrano non correlate, tra cui l’Alzheimer e persino l’apnea del sonno.

Le azioni Lilly sono aumentate del 77% nell’ultimo anno, riflettendo queste scoperte. Il titolo è sopravvalutato dalle metriche tradizionali, anche se le sue prestazioni probabilmente sottovalutano i potenziali benefici del farmaco.

Un recente studio di Goldman Sachs ha incoraggiato gli investitori a pensare a farmaci per l’obesità come Amazon e Apple nei loro primi giorni. Quelle aziende hanno venduto per la prima volta libri e computer, rispettivamente, ma alla fine hanno creato potenti piattaforme di prodotti che si sono intrecciate nelle nostre vite. Come quelle aziende, ha detto Goldman ai clienti, Lilly e Novo Nordisk potrebbero espandersi in aree che la maggior parte degli investitori deve ancora contemplare.

Nei prossimi cinque anni, le due società pubblicheranno i risultati di più di 20 studi. Goldman stima che le azioni Lilly, recentemente 625 dollari, varrebbero circa 840 dollari nel 2028 se la metà degli studi noti avesse successo, e molto di più se più test sono positivi.

Il mercato dei trattamenti anti-obesità è enorme. Negli Stati Uniti, i potenziali clienti superano i 100 milioni di persone, secondo John Marshall, lo stratega dei derivati di Goldman, che ha guidato il team di ricerca che ha prodotto lo studio. Ci si aspetta che le compagnie di assicurazione paghino per i farmaci per l’obesità, poiché i farmaci costano meno dei grandi interventi chirurgici.

Piuttosto che cavillare con le ipotesi finanziarie, gli investitori sono probabilmente meglio serviti usando un approccio che gli investitori sofisticati spesso preferiscono quando gli piace un’idea e vogliono temperare il rischio se qualcosa fa deragliare la tesi di investimento.

In tali casi, usano le opzioni come segnaposto per controllare le azioni piuttosto che spendere più soldi per acquistare azioni a titolo definitivo.

Se questo ti incuriosisce, considera l’acquisto di opzioni call Lilly con prezzi di esercizio appena al di sopra del prezzo delle azioni che scadono a gennaio 2025. La lunga scadenza offre il tempo per i temi di maturare e attrarre più investitori.

Se le azioni di Lilly dovessero essere al di sotto del call strike alla scadenza, la scommessa fallirà e si perderanno tutti i soldi investiti, quindi chiunque abbracci questo tema deve guardare la propria posizione come le persone di mente sana monitorano il loro peso e la loro dieta.


18/12/23 Barron’s: crollo di Structure per i dati deludenti.

DaJosh Nathan-KazisSegui

Biotech Structure ha visto le azioni crollare dopo che l’azienda ha rivelato dati deludenti per una pillola sperimentale per l’obesità. 

Le azioni della società biotecnologica incentrata sull’obesità Structure Therapeutics sono crollate lunedì mattina, dopo che la società ha riportato nuovi dati su una pillola sperimentale per l’obesità che non corrispondeva abbastanza ai dati precedenti della pillola sperimentale per l’obesità di Eli Lilly.

La pillola per l’obesità Structure, chiamata GSBR-1290, è uno dei pochi contendenti principali nella corsa per introdurre nuove pillole per la perdita di peso altamente efficaci per soddisfare quello che probabilmente sarà un mercato enorme. Le pillole sperimentali di Structure, Lilly, Novo Nordisk e altri dovrebbero fare la prossima ondata nella rivoluzione della cura dell’obesità introdotta dal farmaco iniettabile per la perdita di peso di Lilly Zepbound e dall’iniettabile Wegovy di Novo.

Gli investitori erano stati estremamente entusiasti delle prospettive di Structure. Fino alla chiusura di venerdì, le azioni di Structure American erano salite del 127% da quando l’ADR era stato quotato all’inizio di febbraio.

I dati annunciati lunedì hanno tolto parte dell’aria da quel palloncino. L’ADR di Structure stava crollando del 49% a metà mattinata di lunedì.

La società ha detto lunedì mattina che GSBR-1290 era ben tollerato e che ha ridotto significativamente sia il peso che i livelli di zucchero nel sangue nei pazienti.

“I nostri dati hanno dimostrato che GSBR-1290 una volta al giorno ha il potenziale per essere un composto best-in-class e una spina dorsale per combinazioni future che potrebbero affrontare grandi indicazioni cardiometaboliche”, ha detto il fondatore e CEO di Structure Raymond Stevens in una dichiarazione.

La società ha affermato che i nuovi dati dimostrano la prova di concetto per GSBR-1290 sia nei pazienti con obesità che nei pazienti con diabete di tipo 2.

Mentre i risultati di sicurezza sembravano forti, i risultati di efficacia sembravano essere al di sotto delle aspettative del mercato.

In uno studio, uno studio di fase 2a del farmaco Structure, i pazienti diabetici di tipo 2 nei gruppi ad alto dosaggio hanno visto una riduzione dell’1,02% aggiustata per il placebo dopo 12 settimane dei loro livelli di HbA1c, una misura della glicemia e una riduzione del peso del 3,3% aggiustata per il placebo.

Mentre i confronti tra gli studi sono difficili, quei risultati di efficacia nei pazienti diabetici dopo 12 settimane sembrano essere peggiori di quelli visti nello studio di Lilly sulla sua pillola sperimentale per l’obesità orfoglipron, secondo una nota lunedì mattina dell’analista di Leerink Partners David Risinger. Ha scritto che dopo 12 settimane con orfoglipron di Lilly, i pazienti diabetici in uno studio di fase 2 hanno visto una riduzione dei livelli di HbA1c dall’1,25% all’1,75% e una perdita di peso dal 5% al 6%.

Nello studio Structure, i pazienti obesi che non erano diabetici hanno visto una riduzione del peso del 4,7% aggiustata per placebo dopo otto settimane. Risinger ha scritto che tali risultati erano vicini a quelli osservati in uno studio di fase 2 di orfogliprone di Lilly in pazienti obesi non diabetici, che avevano una riduzione del peso corporeo corretta per il placebo dal 5% al 6% dopo otto settimane.

Risinger ha scritto che le notizie dei processi erano ragionevolmente buone. “Sebbene l’efficacia del paziente [diabete di tipo 2] fosse al di sotto delle nostre aspettative, siamo incoraggiati dalla sicurezza pulita e dall’efficacia nei pazienti con obesità”, ha scritto.

La reazione del mercato è stata meno ottimistica.

Il mercato anti-obesità è stato frizzante e soggetto a oscillazioni selvagge. Una domanda che incombe è se Pfizer potrebbe cercare di fare un’acquisizione di una società che sviluppa una pillola anti-obesità, dopo che i suoi sforzi per il farmaco per la perdita di peso danuglipron hanno colpito ripetuti ostacoli. I nuovi dati di Structure potrebbero dare qualsiasi possibilità teorica che la società possa essere un obiettivo di acquisizione per Pfizer.


05/12/23 Barron’s: Delude la pillola per l’obesità di Pfizer. I rivali biotech si stanno strofinando le mani.

DiJosh Nathan-KazisSegui

Pfizer si aspetta che il mercato delle nuove pillole per l’obesità sia di 90 miliardi di dollari all’anno. Lilly, Novo e molte biotech sperano di raccoglierne i pezzi.

I dati deludenti che Pfizer  ( PFE ) ha annunciato la scorsa settimana sulla sua pillola per l’obesità stanno aprendo opportunità per ile aziende biotech che sviluppano i propri farmaci per la perdita di peso via orale.

I produttori di farmaci sono sempre più concentrati sul mercato emergente di pillole per l’obesità altamente efficaci, che sembrano essere il prossimo passo logico dopo l’arrivo di farmaci iniettabili per la perdita di peso da Eli Lilly Novo Nordisk che ha scosso il settore sanitario quest’anno.

Pfizer ha detto che si aspetta che il mercato per le nuove pillole per l’obesità sia di 90 miliardi di dollari all’anno, e Lilly, Novo e una lunga lista di biotech stanno lavorando su farmaci che sperano rivendicheranno una parte di quelle entrate.

Venerdì, tuttavia, Pfizer ha detto che avrebbe interrotto lo sviluppo della sua pillola sperimentale per la perdita di peso danuglipron, dopo che uno studio di fase 2b ha dimostrato che il profilo degli effetti collaterali del farmaco era inaccettabile.

Pfizer dice che sta continuando a lavorare su una versione una volta al giorno del farmaco, anche se i risultati di efficacia nella sperimentazione della pillola due volte al giorno erano al di sotto delle aspettative. Ciò potrebbe far cadere Pfizer fuori dalla contesa nella resa dei conti del mercato delle pillole per l’obesità, almeno per il momento, mentre Lilly va avanti con il proprio prodotto orale e Novo lavora su una versione ad alto dosaggio della sua attuale pillola per la perdita di peso.

La delusione di Pfizer, tuttavia, migliora le prospettive delle biotecnologie che lavorano sui propri farmaci, che sembravano correre il rischio di essere schiacciati nella competizione tra Pfizer, Lilly e Novo.

Ci sarà più spazio per i farmaci delle biotecnologie per competere, ma aumenta anche la possibilità che Pfizer possa cercare di acquistare una via d’uscita dai problemi della pillola per la perdita di peso acquisendone uno.

Gli aggiornamenti del venerdì “suggeriscono che PFE sia ora diversi anni indietro rispetto a LLY, Novo Nordisk e la serie di altre aziende che sviluppano farmaci anti-obesità orali e di nuova generazione”, ha scritto l’analista di Goldman Sachs Chris Shibutani in una nota del venerdì. “Non saremmo sorpresi se la strategia di sviluppo aziendale di PFE aumentasse l’attenzione sulle aziende nello spazio metabolico con risorse in fase clinica”.

e azioni di Viking Therapeutics, che sta sviluppando un trattamento orale per l’obesità attualmente negli studi di fase 1, sono aumentate del 6,5% venerdì e del 15,9% lunedì. Le azioni diterns Pharmaceuticals, che ha anche un farmaco per l’obesità orale negli studi di fase 1, sono aumentate del 17,3% venerdì e hanno guadagnato il 16,3% lunedì. Structure Therapeutics, che ha una pillola per l’obesità negli studi di fase 2, ha visto le sue ricevute di deposito americane salire del 7% venerdì e guadagnare il 7,7% lunedì.

Le azioni di Altimmune sono aumentate del 13% venerdì e del 29,7% lunedì, dopo che la società ha annunciato dati positivi su uno studio di fase 2 del suo farmaco per la perdita di peso.

I farmaci in fase di sviluppo da parte delle biotecnologie sono sottilmente diversi e gli analisti stanno iniziando a speculare su quale Pfizer potrebbe voler acquisire. In una nota di domenica, l’analista di Oppenheimer Jay Olson ha scritto che Viking “può offrire un portafoglio prezioso con una valutazione attraente” a Pfizer. I dati di fase 1 sulla pillola di Viking arriveranno all’inizio del prossimo anno.

Le biotecnologie con pillole anti-obesità in fase di sviluppo continuano ad essere un obiettivo caldo per gli acquirenti. Lunedì, Roche Holding ha annunciatoun’acquisizione da 2,7 miliardi di dollari della biotech statunitense Carmot Therapeutics, che sta sviluppando una serie di trattamenti anti-obesità, tra cui una pillola una volta al giorno attualmente in fase di fase 1. AstraZeneca ha annunciato il proprio accordo a novembre, un accordo di licenza con la biotecnologica cinese Eccogene per sviluppare una pillola per l’obesità una volta al giorno.

Pfizer ha speso molto in acquisizioni negli ultimi anni, ma i suoi sforzi per l’obesità orale sono venuti dalla sua pipeline interna. Quei farmaci hanno affrontato sfide significative. Pfizer ha abbandonato un’alternativa precedente al danuglipron, chiamata lotiglipron, nel giugno di quest’anno, citando preoccupazioni per i segnali di tossicità epatica.


04/12/23 Briefing.com: Roche Hldg cerca il prossimo Ozempic o Mounjaro con l’acquisizione di Carmot Therapeutics (RHHBY)

Eli Lilly (LLY) Mounjaro e Novo Nordisk (NVO) Ozempic sono emersi come trattamenti di successo nei mercati dell’obesità e della perdita di peso e ora la società farmaceutica svizzera Roche Holding (RHHBY) sta facendo un passo nel campo. La società ha accettato di acquisire Carmot Therapeutics privatamente per 2,7 miliardi di dollari in contanti in anticipo con il potenziale di pagare altri 400 milioni di dollari a seconda del raggiungimento di determinate pietre miliari.

  • Dato il successo strepitoso di trattamenti come Mounjaro, che ha generato oltre 1,4 miliardi di dollari di vendite nel terzo trimestre (+653% anno all’anno), è facile capire l’interesse di RHHBY per Carmot Therapeutics. Con Carmot Therapeutics che aveva annunciato l’IPO il mese scorso, anche la tempistica dell’accordo ha senso.
    • Se RHHBY avesse aspettato che la società diventasse pubblica, ci sarebbero state buone probabilità che avrebbe pagato un prezzo molto più alto poiché le voci sul trattamento dell’obesità di Carmot ha spinto le azioni più in alto.
  • Simile a Mounjaro e Ozempic, la risorsa principale di Carmot, CT-388, è un doppio agonista del recettore GLP-1/GIP che viene iniettato una volta alla settimana. CT-388, che è destinato a trattare l’obesità in pazienti con o senza diabete di tipo 2, ha dimostrato una sostanziale perdita di peso nello studio di fase 1b.
    • RHHBY ritiene che ci sia una necessità nel mercato di un trattamento dell’obesità che funzioni più velocemente con una migliore tollerabilità e CT-388 può spuntare quelle caselle.
  • Tuttavia, CT-388 e gli altri candidati di Carmot sono in una fase ancora iniziale. In effetti, potrebbero passare alcuni anni prima che CT-388 sia approvato, commercializzato e generi entrate per RHHBY, supponendo che le prove di fase 2 e fase 3 abbiano successo.
  • Inoltre, in un mercato che si stima crescerà a 100 miliardi di dollari entro il 2030, lo spazio per l’obesità e la perdita di peso è destinato a diventare ancora più competitivo nei prossimi anni. Come solo un esempio, AstraZeneca (AZN) e Eccogene con sede in Cina hanno stipulato un accordo di licenza tre settimane fa per un trattamento orale sperimentale (Fase 1) una volta al giorno per il trattamento dell’obesità e del diabete di tipo 2.

Quindi, ci sono ancora molte incertezze e rischi per RHHBY, ma il profilo rischio/rendimento su questa scommessa da 2,7 miliardi di dollari sembra attraente per un’azienda che si prevede genererà oltre 66 miliardi di dollari di entrate quest’anno. In un mercato attualmente dominato da sole due aziende – LLY e NVO – c’è molto spazio per altri trattamenti, soprattutto se quei trattamenti sono più efficaci e/o più convenienti. Su questa nota, il candidato CT-996 di Carmot, che è attualmente negli studi di fase 1, è una pillola una volta al giorno che potrebbe alla fine diventare il gioiello di questa acquisizione.


23/10/23 Barron’s: Eli Lilly è in attesa dell’approvazione del farmaci per l’obesità. Il titolo è un vincitore ora e dopo.

DiAdam Clark

Le azioni Eli Lilly sono in aumento del 60% quest’anno finora.

Le azioni di Eli Lillypossono beneficiare di farmaci che affrontano l’epidemia di obesità, sia a breve termine che in più di un decennio nel futuro, secondo Citi.

Il farmaco per il diabete di Eli Lilly (ticker: LLY) Mounjaro dovrebbe essere approvato per il trattamento dell’obesità nel prossimo futuro. Il farmaco potrebbe alla fine raggiungere un picco di vendite di circa 60 miliardi di dollari, con 37 miliardi di dollari di vendite provenienti dai trattamenti per l’obesità, secondo l’analista di Citi Andrew Baum.

“Nel breve termine, ci affidiamo all’aumento della capacità di Mounjaro e all’imminente approvazione dell’obesità per continuare a guidare lo slancio dei prezzi delle azioni”, ha scritto Baum.

Baum ha aumentato il suo prezzo obiettivo su Eli Lilly a 675 dollari da 525 dollari, pur mantenendo un rating Buy.

Mounjaro di Lilly è in competizione con Ozempic di Novo Nordisk (NVO) nella classe dei farmaci per la perdita di peso noti come incretine che hanno dimostrato di sopprimere l’appetito e ridurre l’assunzione di cibo. Lilly sta allineando altri due candidati farmaci della stessa classe, retatrutide e orforglipron.

Baum ha detto che stava aumentando le sue stime per le vendite di incretina di Lilly a 71 miliardi di dollari nel 2035 rispetto ai 55 miliardi di dollari in precedenza. Ha notato che era difficile prevedere il rialzo a lungo termine dei farmaci dato che l’obesità colpisce oltre il 42% della popolazione degli Stati Uniti.

Questo si confronta con una stima di J.P. Morgan che le vendite di Lilly dal suo portafoglio di incretin saliranno da 8 miliardi di dollari l’anno scorso a 50 miliardi di dollari nel 2030, dandogli sostanzialmente la metà del mercato insieme a Novo Nordisk.

In particolare, Baum di Citi non si aspetta che la scadenza del brevetto statunitense di Novo Nordisk per il principio attivo di Ozempic nel 2032 danneggi notevolmente il tasso di crescita del mercato. Ha detto che il pesante requisito di spesa in conto capitale per la produzione di farmaci biosimilari dovrebbe limitare l’effetto competitivo.


14/10/23 Sole 24 Ore Plus


11/10/23 Barron’s: Novo Nordisk ferma la sperimentazione sul rene di Ozempic. Perché è un male per le azioni DaVita.

DiAdam ClarkSegui

Novo Nordisk è diventata brevemente la società pubblica più preziosa d’Europa all’inizio di quest’anno, in parte a causa del potenziale del suo farmaco Ozempic.

Il farmaco Ozempic di Novo Nordisk NVO sta già minacciando di sconvolgere una serie di industrie attraverso i suoi benefici per la perdita di peso. Ora sembra destinato a minacciare le aziende che trattano l’insufficienza renale.

Ozempic e Wegovy sono esempi di una nuova gamma di farmaci noti come agonisti del recettore GLP-1. Originariamente sviluppati come terapia per i pazienti diabetici, ora sono pronti a rivoluzionare il trattamento dell’obesità negli Stati Uniti e oltre.

Tuttavia, gli scienziati stanno ancora lavorando su altri usi per i farmaci. Novo Nordisk ha detto martedì scorso che Ozempic ha mostrato un successo sufficiente in uno studio per l’insufficienza renale nei pazienti diabetici che avrebbe interrotto lo studio in anticipo.

Novo Nordisk ha affermato che la decisione di interrompere anticipatamente lo studio si è basata su una raccomandazione di un comitato indipendente di monitoraggio dei dati, dopo aver soddisfatto i criteri pre-specificati per l’efficacia. I risultati completi sono attesi durante il primo semestre del 2024.

L’ADR di Novo Nordisk e’ in aumento del 2,6% nel trading pre-mercato mercoledì.

Queste che sono buone notizie per Novo Nordisk potrebbero essere cattive notizie per i fornitori di servizi di dialisi. 

Le azioni di DaVita DVA stanno scendendo del 14% nel trading pre-mercato, mentre Baxter internazionale BAX è sceso dell’8,9%.

“Il corpo di prove a sostegno dell’uso del GLP-1, oltre alla perdita di peso e al controllo della glicemia, continua a crescere”, hanno scritto gli analisti di Citi in una nota.

Gli analisti hanno aumentato il prezzo obiettivo sulle azioni Novo Nordisk a 745 corone danesi (106 dollari) da 600 corone in precedenza. Il titolo è aumentato del 3,1% a 670,30 corone nella Borsa danese


29/09/23 Barron’s: Le azioni di Structure salgono. La sua pillola per l’obesità potrebbe sfidare Lilly e Novo.

Di  Josh Nathan-KazisSegui

Structure Thereapeutics è diventato pubblico all’inizio di quest’anno.

Le aziende farmaceutiche che sono destinata a dominare il mercato multimiliardario per i nuovi farmaci per l’obesità potrebbero avere un serio sfidante nella   biotecnologica  Strutture Therapeutics se i nuovi dati sulla sua pillola per l’obesità reggeranno in studi più grandi.

Structure (ticker: GPCR) ha detto all’inizio di venerdì che i pazienti hanno perso il 5,4% del loro peso corporeo alla dose più alta testata, rispetto alle riduzioni di peso corporeo dello 0,5% nel gruppo placebo. Il piccolo e breve studio di fase 1b ha incluso 24 individui sani in sovrappeso o obesi che hanno ricevuto quattro settimane del farmaco o un placebo.

I dati su un altro, più grande studio in corso dello stesso farmaco saranno ritardati fino all’inizio del prossimo anno, ha detto la società, dopo un errore di raccolta dei dati. I pazienti in quello studio, uno studio di fase 2a, riceveranno dodici settimane di trattamento.

La prima ondata di nuovi farmaci per l’obesità GLP-1 di Eli Lilly (ticker: LLY) e Novo Nordisk (NVO) sono iniezioni costose, come il Wegovy di Novo. Gli analisti dicono che l’arrivo di versioni di pillole più economiche e convenienti dei GLP-1 potrebbe significare un accesso molto più ampio per i pazienti e, infine, un mercato più ampio.

Lilly sta sviluppando una pillola per l’obesità chiamata orforglipron, mentre Pfizer (PFE) sta testando un concorrente chiamato danuglipron. Questo studio molto precoce di Structure suggerisce che la sua pillola, chiamata GSBR-1290, potrebbe essere competitiva con le offerte delle grandi aziende farmaceutiche, anche se i dati dello studio più ampio e ritardato più lungo potrebbero portare più chiarezza l’anno prossimo.

“GPCR è ancora dietro a LLY e NOVO in questa categoria di un paio d’anni, ma sembra colmare un po’ il divario in termini di terapia orale”, ha scritto lo stratega del trading desk sanitario di Mizuho Jared Holz in un’e-mail agli investitori venerdì. Il farmaco Structure, ha scritto Holz, “potrebbe arrivare sul mercato forse solo un anno o due dietro i giocatori di mega-cap”.

GSBR-1290 è, come i farmaci di Lilly, Novo e Pfizer, un agonista del recettore GLP-1. I farmaci imitano gli ormoni naturali che hanno effetti sul rilascio di insulina del corpo, sui suoi livelli di zucchero nel sangue e sulle sensazioni di pienezza dopo aver mangiato, tra le altre cose.

In una nota di venerdì mattina, l’analista di Leerink Partners David Risinger ha scritto che uno studio di fase iniziale di fase 1a dell’orforgliprone sperimentale di Lilly ha mostrato una perdita di peso corretta per placebo di appena il 3,6%, rispetto al 4,9% di GSBR-1290, alla dose più alta. Più tardi, in uno studio di fase 2 di 36 settimane, i pazienti trattati con orforglipron di Lilly hanno perso il 14,7% del loro peso corporeo.

Il danuglipron di Pfizer, da parte sua, dovrà essere somministrato due volte al giorno, il che ha lasciato gli investitori pessimisti sul suo potenziale commerciale. Risinger ha scritto che GSBR-1290 è “chiaramente un farmaco una volta al giorno a nostro avviso”. Questo potrebbe dargli un leg-up su danuglipron.

Le azioni di Structure sono aumentate di oltre il 36% nel trading del venerdì mattina, dopo essere salite fino al 100% durante le ore di pre-mercato. Sempre venerdì mattina, la società ha annunciato un finanziamento di private placement di 300 milioni di dollari, che ha detto che le avrebbe permesso di continuare a finanziare le sue operazioni fino alla fine del 2026.

I dati del primo studio suggeriscono anche che il farmaco sarà tollerabile per i pazienti, una preoccupazione chiave per questa classe di farmaci, che ha la tendenza a causare effetti collaterali come nausea e vomito. La struttura ha affermato che nessun partecipante al piccolo studio ha smesso di usare il farmaco a causa di eventi avversi. Tra i sei pazienti che hanno ricevuto il farmaco al livello di dose più alto, la metà ha riportato eventi avversi lievi correlati al trattamento e la metà ha riportato eventi avversi moderati.

Structure sta anche eseguendo una prova di fase 2a di GSBR-1290. La società venerdì ha rivelato un errore di raccolta dei dati relativo a una parte di quella traccia e ha affermato che alcuni dati della sperimentazione non arriveranno fino alla prima metà del 2024. I dati di un’altra parte del processo arriveranno nella seconda metà del quarto trimestre del 2023.


22/09/23 Barron’s: Come Ozempic e Wegovy potrebbero rompere il sistema sanitario

Tra costo e domanda, l’ultima tipo di farmaci per la perdita di peso potrebbe trasformare l’assistenza sanitaria negli Stati Uniti, nel bene e nel male.

DaJosh Nathan-KazisFollow

Novo Nordisk ed Eli Lilly stanno per iniziare a rastrellare decine di miliardi di dollari all’anno sui loro nuovi farmaci per l’obesità, dicono gli analisti di Wall Street. Questa è una grande notizia per i produttori di farmaci, certamente, ma potrebbe essere un disastro per le aziende e le agenzie governative che stanno per raccogliere il conto.

I nuovi farmaci, noti come agonisti del recettore GLP-1, promettono riduzioni del peso corporeo fino al 20% e possono ridurre il rischio di infarto o ictus dei pazienti. A quanto pare, sono i farmaci sicuri per la perdita di peso più efficaci della storia.

Non sorprende, quindi, che la domanda di questi farmaci sia enorme e si prevede che dirà ancora più grande man mano che più offerta arriva on-line e più GLP-1 vincono l’approvazione della Food and Drug Administration per la perdita di peso.

Ma ciò che ha ottenuto meno attenzione è la crisi sanitaria che potrebbe arrivare mentre la spesa per i farmaci minaccia di sopraffare gli assicuratori, i datori di lavoro e i programmi governativi che acquistano i farmaci del paese. La crisi finanziaria avrebbe probabilmente raggiunto il picco dal 2025, quando la copertura Medicare dei farmaci potrebbe iniziare, al 2027, quando il costo di alcuni dei farmaci potrebbe iniziare a diminuire.

La necessità di pagare per questi farmaci su vasta scala potrebbe innescare una cascata di effetti secondari: benefici ridotti per i piani di farmaci da prescrizione Medicare, pressione sui bilanci statali di Medicaid, un onere crescente per i contribuenti e premi più elevati per i datori di lavoro e i lavoratori che pagano per i piani (di assistenza sanitaria) commerciali.

Al suo centro, la sfida posta dai farmaci si riduce a una combinazione di due fattori. Uno, il grande numero di persone che potrebbero trarne beneficio; più del 40% degli adulti statunitensi sono obesi, rispetto al 30% di due decenni fa. Due, questi sono farmaci costosi: Novo’s (ticker: NVO) Wegovy ha un prezzo di listino di oltre 16.000 dollari all’anno.

Ciò significa una spesa potenzialmente monumentale per gli assicuratori: entro il 2030, Gli analisti di J.P. Morgan si aspettano che l’importo speso per i trattamenti per l’obesità GLP-1 negli Stati Uniti sarà di circa 50 miliardi di dollari, o un decimo dei 421 miliardi di dollari spesi sui farmaci ambulatoriali negli Stati Uniti nel 2021.

Naturalmente, frenare l’obesità avrebbe il potenziale per far risparmiare al sistema sanitario un sacco di soldi. Un recente documento della USC Schaeffer ha sostenuto che la copertura Medicare dei farmaci per l’obesità farebbe risparmiare al programma più di 700 miliardi di dollari in 30 anni. Ma quei risparmi, se si materializzano, non faranno molto per mitigare la crisi a breve termine.

“I piani sanitari saranno sotto una straordinaria pressione da parte dei pazienti per coprire questi farmaci”, afferma Robin Feldman, professore all’Università della California Law di San Francisco, che ha scritto ampiamente sui prezzi dei farmaci. “Sarà difficile dire di no. Ma nessuno può permettersi questi prezzi a lungo termine in tutta questa grande popolazione”.

Già, la nuova offerta di farmaci GLP-1 è sempre più disponibile per il trattamento del diabete di tipo 2, che sta avendo il suo impatto finanziario sui pagatori. Ma l’accesso ai farmaci per i pazienti che non hanno la malattia rimane limitato. Finora, solo uno, Wegovy, è approvato dalla FDA come trattamento per l’obesità. (Anche il vecchio GLP-1 di Novo, Saxenda, è approvato, ma meno efficace.) Man mano che più farmaci arrivano online – la versione di Lilly (LLY), che ha prodotto una perdita di peso ancora più significativa negli studi clinici, dovrebbe ricevere l’approvazione della FDA quest’anno – il costo combinato di pagare sia il diabete che il trattamento di perdita di peso stresserebbe, e potrebbe anche rompere, pezzi del sistema sanitario già scricchiolante dell’America.

Ecco come potrebbe arrivare la crisi per le tre principali categorie di pagatori di farmaci da prescrizione e per i pazienti le cui tasse e stipendi finanziano il sistema e che si affidano ad esso per la loro cura.

Medicare

Il beneficio dei farmaci da prescrizione di Medicare, Medicare Part D, copre circa 50 milioni di americani più anziani. Attualmente è legalmente vietato pagare per i farmaci dimagranti, secondo la teoria che l’obesità è il risultato di scelte di vita, piuttosto che una condizione medica. Se questo cambierà è forse la domanda più grande che incombe sul futuro dei nuovi farmaci per l’obesità.

l divieto esiste dalla creazione di Medicare Part D nei primi anni 2000. L’annuncio di Novo ad agosto che Wegovy non solo aveva aiutato i pazienti a perdere peso, ma aveva anche ridotto il loro rischio di infarto o ictus, ha suscitato la speranza che i maggiori benefici per la salute potessero motivare il Congresso ad espandere la copertura.


Se ciò accade, l’onere dei costi sarà enorme. Un articolo del New England Journal of Medicine ha stimato che se solo il 10% dei partecipanti a Medicare con obesità prendesse il farmaco, costerebbe 26,8 miliardi di dollari all’anno, all’incirca equivalente al 20% di tutta la spesa della parte D nel 2021.

Medicare ha già resistito a shock simili. Nel 2013, Gilead Sciences (GILD) ha lanciato un antivirale per l’epatite C che è costato 84.000 dollari per ciclo di trattamento. Il farmaco ha guidato la spesa media della parte D per beneficiario in aumento dell’8,6% nel 2014, dopo essere salito solo dell’1,9% nel 2013. L’anno successivo, è aumentato di un altro 8,3%. E anche così, i pazienti hanno pagato una grossa fetta del conto: secondo uno studio accademico, un ciclo completo di uno dei nuovi antivirali dell’epatite C è costato ai pazienti Medicare fino a 10.800 dollari di tasca propria nel 2015 .

La crisi dell’epatite C si è risolta nel tempo, poiché la concorrenza alla fine ha ridotto il costo del farmaco. In definitiva, lo stesso dovrebbe accadere con i farmaci per la perdita di peso, anche se ciò farà poco per frenare le sfide di finanziamento immediate. La prima vera opportunità di ridurre le spese arriverà nel 2027, quando la nuova legge che consente Medicare di negoziare i prezzi dei farmaci si applicherebbe a Wegovy (supponendo che l’industria farmaceutica fallisca nei suoi sforzi legali per far deragliare il programma di negoziazione).

Ma questa volta ci sono nuove rughe. La legislazione approvata l’anno scorso limita la spesa out-of-pocket dei pazienti per i farmaci della parte D a 2.000 dollari all’anno a partire dal 2025 e limita gli aumenti annuali dei premi al 6%. Ciò lascia i piani commerciali che offrono il vantaggio della Parte D con strumenti limitati per mitigare i costi.

Molti piani della parte D ora offrono una copertura migliorata, che va oltre i minimi richiesti. Se i costi dei farmaci per l’obesità aumentano in modo significativo, gli assicuratori possono compensare tagliando i benefici di tali piani. “Ciò significa solo che i costi vengono spostati più sugli iscritti”, afferma Juliette Cubanski, esperta di Medicare presso il gruppo di ricerca sulla politica sanitaria KFF.

Gli esperti dicono che è tutt’altro che certo che il Congresso permetterà a Medicare di pagare i farmaci per l’obesità. I legislatori avrebbero probabilmente bisogno di trovare enormi compensazioni dei costi per finanziarlo. E un consenso sul fatto che l’obesità debba essere vista come una condizione medica che i contribuenti dovrebbero pagare per curare potrebbe anche essere difficile da raggiungere.

Tuttavia, i problemi al Congresso potrebbero non prevenire la copertura Medicare dei farmaci. Lilly sta conducendo una sperimentazione del suo farmaco per l’obesità GLP-1 come trattamento per l’apnea del sonno, che colpisce circa il 20% degli adulti. Quello studio dovrebbe produrre dati l’anno prossimo; se i suoi risultati sono positivi, l’approvazione della FDA in tale indicazione potrebbe aprire una backdoor che consentirebbe la copertura Medicare per i pazienti senza diabete, forse già nel 2025.(Medicarespent 2,6 miliardi di dollari su Ozempic, una versione di Wegovy usata per trattare il diabete di tipo 2, nel 2021.)

In una dichiarazione, Novo ha detto che la spesa per i farmaci per l’obesità consente di risparmiare denaro a lungo termine. “Chiaramente, l’inazione nell’affrontare la grave malattia cronica dell’obesità, compresa l’inaccessibilità alle opzioni di trattamento disponibili, è un importante fattore di costo nella nostra economia”, ha detto la società. “Al contrario, il costo del trattamento dell’obesità è significativamente inferiore”.

Medicaid

Circa 87 milioni di americani, circa un quarto della popolazione, ottengono la loro copertura assicurativa attraverso Medicaid. A differenza di Medicare, i programmi statali Medicaid, che utilizzano fondi statali e federali per pagare la cura delle persone a basso reddito, sono autorizzati a coprire i farmaci per l’obesità.

I piani Medicaid ricevono grandi sconti dai produttori di farmaci e in cambio sono generalmente tenuti a coprire tutti i farmaci approvati dalla FDA. I farmaci per la perdita di peso sono esenti da questo requisito, tuttavia, e solo pochi stati hanno scelto di pagare per Wegovy. Tuttavia, la spesa per i nuovi farmaci GLP-1 è in crescita: secondo un rapporto KFF di settembre, la spesa di Medicaid per le quattro versioni approvate da Novo e Lilly – Wegovy per la perdita di peso e le altre per il diabete – è esensata da 547 milioni di dollari nel 2021 a 1,1 miliardi di dollari nel 2022. (Medicaid speso un totale di circa 80,6 miliardi di dollari di farmaci da prescrizione ambulatoriali nel 2021.)

Come per Medicare, un’approvazione del farmaco Lilly per l’apnea del sonno forzerebbe la copertura. Gli Stati potrebbero cercare di limitare l’accesso stabilendo severi requisiti di ammissibilità, anche se ciò potrebbe aprirli a sfide legali. Anche qui, il precedente dell’epatite C è istruttivo: molti programmi statali Medicaid inizialmente hanno cercato di limitare l’uso dei nuovi farmaci per l’epatite C ai pazienti che erano estremamente malati della malattia, ma tali limiti sono stati ampiamente respinti dai tribunali .

Piani sanitari finanziati dal datore di lavoro

Per il mercato assicurativo basato sul datore di lavoro, i nuovi farmaci per l’obesità stanno già esacerbando la tensione perenne tra l’offerta di benefici competitivi e il mantenimento dei premi a prezzi accessibili per i datori di lavoro e gli individui.

“Hai datori di lavoro di medie dimensioni, datori di lavoro più piccoli e persino alcuni di quelli più grandi che cercano di capire come faranno a permettersi questi farmaci?” dice Tracy Spencer, leader della pratica farmaceutica nazionale presso Aon, che consiglia i datori di lavoro sui benefici.

Alcuni assicuratori hanno già cercato di reprimere il cosiddetto uso off-label dei nuovi farmaci GLP-1, in cui i farmaci sono prescritti come trattamenti per la perdita di peso per i pazienti senza diabete, una pratica che è legale ma potrebbe violare le politiche del piano.

A differenza dei programmi governativi, gli assicuratori privati hanno un vasto margine di manovra per decidere quali farmaci pagheranno e non pagheranno. Il problema per gli assicuratori è che solo dire di no al pagamento dei farmaci per l’obesità potrebbe non essere sostenibile. Questi farmaci non sono medicine qualsiasi; sono fenomeni culturali, già sostenuti da campagne pubblicitarie onnipresenti.

“I farmaci sono nuovi, sono commercializzati pesantemente, sono commercializzati in un modo che sarà difficile dire alla gente: ‘Guarda, è un farmaco sicuro ed efficace, funziona davvero bene, ma non vogliamo che tu lo abbia perché è troppo costoso'”, dice John Jones, un ex dirigente di gestione ora della facoltà della University of California Irvine School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences.

I produttori di farmaci, da parte loro, affermano che la copertura deve espandersi. Lilly ha rifiutato di commentare il costo della sua medicina per l’obesità, che non ha ancora l’approvazione della FDA. “Molte barriere nel sistema sanitario colpiscono le persone che vivono con questa malattia e la loro capacità di accedere a piani di trattamento basati sull’evidenza”, ha detto la società.

Una guida di Aon per gli assicuratori che cercano di gestire i farmaci per l’obesità GLP-1 fornisce una finestra su come l’industria cercherà di mantenere bassi i costi. Aon suggerisce che gli assicuratori richiedono ai pazienti che ricevono farmaci GLP-1 per l’obesità di trascorrere prima tre mesi rispettando un programma di dieta ed esercizio fisico. Raccomanda inoltre che solo alcuni medici siano autorizzati a prescrivere i farmaci e che gli assicuratori richiedano la documentazione di un indice di massa corporea ammissibile e dei precedenti sforzi di riduzione del peso come condizione di autorizzazione.

Un portavoce di Cigna Group (CI), che possiede un assicuratore sanitario e un importante responsabile di benefits farmaceutici, o PBM (trattano con le case farmaceutiche per avere sconti), ha affermato che gli sponsor del piano sono “giustamente cauti nel coprire nuovi farmaci senza solide prove cliniche”, citando una “lunga e complicata storia” con farmaci per la perdita di peso. In una dichiarazione separata, un portavoce di CVS Caremark, CVS Health’s (CVS) PBM, ha affermato che stava lavorando con i suoi clienti per aiutare a gestire i costi. “Offriamo una varietà di opzioni per i nostri clienti che scelgono di includere questi farmaci nel loro piano di benefici con l’obiettivo di garantire che la copertura di questi prodotti sia clinicamente appropriata ed economica”, ha detto Caremark.

Gli assicuratori faranno il possibile per gestire i costi, ma il successo non è garantito. “È del tutto possibile che i premi aumentino considerevolmente per tutti, se non si trova una soluzione per un accordo sui prezzi”, afferma Feldman di UC Law SF.

Per Medicare, Medicaid, i piani commerciali e i pazienti che coprono, i benefici a lungo termine dei farmaci per l’obesità potrebbero alla fine bilanciare i costi. Ma fino a quando non arriverà quel punto di svolta, ci saranno solo così tanti sacchi di sabbia che possono essere gettati in mezzo all’ondata di marea della domanda.


07/09/23 Barron’s: Il mercato dei farmaci per la perdita di peso può raggiungere $ 100 miliardi, dice JP Morgan. Ciò renderà Eli Lilly un grande vincitore.

Callum KeownFollow

Il farmaco per il diabete Mounjaro di Eli Lilly ha battuto le stime di vendita nel secondo trimestre.

Eli Lilly potrebbe raggiungere $ 50 miliardi di vendite annuali da farmaci per la perdita di peso entro il 2030, rendendo la società farmaceutica uno dei grandi vincitori dei trattamenti per l’obesità, hanno detto gli analisti di JP Morgan.

Gli analisti della banca hanno aumentato le loro stime di vendita e hanno affermato che il mercato complessivo dei farmaci per la perdita di peso potrebbe raggiungere $ 100 miliardi di vendite annuali nel tempo. Eli Lilly LLY +2.18%  (ticker: LLY) e Danimarca Novo Nordisk NVO +1.89%  (NOVO) “Si prevede che continueranno a dividersi approssimativamente il mercato”, hanno detto. J.P. Morgan vede anche una divisione equa tra il mercato dell’obesità e il mercato del diabete per tali vendite.

La classe di farmaci, noti come incretine, è stata dimostrato sopprimere l’appetito e ridurre l’assunzione di cibo. J.P. Morgan prevede che le vendite di Lilly dal suo portafoglio di incretine aumenteranno da $ 8 miliardi l’anno scorso a $ 23 miliardi nel 2025 e $ 34 miliardi nel 2027 prima di raggiungere $ 50 miliardi nel 2030.

“[Noi] non saremmo sorpresi di vedere un ulteriore rialzo delle nostre stime”, hanno aggiunto.

Lilly è un Leader nello spazio—il suo farmaco Mounjaro, approvato per il diabete, schiacciato stime di vendita nel secondo trimestre. Ha un’altra versione con lo stesso principio attivo, tirzepatide, che dovrebbe ottenere l’approvazione per l’obesità entro la fine dell’anno.

Gli analisti di JP Morgan hanno affermato che l’approvazione dell’obesità per Mounjaro / tirzepatide è stata uno dei numerosi importanti catalizzatori per il titolo entro la fine dell’anno e all’inizio del 2024. Hanno un rating Overweight sul titolo Eli Lilly con un obiettivo di prezzo di $ 600, il che implica un rialzo del 7% rispetto al prezzo di mercoledì.

Novo Nordisk divenne L’azienda più preziosa d’Europa all’inizio di questa settimana, scavalcando il conglomerato di lusso LVMH (MC.Paris), dopo che il suo farmaco per la perdita di peso Wegovy è stato reso disponibile nel Regno Unito. La società danese ha ora una capitalizzazione di mercato di $ 432 miliardi, superando le dimensioni dell’economia danese.

Wegovy, approvato come trattamento dell’obesità, condivide lo stesso principio attivo di Ozempic, approvato per il diabete di tipo 2.

Negli Stati Uniti, sarebbe la 14a azienda più preziosa del mondo., annidato in mezzo UnitedHealth UNH +1.68%  e Walmart WMT +1.08% .

Eli Lilly, attualmente il nono più prezioso, ha una capitalizzazione di mercato di $ 531 miliardi.


06/09/23 Corriere della Sera: Novo Nordisk maggiore società europea


03/09/23 NY Time: Il potere dirompente dei farmaci per la perdita di peso si sta facendo sentire oltre il settore farmaceutico

I rivenditori, i produttori di alimenti commercializzati per la perdita di peso e altri tipi di aziende potrebbero vedere effetti a catena dall’aumento del diabete e dei farmaci per la perdita di peso come Ozempic.

Come fanno ogni estate, le società quotate in borsa hanno pubblicato i loro risultati del secondo trimestre mentre gli americani stavano esposta i loro corpi sulla spiaggia. Ma quest’anno, il tempismo è stato appropriato. In diverse chiamate agli utili ad agosto, gli amministratori delegati hanno rassicurato gli investitori che la rivoluzione Ozempic non li aveva lasciati nella polvere e che potevano in qualche modo condividere il successo ardente dei nuovi farmaci per il diabete e la perdita di peso.

“Ci mette in una buona posizione per essere una soluzione per coloro che sono alla droga”, ha detto Dan R. Chard, l’amministratore delegato di Medifast, che produce prodotti dietetici come frullati e barrette proteiche, aggiungendo: “Stanno cercando una guida”. Ha detto agli analisti questo anche spiegando che i farmaci di nuova generazione avevano contribuito a colpire i guadagni, in calo del 34,7 per cento su base annua.

“Continueremo a studiarlo”, ha detto agli investitori Michael Johnson, amministratore delegato del produttore di integratori alimentari Herbalife. “E quando vedremo un’opportunità per capitalizzarla, lo faremo”.

In teoria, quell’opportunità – sia per fare profitti che per perdere fortune – potrebbe essere vasta non solo per le aziende dietro questi farmaci, ma anche per alcune in settori completamente diversi.

Conosciuti come farmaci GLP-1, i farmaci stanno già portando grandi profitti. Novo Nordisk produce sia Ozempic, che è stato approvato solo per il diabete di tipo 2, sia il suo parente stretto Wegovy, che è stato approvato per la perdita di peso. Imitano un peptide simile al glucagone che regola l’appetito nel cervello, lasciando le persone sazanti per ore. Insieme, hanno contribuito a far salire i guadagni di Novo al massimo del 32% nella prima metà di quest’anno, e il valore di mercato di Novo è ora maggiore dell’intera economia danese. Le vendite di Eli Lilly sono aumentate del 28% nel secondo trimestre, grazie a un altro farmaco per il diabete, Mounjaro, che la Food and Drug Administration potrebbe approvare per la perdita di peso quest’anno.

E il pieno potenziale non è ancora chiaro. Il mercato dei farmaci per la perdita di peso è enorme: ci sono circa 750 milioni di persone obese in tutto il mondo, tra cui circa il 42% degli adulti negli Stati Uniti, dove le malattie legate all’obesità incorrono miliardi di dollari in costi sanitari ogni anno. Ma Novo dice che i farmaci GLP-1 potrebbero alla fine avere altri usi, come aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari tra gli adulti obesi. Ci sono segni che potrebbero trattare la dipendenza e anche l’Alzheimer.

“Il potenziale di mercato è molto, molto significativo”, mi ha detto il direttore finanziario di Novo, Karsten Knudsen, quando ho visitato l’azienda a giugno. “Stiamo operando in una sorta di territorio insolito”.

Le aziende dietetiche si stanno preparando per l’interruzione. Per decenni, le aziende di perdita di peso hanno fatto affidamento su pasti di marca, preconfezionati e programmi di stile di vita. Alcuni, come WeightWatchers e Noom, hanno corso per vendere da soli farmaci GLP-1, mentre altri sperano ancora che i loro prodotti possano sopravvivere all’era Ozempic. Jenny Craig ha chiuso i suoi centri di perdita di peso a maggio dopo 40 anni. E Simply Good Foods, che distribuisce prodotti dietetici Atkins come pasti surgelati e biscotti, commercializzerà Atkins come “un complemento perfetto per le persone che pensano di usare i farmaci”, ha detto l’amministratore delegato dell’azienda all’epoca, Joe Scalzo, agli analisti a giugno.

Gli effetti a catena si stanno allargando. Rivenditori come Walmart, Kroger e Rite Aid affermano che le prescrizioni GLP-1 stanno portando più persone nei negozi, dove fanno altri acquisti. L’amministratore delegato di Walmart, Doug McMillon, ha detto agli analisti ad agosto che i suoi dirigenti “si aspettano materiali di consumo e salute e benessere, principalmente a causa della popolarità di alcuni farmaci GLP-1, per crescere come percentuale del totale”.

L’amministratore delegato di Medtronic, Geoff Martha, ha detto che l’azienda ha visto un calo “modesto” nella chirurgia bariatrica, presumibilmente perché le persone hanno optato invece per farmaci per la perdita di peso. E alcuni analisti credono che i farmaci potrebbero sconvolgere la dieta americana.

“Se mangi fast food ogni giorno, probabilmente continuerai a mangiare fast food ogni giorno”, ha detto James van Geelen di Citrinas Capital Management nel podcast “Odd Lots” di Bloomberg. “Ne mangerai molto meno”.

Tuttavia, c’è spazio per altri approcci alla lotta contro l’obesità.“Questi farmaci sono rivoluzionari, ma con un asterisco”, ha detto David Ludwig, specialista in obesità e professore di pediatria alla Harvard Medical School. (I farmaci sono dotati di una lunga lista di effetti collaterali.) “Anche se puoi ridurre il peso in tutta la popolazione con i farmaci, non eliminerà i rischi di una dieta povera”.

Con i contanti, Novo è d’accordo. “Dobbiamo guardare qual è la prossima cosa”, mi ha detto il suo vicepresidente esecutivo per la strategia commerciale Camilla Sylvest. A giugno, l’azienda ha lanciato un’unità di prevenzione dell’obesità vicino a Copenaghen, per ricercare come fermare la malattia prima che le persone debbano assumere farmaci per perdere peso. – Vivienne Walt


25/08/23 Barron’s: Il Wegovy di Novo Nordisk ha aiutato i pazienti con insufficienza cardiaca . E poi?

Bill AlpertFollow

La prova che i nuovi farmaci per la perdita di peso trasformeranno l’assistenza sanitaria è stata rafforzata dalla notizia che i pazienti con infarto cardiaco sono stati aiutati dal farmaco Wegovy di Novo Nordisk.

La prova che i nuovi farmaci per la perdita di peso trasformeranno l’assistenza sanitaria si è ampliata oggi, con la notizia che i pazienti con infarto cardiaco sono stati aiutati dal farmaco Wegovy di Novo Nordisk.

I ricercatori hanno riferito che le persone obese con la condizione di indebolimento del cuore hanno guadagnato resistenza quando hanno perso peso con il farmaco.

risultati dello studio sono stati presentati venerdì al Congresso della European Society of Cardiology ad Amsterdam e pubblicati sul New England Journal of Medicine. In circa 530 pazienti obesi con cuori deboli, quelli su Wegovy hanno perso il 13% del loro peso corporeo, rispetto al 3% perso da quelli su un placebo. Di conseguenza, quelli trattati con Wegovy sono stati in grado di camminare 17 volte più lontano su un tapis roulant e hanno avuto molti meno segni di problemi cardiaci. Anche i pazienti di Wegovy hanno subito meno effetti avversi.

È la seconda dimostrazione di questo mese che il trattamento dell’obesità con i nuovi farmaci noti come agonisti GLP-1 potrebbe alleviare una serie di malattie. Azioni di Novo Nordisk (ticker: NVO) ed Eli Lilly (LLY) – il suo rivale nella categoria GLP-1 – sono saliti l’8 agosto, dopo che Novo ha riferito che Wegovy ha ridotto gli ictus e gli attacchi di cuore in un altro studio.

Nel trading di venerdì mattina, le azioni Novo Nordisk sono in aumento di una frazione di percentuale, a 185,70 dollari, in linea con il mercato complessivo. Le azioni di Lilly sono in aumento dell’1%, a 553 dollari.

I farmaci GLP-1 sono stati originariamente sviluppati per trattare il diabete di tipo-2; Ozempic di Novo e Mounjaro di Lilly sono diventati bestseller . Poiché i pazienti trattati hanno perso dal 15% al 20% del loro peso corporeo, Novo e Lilly hanno iniziato a testare i farmaci GLP-1 in persone in sovrappeso che non sono diabetiche.

Il primo dei rivali a ricevere l’approvazione per la perdita di peso dalla Food and Drug Administration è stato Novo, e la domanda per la sua formulazione per la perdita di peso Wegovy ha così superato la capacità produttiva che i medici stanno prescrivendo Ozempic e Mounjaro a pazienti desiderosi di dimagrire. Una decisione della FDA su una versione per la perdita di peso del farmaco Lilly è imminente.

La domanda di farmaci GLP-1 dovrebbe essere immensa, tra le centinaia di milioni di persone del pianeta che soffrono di obesità. Le speranze solo per quel mercato hanno fatto crescere il valore del mercato azionario di Novo Nordisk e hanno reso Lilly l’azienda farmaceutica stand-alone più apprezzata. Anche altre aziende come Pfizer (PFE), Sanofi (SNY) e AstraZeneca (AZN) stanno sviluppando prodotti GLP-1.

Ma prove come lo studio sull’insufficienza cardiaca di venerdì stanno dimostrando che i farmaci GLP-1 possono aiutare molte malattie oltre al diabete e all’obesità. Novo e Lilly hanno ambiziosi programmi di ricerca che stanno testando i benefici dei farmaci nelle malattie del fegato e dei reni, nonché nella malattia di Alzheimer.

Più benefici mostrati per i GLP-1, più convincente sarà il caso per la copertura dei farmaci da parte di assicuratori privati e programmi governativi.


15/08/23 WSJ: I nuovi farmaci alterano il dibattito sulla causa dell’obesità

BY BETSY MCKAY

Ozem­pic e far­maci simili stanno tra­sfor­mando la com­pren­sione del mondo dell’obe­sità. Non si tratta tanto di forza di volontà: si tratta di bio­lo­gia.


Il suc­cesso della nuova potente classe di far­maci per il dia­bete e la per­dita di peso mostra quanto sia impor­tante la chi­mica per deter­mi­nare il peso di una per­sona. Il cer­vello è il capo chi­mico del corpo, rego­lando l’appe­tito e ren­dendo dif­fi­cile per molte per­sone per­dere chili e tenerli fuori. Il cer­vello deter­mina quanto grasso vuole che le per­sone por­tino, secondo anni di ricerca soste­nuti dai nuovi far­maci.
L’importo è come un’impo­sta­zione su un qua­drante, o quello che molti ricer­ca­tori chia­mano un “set point” o “massa grassa difesa.”Il cer­vello man­tiene l’impo­sta­zione del qua­drante o il set point rego­lando quanto una per­sona man­gia. Ozem­pic, la sua droga sorella Wegovy e un altro, Mou­n­jaro, abbas­sano l’impo­sta­zione del qua­drante, o set point, in effetti agendo sul cer­vello per ridurre la fame e far sen­tire una per­sona piena prima, hanno detto alcuni ricer­ca­tori sull’obe­sità.


Il nuovo set point dura fino a quando un paziente è sul far­maco, hanno detto. I pazienti che man­gia­vano molto prima di ini­ziare a pren­dere uno dei far­maci si sen­tono meno affa­mati e si riem­piono più rapi­da­mente—a volte dopo una fetta di pizza quando una volta man­gia­vano l’intera torta.
Non si tratta di forza di volontà o scelta per­so­nale“, ha detto la dot­to­ressa Flo­ren­cia Hal­pe­rin, endo­cri­no­loga e chief medi­cal offi­cer di Form, una cli­nica medica vir­tuale per la per­dita di peso. “Que­sto riguarda i tuoi com­por­ta­menti di guida del cer­vello.”


I far­maci e le loro intui­zioni sulla bio­lo­gia sono arri­vati a un punto pre­ca­rio nella bat­ta­glia persa con­tro l’obe­sità. Anche se le per­sone negli Stati Uniti spen­dono miliardi di dol­lari all’anno per per­dere chili, un numero cre­scente è in sovrap­peso. Quasi il 42% degli adulti sta­tu­ni­tensi ha obe­sità, secondo le ultime sta­ti­sti­che gover­na­tive, rispetto al 31% del 1999. Così fa un bam­bino su cin­que.
Le per­sone con obe­sità hanno mag­giori pro­ba­bi­lità di svi­lup­pare malat­tie car­dia­che, ictus e dia­bete. Trat­tarli sta gui­dando più di bil­lion 170 miliardi di costi annuali. Wegovy ha dimo­strato di ridurre il rischio car­dio­va­sco­lare e Mou­n­jaro è in fase di stu­dio per ulte­riori bene­fici per la salute.


I nuovi far­maci hanno messo alcune ipo­tesi di lunga data sul peso e sulla salute sul blocco di taglio. ” Ciò che que­sti far­maci hanno dimo­strato è che i pazienti hanno ragione: non è colpa loro“, ha detto il dot­tor Louis Aronne, spe­cia­li­sta nel trat­ta­mento dell’obe­sità e pro­fes­sore di ricerca meta­bo­lica presso il Weill Cor­nell Medi­cal Col­lege.


Jon Wei­sman era di circa 300 libbre (135 kg), pre­dia­be­tico e a rischio di malat­tie car­dia­che quando ha cer­cato aiuto nel 2020. Il 46enne, che lavora nel set­tore ban­ca­rio ipo­te­ca­rio e immo­bi­liare a Boston, aveva pro­vato a limi­tare il cibo, ma poi si sen­tiva sem­pre più affa­mato.
È tor­nato su un far­maco per la per­dita di peso della prima gene­ra­zione, Saxenda. Ha perso circa 30 chili, ma poi ha col­pito un pla­teau. Nel set­tem­bre 2021 il Dr. Hal­pe­rin ha pre­scritto Wegovy. La sua fame si placò rapi­da­mente.


Ha rag­giunto il suo obiet­tivo di 180 libbre (81 kg) un paio di mesi fa, e sta continuando a prendere il farmaco. “Que­sto è qual­cosa che dovrò trat­tare per il resto della mia vita”, ha detto.
L’epi­de­mia di obe­sità è un pro­dotto di forze, vec­chie e nuove, che si sono scon­trate: la bio­lo­gia umana ha pla­smato nel corso di mil­lenni di lotta per tro­vare sosten­ta­mento; vite che sono in gran parte vis­sute seduti; e l’abbon­danza di cibi a basso costo e lavorati.
Pata­tine fritte, soda e altri ali­menti tra­sfor­mati a buon mer­cato sono un grande col­pe­vole per­ché sono ric­chi di calo­rie, zuc­chero, sale e grassi, e sono dif­fi­cili da met­tere giù, sug­ge­ri­scono gli studi. Per alcune per­sone, i cibi iper­ca­lo­rici sono par­ti­co­lar­mente pro­ble­ma­tici.


Almeno 1.500 geni sono legati al peso. Alcune per­sone sono gene­ti­ca­mente pre­di­spo­ste ad aumen­tare di peso, a seconda delle com­bi­na­zioni di varianti in quei geni, ha detto Ruth Loos, un pro­fes­sore foca­liz­zato sulla gene­tica dell’obe­sità presso il Novo Nor­disk Foun­da­tion Cen­ter for Meta­bo­lic Research presso l’Uni­ver­sità di Cope­na­ghen e presso la Scuola di Medi­cina Icahn al Monte Sinai.


Il cer­vello invia segnali di fame quando una per­sona ha biso­gno di car­bu­rante per rag­giun­gere o man­te­nere il pro­prio set point e segnala un senso di pie­nezza quando lo rag­giunge o lo supera. Il set point non è impo­stato: cam­bia nel corso della vita di una per­sona. I bam­bini per­dono grasso cor­po­reo. Le donne aumen­tano di peso durante la gra­vi­danza e la meno­pausa.


In una per­sona con obe­sità, tut­ta­via, il sistema di set-point è uscito di strada, ha detto il dot­tor Lee Kaplan, diret­tore del Obe­sity and Meta­bo­lism Insti­tute di Boston. Il qua­drante grasso cor­po­reo si spo­sta su un nuovo set point più alto. L’obe­sità causa l’eccesso di cibo, piut­to­sto che il con­tra­rio, ha detto Kaplan.
I nuovi far­maci si basano su un ormone chia­mato glu­ca­gone pep­tide 1, o GLP-1, secreto prin­ci­pal­mente nel rive­sti­mento dell’inte­stino in rispo­sta al cibo e nel cer­vello.


I far­maci essen­zial­mente abbas­sano il set point atti­vando i recet­tori GLP – 1 nell’ipo­ta­lamo e nel tronco cere­brale che rego­lano il peso e l’appe­tito, ha detto Randy See­ley, pro­fes­sore di chi­rur­gia e diret­tore del Michi­gan Nutri­tion Obe­sity Research Cen­ter presso l’Uni­ver­sità del Michi­gan. I far­maci rag­giun­gono anche indi­ret­ta­mente i neu­roni in parti del cer­vello coin­volte nelle sen­sa­zioni di ricom­pensa e nel con­trollo degli impulsi.


Le azioni di Eli Lilly volano per i risultati forti dei farmaci per l’obesità.

Josh Nathan-Kazis 

Jack DentonFollow

Gli analisti prevedono che Mounjaro sarà il farmaco più venduto di tutti i tempi.

Le azioni di Eli Lilly  sono in volo martedì dopo che la casa farmaceutica ha registrato profitti e ricavi trimestrali ben al di sopra delle aspettative di Wall Street. Le vendite di farmaci per l’obesità stanno andando alla grande.

Azioni di Eli Lilly (ticker: LLY)sono in aumento dell’8% nel trading pre-mercato degli Stati Uniti dopo che la società ha registrato un utile per azione di 2,11 dollari su un fatturato di 8,3 miliardi di dollari nei tre mesi fino alla fine di giugno, distruggendo le stime tra gli analisti intervistati da FactSet di 1,98 dollari di utili per azione su un fatturato di 7,6 miliardi di dollari.

Gli investitori possono ringraziare Mounjaro, il trattamento del gruppo per il diabete di tipo 2 che ha mostrato un effetto straordinario come farmaco per la perdita di peso.

“I risultati finanziari di Lilly nel secondo trimestre sono stati guidati dalle vendite di Mounjaro e da una forte performance di Growth Products”, ha affermato David A. Ricks, presidente e amministratore delegato dell’azienda.

Questa è una notizia di ultime notizie. Leggi un’anteprima dei guadagni di Eli Lilly qui sotto e ricontrolla presto per ulteriori analisi.

Le cose non potrebbero andare molto meglio per il produttore di farmaci Eli Lilly, che riporta i suoi guadagni del secondo trimestre prima dell’apertura del mercato martedì.

Le azioni sono in aumento di circa il 50% negli ultimi 12 mesi, incluso un guadagno dell’1% lunedì e circa il 24% finora quest’anno. Il titolo è tra i pochi punti positivi nel settore sanitario, che ha significativamente sottoperformato il mercato più ampio. Gli analisti di Wall Street si aspettano che Lilly riporti vendite di 7,6 miliardi di dollari e guadagni di 1,98 dollari per azione per il secondo trimestre, secondo FactSet.

L’entusiasmo si concentra in gran parte su Mounjaro, il trattamento per il diabete di tipo 2 che ha mostrato un effetto straordinario come farmaco per la perdita di peso. La Food and Drug Administration dovrebbe approvare Mounjaro per curare l’obesità quest’anno. Gli analisti prevedono che il trattamento sarà la medicina più venduta di tutti i tempi.

Altri farmaci per l’obesità Lilly ora in fase di sviluppo clinico, tra cui uno chiamato retatrutide, sembrano probabilmente migliorare rispetto a Mounjaro nei prossimi anni. In una nota alla fine di luglio, l’analista di Goldman Sachs Chris Shibutani ha scritto che si aspetta 40 miliardi di dollari in vendite combinate, corrette per il rischio, 2032 per Mounjaro, retatrutide e una pillola per la perdita di peso nella pipeline Lilly chiamata orfoglipron.

Oltre Mounjaro, c’è il donanemab, la terapia della malattia di Alzheimer Lilly (ticker: LLY) che funziona in modo simile a Leqembi, il Farmaco per l’Alzheimer di Biogen (BIIB) che ha ricevuto la piena approvazione all’inizio di quest’estate. La FDA ha respinto la richiesta di approvazione accelerata di Lilly a gennaio, ma la società si aspetta una decisione sulla piena approvazione entro la fine dell’anno.

L’annuncio degli utili arriva mentre gli investitori aspettano il risultato di uno studio di Novo Nordisk, un concorrente di Lilly, su come il suo farmaco per la perdita di peso Wegovy influisce sui tassi di infarto e ictus. Wegovy funziona in modo simile a Mounjaro, quindi i risultati avranno implicazioni significative per il farmaco Lilly e se gli assicuratori saranno disposti a pagarlo. I risultati dello studio potrebbero arrivare in qualsiasi giorno.

Gli investitori potrebbero anche avere domande martedì sul previsto lancio di donanemab, che arriverà mentre Biogen continua a lanciare Leqembi. Mentre la copertura Medicare di Leqembi sembra essere meno restrittiva di quanto temuto, rimangono domande su quante persone prenderanno il farmaco, nonché sulla sua sicurezza.

Lilly sta ospitando una chiamata per gli investitori per discutere i guadagni alle 9 del mattino. Orientale.


08/08/23 Barron’s: Le azioni di Novo Nordisk salgono perché il farmaco per la perdita di peso riduce il rischio di eventi cardiovascolari

Josh Nathan-KazisFollow

I risultati di uno studio che esamina se Wegovy di Novo Nordisk riduce il rischio di infarto e ictus sono stati pubblicati martedì.

Novo Nordisk sta aumentando bruscamente dopo che il suo farmaco per l’obesità, commercializzato come Wegovy, è stato trovato in uno studio capace di ridurre il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori nei pazienti obesi e in sovrappeso.

Le azioni quotate negli Stati Uniti di Novo Nordisk sono aumentate del 12% nelle negoziazioni pre-mercato.

Poiché gli alti costi dell’ultima generazione di farmaci per l’obesità fanno in modo che gli assicuratori e i datori di lavoro si stanno industriando per limitarne l’uso, i nuovi dati attesi questo mese avranno grandi implicazioni per quanto ampiamente vengono prescritti i farmaci e chi li pagherà.

Nei prossimi giorni, Novo Nordisk (ticker: NVO) dovrebbe annunciare l’esito di un ampio studio che verifica se il suo farmaco per la perdita di peso Wegovy riduce il rischio di infarti e ictus nei pazienti obesi e in sovrappeso.

Mentre Wegovy e Mounjaro, una medicina simile fatta da Eli Lilly  (LLY), hanno dimostrato una straordinaria capacità di aiutare i pazienti a perdere peso, non è stato ancora dimostrato di offrire i benefici per la salute cardiovascolare generalmente ritenuti legati alla perdita di peso.

La posta in gioco è alta sia per Novo che per Lilly. Mentre è il farmaco di Novo che è stato usato nello studio, i due farmaci funzionano all’incirca allo stesso modo. Ciò significa che è probabile che gli investitori e gli operatori sanitari prendano i risultati di Wegovy come proxy per Mounjaro. (Lilly sta eseguendo test separati dei benefici per la salute di Mounjaro che produrranno dati nei prossimi anni.)

Se i pazienti nello studio Novo che hanno ricevuto Wegovy mostrassero tassi significativamente più bassi di infarti e ictus rispetto a quelli che hanno assunto un placebo, potrebbe rafforzare gli argomenti dei pazienti e degli operatori sanitari che desiderano una copertura assicurativa più ampia per i farmaci. In caso contrario, darà un duro colpo alle prospettive commerciali dei farmaci.

Oggi, gli assicuratori generalmente paghano per Mounjaro e un farmaco Novo simile chiamato Ozempic come trattamenti per il diabete di tipo 2, per i quali entrambi sono approvati. La copertura dei trattamenti per la perdita di peso come Wegovy è meno uniforme. A Medicare è esplicitamente vietato coprire i farmaci per la perdita di peso e molti assicuratori semplicemente non li coprono, chiamandoli “farmaci per lo stile di vita” senza comprovati benefici per la salute.

Dei tre farmaci, solo Wegovy è attualmente approvato come trattamento per la perdita di peso, anche se Lilly sta chiedendo alla Food and Drug Administration di approvare Mounjaro per il trattamento dell’obesità, e sia Mounjaro che Ozempic sono ampiamente prescritti off-label come farmaci per la perdita di peso.

Il risultato dello studio Novo, noto come SELECT, potrebbe essere un punto di svolta nel modo in cui vengono pagati i medicinali.

L’entusiaste per i nuovi farmaci per l’obesità, una classe chiamata agonisti del recettore GLP-1, ha avuto un effetto drammatico sui prezzi delle azioni di Novo e Lilly. Le azioni Lilly sono in aumento del 49,3% negli ultimi 12 mesi, mentre l’ADR di Novo è in aumento del 57,3%. L’S&P 500 è aumentato dell’8,8% nello stesso periodo. Il valore di mercato di Lilly è ora di 426,7 miliardi di dollari, rivaleggiando con quello del gigante dell’industria Johnson & Johnson  (JNJ), che ha un valore di mercato di 439,3 miliardi di dollari.

Tali valutazioni sono sostenute da aspettative altissime per le vendite dei farmaci. La stima di consenso degli analisti di FactSet ha vendite di Mounjaro di Lilly è che raggiungeranno 23,9 miliardi di dollari nel 2027, comprese le indicazioni per il diabete e l’obesità, che sarebbero le vendite annuali alte di qualsiasi farmaco nella storia, a parte il vaccino Covid di Pfizer (PFE).

Ciò che sta aumentando le aspettative degli investitori per i ricavi dei due produttori di farmaci, tuttavia, sta scatenando profonde ansie per il resto del sistema sanitario. I farmaci sono costosi: Mounjaro costa 1.023,04 dollari al mese, anche se se la FDA approva il farmaco per l’obesità entro la fine dell’anno, come ci si aspetta che faccia, quella versione probabilmente costerà di più. Wegovy costa 1.349,02 dollari al mese, mentre Ozempic costa 935,77 dollari al mese.

Quei prezzi elevati, insieme alla grande popolazione di adulti statunitensi che probabilmente si qualificherebbero idonei per il trattamento con i farmaci, potrebbero avere enormi implicazioni finanziarie per il sistema sanitario se viene concesso un ampio accesso ai farmaci. Un documento del New England Journal of Medicine pubblicato all’inizio di quest’anno ha calcolato che se il 10% dei pazienti Medicare i cui sintomi li qualificavano a prendere Wegovy dovesse effettivamente prendere il farmaco, costerebbe al beneficio del farmaco da prescrizione Medicare Part D 26,8 miliardi di dollari all’anno. Ciò equivale a quasi un quinto di ciò che Medicare Part D ha speso nel 2019.

Il Congresso dovrebbe approvare una legislazione per consentire a Medicare di coprire i farmaci per la perdita di peso come Wegovy. Un risultato positivo del processo SELECT potrebbe aumentare le argomentazioni fatte dai sostenitori di un cambiamento nella legge, che hanno reintrodotto i disegni di legge alla Camera e al Senato per apportare la modifica a giugno. Abilitare la copertura Medicare probabilmente spingerebbe anche gli assicuratori commerciali a coprire i farmaci.

Il successo della prova SELECT non è una cosa sicura. In una nota alla fine di giugno, l’analista di Goldman Sachs Chris Shibutani ha scritto che gli investitori si aspettano una riduzione statisticamente significativa del rischio di eventi cardiovascolari tra il 12% e il 18%. Shibutani ha scritto che crede che una riduzione del 15% o più sarebbe clinicamente significativa.

“Mentre un risultato all’estremità inferiore raggiungerebbe significatività statistica, ci aspettiamo che questo deluderebbe in modo incrementale i medici e sarebbe meno persuasivo per i pagatori”, ha scritto.

In una nota separata, J.P. L’analista di Morgan Chris Schott ha scritto che si aspetta che le azioni Lilly aumentino di circa il 5% se la riduzione del rischio è del 15% o più, e che le azioni Lilly siano piatte o un po’ più se il beneficio è inferiore, ma ancora statisticamente significativo. Se il processo fallisce, che ritiene essere un risultato “molto improbabile”, Schott ha scritto che le azioni di Liilly potrebbero scendere fino al 9%.


08/08/23 Sole 24 Ore: Eli Lilly doppia sfida

R


04/08/23 Articolo di Barron’s su chi ha da perdere grazie ai nuovi farmaci antiobesità

Ozempic fa rabbia. Perché questo potrebbe spiegare una misteriosa svendita di azioni Medtech.

Jack HoughFollow

Personale di Barron

Cosa mangia le azioni della Medtech? Forse l’angoscia ozempica. Wall Street la definisce un’opportunità di acquisto a breve termine. A lungo termine, è un spunto di riflessione.

Medtech si riferisce agli aggeggi chirurgici, in particolare agli impianti. Qualche anno fa, ho fatto sostituire un disco lombare litigioso con un distanziatore metallico progettato per crescere con l’osso, fondendo due vertebre insieme. Ora sono come Cyborg, l’eroe della DC Comics potenziato dalla macchina, tranne che il mio unico superpotere è indossare i pantaloni senza una smorfia di dolore. L’hardware è stato realizzato da Medtronic (ticker: MDT), che fa anche pacemaker e pompe per insulina. Le sue azioni hanno sottoperformato l’S&P 500 di otto punti percentuali quest’anno.

Medtronic non è quasi sola. Edwards Lifesciences (EW) è in ritardo rispetto al mercato di 11 punti quest’anno; Boston Scientific (BSX), otto punti; Abbott Laboratories (ABT), 19 punti; StrykerSYK  (SYK), cinque punti; Becton Dickinson (BDX), 12 punti; Baxter International (BAX), 31 punti; Johnson & Johnson (JNJ), 20 punti; e Zimmer Biomet Holdings (ZBH), 19 punti. “Il dolore del Medtech… quanto di più?” leggi il titolo di una nota di BofA Securities la scorsa settimana.

Non è così che dovrebbe funzionare. I paesi ricchi pullulano di over 50, che, nel complesso, si può contare abbiano bisogno di una articolazione in titanio qui o di un ritocco arterioso lì. Il mercato si sta comportando come se gli anziani fossero improvvisamente in piscina dal film Cocoon del 1985, sai, ringiovanenti baccelli alieni..

J.P. Morgan ha una teoria e non coinvolge i baccelli alieni. Medtech è diventato notevolmente più debole nelle ultime settimane. I grafici azionari indicano più o meno il 20 luglio e una chiamata agli utili di Intuitive Surgical (ISRG), nota per i suoi robot Da Vinci e il suo guadagno azionario del 18.000% in due decenni. “All’interno di una delle nostre aree di procedura target, la chirurgia bariatrica, il nostro tasso di crescita negli Stati Uniti è rallentato durante il trimestre”, ha detto il direttore finanziario dell’azienda durante la chiamata. “Alcuni clienti hanno indicato che stanno assistendo a un maggiore interesse dei pazienti per i farmaci per la perdita di peso”.

La chirurgia bariatrica, a volte chiamata stapling dello stomaco o fasciatura, riduce le dimensioni dello stomaco per causare la perdita di peso. I farmaci per la perdita di peso a cui si fa riferimento nella chiamata, ovviamente, sono le nuove iniezioni che i consumatori spesso chiamano collettivamente Ozempic, anche se 1) questo è un farmaco per il diabete Novo Nordisk (NVO) che causa anche la perdita di peso, mentre la versione specifica per l’obesità si chiama Wegovy; 2) Eli Lilly (LLY) Un altro farmaco Lilly sembra ancora più potente, ma è ancora in fase di sperimentazione e probabilmente non arriverà sul mercato fino al 2027 al più presto.

Anche le formulazioni di pillole stanno arrivando. I risultati sono già abbastanza potenti da dimagrire i pazienti obesi. I costi sono alti, soprattutto se i pazienti devono assumere questi farmaci per tutta la vita. All’inizio di quest’anno, il CEO di Lilly Dave Ricks mi ha detto che si aspetta che il trattamento per l’obesità sarà comune come per l’ipertensione in un decennio: vedi il tuo medico, prendi una pillola. Una chiave, dice, è convincere gli assicuratori che il trattamento precoce dell’obesità può scongiurare la necessità di ginocchia artificiali, pompe per insulina, macchine anti-apnea e altri dispositivi costosi.

Improvvisamente la svendita di medtech ha più senso, ma JPM dice che gli investitori hanno superato se stessi. Ha chiamato i medici bariatrici sulla questione e promette di pubblicare presto i suoi risultati completi. “La versione breve è che la chirurgia bariatrica in generale continua ad aumentare, la chirurgia bariatrica robotica con Da Vinci sta aumentando sostanzialmente più velocemente e mentre i GLP-1 possono ritardare la decisione di un paziente di sottoporsi a un intervento chirurgico, i medici non si aspettano un’interruzione dei volumi complessivi”, hanno scritto i suoi analisti, usando un acronimo per uno “A meno che i pazienti non si impegnino a utilizzare i GLP-1 per tutta la vita, cosa che molti non sono desiderosi di fare, probabilmente progrediranno ancora verso la chirurgia bariatrica, che rimane estremamente sottopenetrata”.

JPM dice di accumulare azioni medtech, citando forti vendite e margini, promettenti pipeline di sviluppo e valutazioni ragionevoli. “Vediamo questo come timori di picco del GLP-1, molti dei quali non sono ben fondati”, hanno scritto i suoi analisti. Nominano Boston Scientific come particolarmente attraente in vista della giornata degli investitori del 20 settembre, con risultati attesi in quel periodo dei test su Farapulse un nuovo modo di trattare la fibrillazione atriale, una condizione cardiaca comune caratterizzata da battiti veloci e irregolari.

A BofA piace anche Boston Scientific. La sua risposta alla sua stessa domanda su quanto più dolore medtech stia arrivando, a quanto pare, non è molto. BofA afferma che il gruppo ha storicamente toccato un sconto di valutazione del 18% per i produttori di strumenti medici e scientifici: pensa agli spettrometri di massa e a Thermo Fisher Scientific (TMO). Negli ultimi giorni lo sconto si è ampliato dal 6% al 12%, calcola la banca.

Boston Scientific, se sei curioso, scambia 26 volte i guadagni previsti di quest’anno. Si prevede che aumenterà gli utili per azione di percentuali a due cifre in ciascuno dei prossimi anni. Il modo in cui gli investitori hanno fatto il titolo dipende molto da quando l’hanno comprato: cinque anni fa, mah; 10 anni fa, dannatamente bene; 20 anni, miseramente.

Sono al punto che i timori di un crollo della medtech Ozempic a breve termine sono infondati. Ma le paure a lungo termine sulle paure infondate possono essere fondate?

Vedi, Ricks di Lilly dice che la società dovrebbe smettere di diffamare gli obesi come pigri. I suoi scienziati hanno studiato gli effetti della dieta e dell’esercizio fisico su un gruppo placebo, rispetto a un gruppo a cui sono dati farmaci per la perdita di peso. I pazienti con placebo hanno perso circa cinque chili; quelli nel gruppo di farmaci, più di 50. Alcune persone sono cablate per sentire il richiamo del cibo calorico con più forza di altre, dice una teoria. I farmaci silenziano quello stimolo, quindi i pazienti mangiano meno.

Non posso dire chi ha ragione sulla scienza. Ma cosa succede se Ricks ha ragione sulla prossima ubiquità delle pillole per l’obesità? Potrebbe significare problemi per gli spinner di patatine, soda e dolci quotati in borsa e alcune catene di ristoranti? Lo so: troppo presto, troppo speculativo, o entrambi, per scopi di investimento. Basta ricordare la lezione di medtech: la svendita delle azioni non deve aspettare il colpo di vendita.


27/06/23 Barron’s: Eli Lilly, Pfizer e altri stanno lavorando sulle pillole per la perdita di peso. Cosa sapere.

Di Josh Nathan-KazisFollow

Gli investitori di Lilly sono ottimisti sul trattamento iniettabile per la perdita di peso Mounjaro, ma le pillole, più economiche da prendere, più economiche da fare, potrebbero avere il maggiore impatto a lungo termine.

L’eccitazione dell’investitore per una nuova classe di farmaci per l’obesità ha spostato l’attenzione nelle ultime settimane, lontano dagli iniettabili che stanno già arrivando sul mercato e verso le pillole che potrebbero seguire nei prossimi anni.

Mentre l’entusiasmo per il Mounjaro iniettabile ha già reso Eli Lilly (ticker: LLY) l’azienda farmaceutica più preziosa al mondo, con un valore di mercato di oltre 425 miliardi di dollari, potrebbero essere i successori orali di Mounjaro e dei suoi pari ad avere il maggiore impatto a lungo termine.

Il campo weight-loss-pill si è chiarito un po’ negli ultimi giorni, poiché le aziende hanno presentato nuovi dati in un’importante conferenza medica. I principali partecipanti sono di Lilly e Novo Nordisk (NVO), con Pfizer (PFE) e Structure Therapeutics GPCR) anche cercando di svolgere un ruolo.

La speranza è che le pillole per l’obesità possano offrire gran parte dell’efficacia dei nuovi iniettabili, ma con nessuno degli aghi sgradevoli e ad un prezzo inferiore.

Mentre mancano i dati sull’obesità a lungo termine sulla nuova classe di farmaci, noti come GLP-1, sembra probabile che i pazienti dovranno continuare a prenderlo a lungo termine per mantenere il loro beneficio. Le iniezioni giornaliere sono una prospettiva poco attraente e è improbabile che gli assicuratori vogliano pagare il conto per le iniezioni costose a tempo indeterminato.

Le pillole potrebbero offrire una soluzione. Più economiche e più facili da prendere, potrebbero consentire a più pazienti di rimanere su di loro molto più a lungo, espandendo notevolmente il mercato potenziale. Potrebbero anche essere più facili da fare rispetto agli iniettabili, alleviando alcuni dei crunch di fornitura.

“Non c’è una rampa di uscita per questi farmaci e i medici ammettono già che questa è una classe terapeutica cronica per l’obesità [dei pazienti]”, ha scritto lo stratega sanitario di Jefferies Will Sevush in un’e-mail di lunedì agli investitori. “I farmaci orali aprono il mercato dell’obesità , attenuano le preoccupazioni sui prezzi delle assicurazioni e potrebbero non essere così diluenti per i margini”.

Rimangono molte domande, ma gli investitori stanno osservando da vicino. Ecco i farmaci da rintracciare.

Semaglutide ad alta dosi di Novo

Novo ha guidato il campo nello sviluppo di GLP-1 e ha già un GLP-1 orale sul mercato. Quel farmaco, commercializzato con il nome di Rybelsus, ha solo l’approvazione della Food and Drug Administration come trattamento per il diabete di tipo 2 e non per l’obesità. L’azienda ha testato una versione a dose più alta della pillola come trattamento per l’obesità e a maggio ha riferito che i pazienti con la pillola hanno raggiunto una perdita di peso del 15,1% dopo 68 settimane, rispetto al 2,4% con placebo.

La pillola è una formulazione orale adattata di semaglutide, la stessa molecola utilizzata in Rybelsus, e negli iniettabili di Novo Ozempic e Wegovy.

Novo dice che chiederà l’approvazione della FDA della pillola per la perdita di peso ad alte dosi da prendere una volta al giorno entro la fine dell’anno, il che significa che l’approvazione potrebbe arrivare nel 2024. Ciò metterebbe Novo anni avanti rispetto a qualsiasi potenziale concorrente orale di GLP-1, dandogli un grande vantaggio nella cattura di quote di mercato.

C’è, tuttavia, un grande avvertimento. Non è chiaro quando Novo sceglierà effettivamente di mettere sul mercato la pillola di semaglutide ad alte dosi, anche se riceve l’approvazione della FDA. Questo perché Novo ha avuto enormi difficoltà a soddisfare la domanda di Wegovy. Wegovy utilizza gli stessi ingredienti della pillola per la perdita di peso ad alte dosi; il suo lancio potrebbe cannibalizzare l’offerta già tesa. Novo ha detto che il lancio della pillola dipende dalle ” prioritizzazioni del portafoglio e dalla capacità produttiva”.

La pillola, ha scritto lunedì l’analista di TD Cowen Michael Nedelcovych, potrebbe non essere lanciata nell’indicazione dell’obesità “per qualche tempo”.

Orforglipron di Lilly

Lilly, l’altro mostro dello spazio GLP-1, sta sviluppando una pillola per la perdita di peso chiamata orforglipron. Alla fine della scorsa settimana, la società ha affermato che i pazienti obesi o in sovrappeso alla dose più alta di orforglipron hanno perso il 14,7% del loro peso dopo 36 settimane in uno studio di fase 2, rispetto al 2% dei pazienti che hanno ricevuto un placebo. È simile a come la pillola e le forme iniettabili del semaglutide di Novo si sono comportate dopo un periodo di tempo simile, secondo l’analista di Goldman Sachs Chris Shibutani.

Come il semaglutide ad alte dosi di Novo, l’orfoglipron di Lilly è una pillola una volta al giorno. A differenza del farmaco di Novo, Lilly’s può essere assunto con il cibo, il che potrebbe essere un vantaggio se i farmaci hanno dimostrato di funzionare in modo simile testa a testa. Lilly sta conducendo una serie di studi di fase 3 di orfoglipron, che dovranno essere completati prima che l’azienda possa chiedere alla FDA di approvare la pillola. Lo studio che l’azienda si aspetta di eseguire il più lungo dovrebbe essere completato a metà del 2025, il che mette la potenziale approvazione di orfoglipron nel 2026.

Il Danuglipron di Pfizer

Pfizer non ha fatto mistero della sua ambizione di diventare protagonista del mercato dell’obesità e del diabete. Il gigante farmaceutico  ha annunciato  lunedì la scelta del suo partecipante: danuglipron, una pillola due volte al giorno.

L’azienda ha abbandonato un’altra pillola per l’obesità in fase iniziale, lotiglipron, citando potenziali problemi di sicurezza legati a livelli più elevati di enzimi epatici osservati in alcuni pazienti. Le azioni Pfizer sono diminuite bruscamente sulla selezione di danuglipron rispetto a lotiglipron, chiudendo lunedì in calo del 3,7%. Gran parte della preoccupazione sembrava concentrarsi sul danuglipron che richiedeva due dosi al giorno, rispetto a una dose al giorno per l’orfoglipron di Lilly e altri.

“Prevediamo che danuglipron lotterà per garantirsi una quota di mercato”, ha scritto lunedì l’analista di Citi Research Daniel Baum. Altri analisti erano meno turbati: Shibutani di Goldman ha scritto che, mentre le implicazioni della selezione di danuglipron “tendenza negativa” per Pfizer, la svendita era esagerata.

Tra le altre cose, Shibutani ha osservato che Pfizer sta lavorando a una versione una volta al giorno di danuglipron e che i problemi di sicurezza che hanno portato all’interruzione del programma lotiglipron non sono stati visti negli studi di danuglipron.

Pfizer non ha ancora annunciato i dettagli dei suoi studi di fase 3 pianificati su danuglipron. Se iniziano nel 2024, il farmaco potrebbe teoricamente essere lanciato intorno al 2027, se tutto va secondo i piani.

GSBR-1290 della struttura

Questo GLP-1 orale, della biotech Strutture, rimane in prove in fase iniziale. L’azienda prevede di iniziare una prova di fase 2b l’anno prossimo. Potrebbe essere lanciato nel 2029, se tutto va bene. Gli investitori sono in attesa dei dati della Fase 1b/2A nel quarto trimestre di quest’anno.

Le azioni di Strutture sono aumentate del 18,4% lunedì, probabilmente in risposta alla delusione degli investitori per l’annuncio di Pfizer. Il titolo è sceso del 6,5% martedì.

T-601 di Terns

Terns Pharmaceuticals (TERN), una piccola biotech, sta sviluppando un GLP-1 orale chiamato T-601. Le azioni Tern sono scese precipitosamente negli ultimi giorni; il titolo è sceso del 31% da quando il mercato ha chiuso venerdì. Alcuni di queste vendite potrebbero essere correlati a un altro programma Tern che mira alla condizione epatica NASH, ma anche gli investitori sembrano essere stati scossi dalle notizie di Pfizer. T-601 condivide una certa somiglianza strutturale con danuglipron, che sembra aver sollevato preoccupazioni per potenziali problemi al fegato.

“Non ci aspettiamo che gli enzimi epatici elevati siano un problema per il ‘601 (e finora, questo non è stato un problema)”, ha scritto l’analista di Mizuho Graig Suvannavejh in una nota di martedì.

T-601 è un programma in fase iniziale; la sua tempistica di lancio non è chiara.

Scrivi a Josh Nathan-Kazis all’indirizzo josh.nathan-kazis@barrons.com


27/06/23 Barron’s: Le pillole per la perdita di peso stanno arrivando. Ma sono meglio delle iniezioni?


Di Bill AlpertFollow

Le pillole per la perdita di peso sono state sotto i riflettori alla riunione dell’American Diabetes Association fino a lunedì.

Aghi o pillole? Una conferenza medica in corso sta mostrando che i pazienti avranno una scelta di modi per assumere la nuova generazione di farmaci per la perdita di peso chiamati incretine. Le pillole possono essere convenienti ed economiche, ma le iniezioni sciolgono la maggior parte dei chili.

Lunedì scorso, alla riunione scientifica annuale dell’American Diabetes Association, Eli Lilly (ticker: LLY) ha riportato i primi risultati per l’incretina più potente mai testata. I pazienti hanno registrato una perdita media di oltre il 24% del loro peso corporeo dopo 11 mesi di iniezioni settimanali di retatrutide, in uno studio di fase 2 pubblicato sul New England Journal of Medicine. Ciò ammontava a 58 libbre, in media, e batte la perdita di peso del 21% mediata da Lilly’s Mounjaro, un’incretina che finora è stata approvata solo per i pazienti con diabete di tipo 2.

La perdita di peso non si era ancora stabilizzata quando lo studio sulla retatrutide si è concluso, quindi l’uso più lungo potrebbe produrre una perdita di peso ancora maggiore, ha detto Ania Jastreboff, professoressa alla Yale School of Medicine che era uno dei ricercatori.

I pazienti nello studio sulla retatrutide hanno anche mostrato miglioramenti nella circonferenza della vita, nella pressione sanguigna, nelle misure dell’insulina e nei livelli di colesterolo. Il profilo di sicurezza del farmaco sperimentale Lilly era simile a quello di altri prodotti incretina, hanno affermato gli autori dello studio, circa il 15% di quelli alla dose più alta ha abbandonato a causa del disagio gastrointestinale.

Lilly prevede di portare avanti il prodotto in una prova di fase 3.

Fino a lunedì, le pillole erano state sotto i riflettori alla riunione dell’ADA. Una pillola sperimentale una volta al giorno di Lilly, chiamata orforglipron, ha permesso ai pazienti obesi di perdere fino al 14,7% del loro peso corporeo in nove mesi, in uno studio di fase 2 riportato venerdì. I pazienti diabetici hanno perso fino al 10% e hanno goduto di migliori misure per il diabete. Quei risultati di perdita di peso sono paragonabili a quelli forniti dai farmaci approvati Wegovy e Ozempic di Novo Nordisk (NVO), che sono iniettabili una volta alla settimana. Le azioni Lilly sono finite la scorsa settimana in aumento del 2,9%, mentre le azioni Novo sono calate di un pelo, lo 0,4%.

Novo Nordisk ha già una pillola di incretina sul mercato, chiamata Rybelsus. Ma in uno studio recentemente riportato, la casa farmaceutica danese ha riferito di una pillola che è una dose più alta del principio attivo di Rybelsus. Dopo 16 mesi con la pillola ad alto dosaggio di Novo, i pazienti hanno perso il 15% del loro peso.

PfizerPFE –3.68% (PFE) ha due pillole proprie in fase di sviluppo. Lunedì, ha annunciato l’interruzione di una di quelle pillole sperimentali. Quello che perseguirà, danuglipron, è stato finora testato in una versione due volte al giorno che è meno conveniente dei candidati una volta al giorno dei suoi rivali. In uno studio di fase 2 tra i diabetici, riportato a maggio, danuglipron ha aiutato i pazienti a perdere il 5% del loro peso dopo quattro mesi alla dose più alta. Pfizer dice che sta lavorando su una pillola una volta al giorno.

Gli investitori non erano entusiasti delle notizie di lunedì di Pfizer e il titolo è sceso del 3,7%, per chiudere a 36,89 dollari.

L’efficacia di questi nuovi farmaci per la perdita di peso deriva dal loro mimetismo di una classe di ormoni chiamati incretine che influenzano il nostro appetito trasportando segnali alle cellule del nostro intestino e del nostro cervello. I farmaci Novo Ozempic e Wegovy prendono di mira un tipo di recettore cell-surface. Il Mounjaro di Lilly si rivolge a due tipi di recettori. La retatrutide di Lilly prende di mira tre diversi recettori, motivo per cui probabilmente ha portato ai livelli record di perdita di peso segnalati lunedì.

Il Wegovy iniettabile di Novo Nordisk è l’unico dei potenti nuovi increti che ha l’approvazione della FDA come farmaco per la perdita di peso. Ma la copertura assicurativa è stata irregolare. I dati sono previsti per il mese prossimo che potrebbero convincere più assicuratori, e forse anche Medicare, a coprire il trattamento per l’obesità non diabetica. Questi risultati verranno da uno studio di 17.600 pazienti chiamato Select, condotto da Novo che ha esaminato se la perdita di peso da Wegovy ha aiutato i pazienti a evitare eventi cardiaci gravi come un ictus o un infarto.

In una nota di venerdì scorso, l’analista di Guggenheim Seamus Fernandez pensa che Select mostrerà una riduzione migliore del 10% di tali eventi cardiaci, tra i pazienti che hanno perso peso su Wegovy. Dice che dovrebbe essere sufficiente per aumentare il rimborso per il farmaco Novo e per il Mounjaro di Lilly e per aumentare le loro azioni.

Scrivi a Bill Alpert all’indirizzo william.alpert@barrons.com


22/06/23 Barron’s: Altre notizie sono in arrivo sui farmaci per la perdita di peso di Novo Nordisk e Eli Lilly

Bill AlpertFollow

Eli Lilly e Novo Nordisk mostreranno farmaci per la perdita di peso di nuova generazione. Wall Street, e Hollywood, sono già pazzi per i loro prodotti per la perdita di peso esistenti.

In una conferenza scientifica a partire da venerdì, Eli Lilly +0,23% Novo Nordisk –0,70% mostreranno i loro farmaci per la perdita di peso di prossima generazione. Wall Street, e Hollywood, sono già pazzi per i loro prodotti per la perdita di peso esistenti. Nei prossimi giorni, i rivali farmaceutici presenteranno i primi dati sui farmaci che potrebbero rivelarsi più potenti.

Le azioni di Lilly (ticker: LLY) e Novo (NOVO) hanno guidato la domanda selvaggia di una nuova classe di farmaci chiamati incretine, che consentono ai pazienti di perdere dal 15% al 20% del loro peso corporeo. A un recente periodo di 453 dollari, le azioni Lilly vengono scambiate a 50 volte le previsioni di guadagni di quest’anno, mentre le azioni Novo vanno per 30 volte i guadagni, a 160 dollari.

Sviluppato come trattamenti per il diabete, Novo’s Ozempic e Lilly’s Mounjaro sono introvabili poiché i medici li prescrivono ai pazienti che non possono mettere le mani su Wegovy, il Novo incretina specificamente formulato per la perdita di peso. Con gran parte del mondo sviluppato che soffre di obesità, la categoria dovrebbe diventare uno dei più grandi successi dell’industria farmaceutica.


Ecco perché gli studi sulla perdita di peso saranno eventi principali alla conferenza scientifica di questo fine settimana dell’American Diabetes Association a San Diego. Seamus Fernandez di Guggenheim si aspetta un impatto positivo da una sessione del venerdì pomeriggio in cui Lilly discute la perdita di peso del 12,6% raggiunta dopo sei mesi con la sua pillola di orforglipron. L’azienda spera che la perdita di peso raggiunga il 15%, dopo che lo studio di fase 2 raggiunge i nove mesi. Ciò sarebbe in linea con le prestazioni dell’iniettabile settimanale di Novo, Wegovy.

Domenica, Novo presenterà i risultati dello studio di fase 3 per la sua forma di pillola del principio attivo a Wegovy. Novo ha testato la pillola come trattamento per il diabete di tipo 2 e per l’obesità. Fernandez pensa che i dati di Novo saranno un grosso problema. I primi dati su un’altra pillola di incretina appariranno domenica, da Structure Therapeutics (GPCR).

Mentre le pillole cercano di raggiungere le prestazioni degli attuali iniettabili, le aziende farmaceutiche mirano a spingere a nuovi livelli di perdita di peso con gli iniettabili di prossima generazione. Venerdì, i ricercatori discuteranno i dati della fase 2 sulla combinazione di due farmaci di Novo CagriSema. Domenica, Lilly presenterà due studi di fase 2 della sua combo triple-drug chiamata Retatrutide. Lilly prevede di iniziare presto il suo studio di fase 3 su Retatrutide.

Insieme a tutti i titoli di weight-loss, ci saranno anche importanti risultati sul diabete alla riunione sul diabete. Domenica, Vertex Pharmaceuticals (VRTX) presenterà i dati aggiornati del suo test sui trapianti di cellule come cura per il diabete di tipo 1. Le aziende che vendono dispositivi per monitorare il glucosio e pompare l’insulina terranno riunioni con gli analisti, tra cui DexCom (DXCM), Tandem Diabetes Care (TNDM), Medtronic (MDT) e Insulet (PODD). L’analista di Baird Jeff Johnson pensa che Tandem possa lanciare nuovi prodotti per sfidare il suo rivale Insulet.

Scrivi a Bill Alpert all’indirizzo william.alpert@barrons.com


23/06/23 Barron’s: Nuove pillole per la perdita di peso stanno arrivando. Cosa sapere.

Josh Nathan-KazisFollow

Le notizie sui farmaci per la perdita di peso continuano a muovere alcune azioni farmaceutiche.

I dati delle pillole per la perdita di peso di Novo Nordisk Pfizer hanno catturato l’attenzione degli investitori, sollevando domande su come il dominio nel mercato emergente dei farmaci per la perdita di peso potrebbe cambiare nei prossimi anni.

I nuovi farmaci iniettabili per la perdita di peso di Eli Lilly (ticker: LLY) e Novo Nordisk (NVO) sono stati la più grande storia dell’anno per l’industria farmaceutica e l’eccitazione per le potenziali vendite dei farmaci ha aumentato bruscamente le azioni di entrambe le azioni. Lilly ha ora il più grande valore di mercato in tutte le grandi aziende farmaceutiche, a 412 miliardi di dollari, nonostante le entrate del 2022 che erano circa un terzo di quelle di Johnson & Johnson (JNJ).

Lunedì, gli investitori hanno dato un’occhiata a cosa c’è dopo. Novo ha annunciato che i pazienti che hanno ricevuto la versione orale del suo farmaco per la perdita di peso Wegovy hanno sperimentato una perdita di peso del 15,1% in 68 settimane, rispetto alla perdita di peso del 2,4% nei pazienti che hanno ricevuto un placebo. Questo è un risultato quasi buono come quello ottenuto da Wegovy iniettabile. Il risultato che suggerisce che Novo potrebbe interrompere sostanzialmente il mercato dei farmaci per la perdita di peso quando lancia la pillola per la perdita di peso.

(Novo vende già una versione a basso dosaggio della pillola con il marchio Rybelsus per il trattamento del diabete di tipo 2.)

Allo stesso tempo, gli investitori hanno preso atto di una nuova pubblicazione di un documento scientifico che delinea i risultati positivi di una sperimentazione di una delle pillole per la perdita di peso Pfizer +2,30% (ticker: PFE) è in fase di sviluppo, noto come danuglipron. I dati di danuglipron non erano nuovi, esattamente: Pfizer aveva già riassunto i risultati a settembre. Tuttavia, gli investitori si sono aggr Stati attaccati alla pubblicazione, che ha mostrato una riduzione del 4,9% del peso dopo 16 settimane al livello di dose più alto.

L’entusiasmo degli investitori per il processo Pfizer ha fatto salire le azioni del 5,4% lunedì, mentre la ADR di Novo è scesa dello 0,1% e le azioni di Lilly sono diminuite dell’1,9%. Martedì, le azioni Lilly sono scese di un altro 1,8%, mentre l’ADR di Novo è sceso del 3,1% e le azioni Pfizer sono scese dello 0,4%.

Il crescente interesse per i farmaci orali per la perdita di peso arriva anche se il futuro del mercato della perdita di peso iniettabile rimane incerto. Rimangono domande se gli assicuratori pagheranno per i farmaci e se le aziende farmaceutiche saranno in grado di dimostrare che i farmaci offrono benefici per la salute oltre alla perdita di peso.

Tuttavia, l’eccitazione degli investitori per l’opportunità rimane abbastanza forte che le notizie sulle pillole per la perdita di peso stanno muovendo il mercato. Gli analisti hanno avvertito lunedì che l’eccitazione per la pillola Pfizer potrebbe essere esagerata.

“Non siamo così rialzisti sui dati completi come forse suggerirebbe la mossa azionaria di oggi”, ha scritto l’analista di Jefferies Akash Tewari in una nota di lunedì.

Mentre i primi dati sull’efficacia sembravano promettenti, ha scritto Tewari, era preoccupato che solo il 77% dei pazienti che hanno ricevuto danuglipron completasse il trattamento.

“Siamo preoccupati per l’alto livello di interruzioni [trattamento] e per la sicurezza e la tollerabilità complessive degli attuali candidati orali GLP-1 di PFE”, ha scritto.

Gli eventi avversi più comuni nello studio danuglipron sono stati nausea, diarrea e vomito, e gli eventi avversi sono stati la ragione più comune per l’interruzione del trattamento, hanno scritto gli autori dello studio.

L’approvazione della FDA della pillola per la perdita di peso di Pfizer è ancora a anni di anni. L’azienda sta attualmente testando danuglipron e un altro composto, noto come lotiglipron; una sperimentazione di fase 2b di lotiglipron sarà completata alla fine di quest’anno. Pfizer ha detto che farà avanzare uno dei due farmaci in uno studio di fase 3.

Novo è su una linea temporale molto più breve. La società dice che quest’anno presenterà l’approvazione della FDA per la sua pillola per la perdita di peso. Tuttavia, l’azienda ha lottato per tenere il passo con la domanda di Wegovy. Ha messo in pausa una campagna di marketing questo mese per evitare di aumentare troppa domanda e ha detto che il lancio commerciale della pillola potrebbe aspettare che la produzione possa recuperare.

Non c’è molta fretta: Novo è anni avanti rispetto a Pfizer e Lilly, che sta anche lavorando su una pillola per la perdita di peso che potrebbe avere l’approvazione della FDA intorno al 2026. In una nota uscita lunedì, l’analista di TD Cowen Michael Nedelcovych ha scritto che i dati di Novo avevano fissato un’alta barra di efficacia per le pillole dei concorrenti da incontrare.

“Se questi agenti offrono un’efficacia e una tollerabilità simili, non è chiaro che una differenza di dosaggio sarà sufficiente per sostituire [la pillola di Novo] se dovesse essere la prima sul mercato”, ha scritto Nedelcovych.


04/05/23 Barrons: I Farmaci Per La Perdita Di Peso Saranno Blockbuster. Ecco le azioni da acquistare.

ILLUSTRAZIONE DI ALBERTO MIRANDA

Nell’anno da quando Eli Lilly ha annunciato i risultati della sperimentazione che mostrano che la tirzepatide, meglio conosciuta con il marchio Mounjaro, ha aiutato i pazienti a perdere più del 20% del loro peso, il farmaco è diventato il farmaceutico più discusso e più pubblicizzato nella memoria recente.

Negli ultimi mesi, il farmaco di Lilly (ticker: LLY) e uno simile di Novo Nordisk (NVO), si sono uniti al pantheon dei farmaci che rimodellano la cultura che include la pillola anticoncezionale, l’antidepressivo Prozac e il farmaco per la disfunzione erettile Viagra. Le azioni di Lilly e Novo, nel frattempo, sono salire al galoppo. Ogni azienda ha ora un valore di mercato di circa 400 miliardi di dollari, rendendola la seconda e la terza più grande di tutta la Big Pharma. Questo è un bel trucco dato che le loro entrate sono circa dal 25% al 30% di quelle del leader del settore Johnson & Johnson (JNJ), che ha una capitalizzazione di mercato di 425 miliardi di dollari.

Non c’è dubbio che la tirzepatide di Lilly e il suo concorrente Novo, semaglutide, saranno alcuni dei farmaci più venduti del decennio. Per gli investitori, tuttavia, è il momento di separare l’opportunità dall’hype.

Rimangono grandi rischi per le due aziende, comprese le domande su quali benefici per la salute possono dimostrare per i farmaci, chi li pagherà e quali concorrenti potrebbero emergere. E per chiunque cerchi di acquistare nelle aziende ora, c’è la questione se le aspettative altissime per i farmaci si riflettano già nei prezzi delle azioni delle aziende, o se c’è ancora spazio per il rialzo.

Di seguito, la guida di Barron per navigare in questa nuova era della medicina dell’obesità.

Cosa c’è di così rivoluzionario in questi farmaci?

La prima cosa da sapere è che stiamo parlando di due farmaci, la tirzepatide di Lilly e la semaglutide di Novo, che sono commercializzati con una varietà di nomi e formulazioni, a seconda della condizione che sono destinati a trattare.

Novo vende semaglutide come Ozempic, un’iniezione per il diabete di tipo 2; Wegovy, un’iniezione per l’obesità; e Rybelsus, una pillola per il diabete di tipo 2.

Per ora, la tirzepatide di Lilly viene venduta solo come Mounjaro, un’iniezione per trattare il diabete di tipo 2. Ma l’azienda avrà probabilmente presto un nuovo nome da aggiungere al suo elenco di marketing: alla fine di aprile, ha annunciato i risultati di uno studio di fase 3 che ha rilevato che i pazienti con diabete di tipo 2 che usano il farmaco hanno perso il 15,7% del loro peso corporeo durante l’assunzione di tirzepatide. Lilly dice che finalizzerà la sua domanda di approvazione del farmaco come trattamento per l’obesità e, se tutto va liscio, il cenno della FDA potrebbe arrivare non appena alla fine di quest’anno.

I nuovi blockbuster

Gli ultimi farmaci per la perdita di peso e il diabete di Lilly e Novo dovrebbero diventare enormi produttori di soldi.

DrogaProduttore / TickerIndicazioneNome genericoApprovazione FDA2022 Vendite (bil)2029E Vendite (bil)
MounjaroEli Lilly / LLYDiabete di tipo 2Iniezione di TirzepatideMaggio 20220,5 dollari15,8 dollari
N/AEli Lilly / LLYObesitàIniezione di TirzepatideNon ancora approvatoN/A14.6
OzempicNovo Nordisk / NVODiabete di tipo 2Iniezione di semaglutideDicembre 20178.516.8
WegovyNovo Nordisk / NVOObesitàIniezione di semaglutideGiugno 20210.911.9
RybelsusNovo Nordisk / NVODiabete di tipo 2Compresse di semglutideSettembre 20191.67.1

N/A=non applicabile; E=stima

Fonti: Rapporti aziendali; Bloomberg

Entrambi i farmaci sono significativamente migliori nell’abbassare la glicemia e promuovere la perdita di peso rispetto ai farmaci precedenti. Funzionano imitando gli ormoni naturali che innescano il corpo a produrre più insulina e rallentando la digestione, facendo sentire le persone più piene più a lungo.

La perdita di peso, in particolare, è stata una lotta per i produttori di farmaci. Praticamente tutti i tentativi precedenti sono stati inefficaci e/o pericolosi; l’elenco dei farmaci per la perdita di peso ritirati dal mercato per motivi di sicurezza è lungo.

Ma i farmaci di Novo e Lilly sembrano essere sicuri (anche se entrambi hanno effetti collaterali significativi) e la loro efficacia è notevole. I pazienti in tirzepatide di Lilly hanno perso il 22,5% del loro peso corporeo in media in uno studio, mentre i pazienti in trattamento con il farmaco Novo hanno perso il 14,9% del loro peso corporeo in uno studio separato. In confronto, un vecchio farmaco Novo chiamato Saxenda, che è stato immessi sul mercato circa un decennio fa, ha ridotto il peso corporeo dei pazienti solo del 7,4%.

Quando saranno disponibili i farmaci?

Mounjaro di Lilly e Ozempic, Wegovy e Rybelsus di Novo sono già sul mercato, anche se l’elevata domanda li ha mantenuti scarsi. Entrambe le società hanno detto che stanno aumentando la produzione. Novo ha detto ad aprile di avere un nuovo produttore a contratto pronto a partire, e Lilly ha detto che raddoppierà la sua capacità di produrre Mounjaro e farmaci simili entro la fine dell’anno.

Se l’offerta di Lilly per l’approvazione dell’uso di tirzepatide per la perdita di peso fosse approvata dalla FDA, il farmaco sarebbe probabilmente disponibile immediatamente. (Nel frattempo, ci sono rapporti diffusi secondo cui Mounjaro viene già utilizzato per questo scopo off-label.)

I concorrenti stanno arrivando?

Probabilmente. Pfizer (PFE) dice di avere una pillola in fase di sviluppo che funziona in modo simile a tirzepatide e semaglutide, mentre Amgen (AMGN) sta testando un farmaco per la perdita di peso che utilizza un meccanismo diverso. Lilly ha anche una serie di altri farmaci per la perdita di peso in cantiere, tra cui una pillola chiamata orforglipron, che potrebbe essere lanciata nel 2027; l’analista di SVB Securities David Risinger si aspetta che potrebbe raggiungere 9,9 miliardi di dollari di vendite nel 2030.

Detto questo, lo sviluppo di farmaci è un business incerto. Un promemoria di questo fatto è arrivato questo marzo, quando le azioni della biotecnologie Altimmune (ALT) sono crollate dopo che la società ha rivelato che una quota significativa di pazienti in una sperimentazione attentamente monitorata del suo nuovo farmaco per la perdita di peso è stata abbandonata a causa di problemi gastrointestinali.

Indipendentemente da ciò, gli analisti dicono che il mercato della perdita di peso è abbastanza grande da ospitare un certo numero di farmaci. In una nota dell’anno scorso, l’analista di Cowen Michael Nedelcovych ha scritto che si aspetta che le vendite di farmaci per l’obesità raggiungeranno i 30 miliardi di dollari entro il 2030, un numero che non include l’indicazione del diabete di tipo 2. “Il mercato sarà molto significativo, se in effetti queste aziende possono dimostrare che ci sono sostanziali benefici per la salute al di là della semplice perdita di peso”, afferma Risinger.

Quanto potrebbe essere grande il mercato generale?

In una conferenza sugli investimenti all’inizio di quest’anno, il CEO di Pfizer Albert Bourla ha detto che la sua azienda si aspetta che il mercato combinato dell’obesità e del diabete di tipo 2 per i farmaci in questa categoria colpisca i 90 miliardi di dollari a livello globale entro il 2030. Questo tipo di stima è supportato dalla natura estremamente diffusa delle due condizioni: secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il 41,9% degli adulti americani è obeso e circa 1 su 10 ha il diabete.

E poiché questi farmaci non sono curativi, i pazienti probabilmente dovranno prenderli per molto tempo, espandendo il potenziale di guadagno dei farmaci. Ad esempio, le aspettative degli analisti per le vendite di picco di Mounjaro, sia nelle sue formulazioni per il diabete che per l’obesità, includono un inebriante 100 miliardi di dollari all’anno (Geoff Meacham di BofA Securities) e un più modesto, ma ancora impressionante, 40 miliardi di dollari (l’analista di Jefferies Akash Tewar Per il contesto: anche la più piccola di queste cifre è quasi il doppio delle vendite di picco della terapia più venduta della storia, Humira di AbbVie (ABBV).

Quanto costano questi farmaci e chi pagherà?

I farmaci costano circa 1.000 dollari al mese, a seconda dell’indicazione e del dosaggio. Per i pazienti a cui sono stati prescritti i farmaci per trattare il diabete, il pagamento funziona come per la maggior parte dei farmaci: i produttori di farmaci negoziano la copertura assicurativa con i gestori dei benefici della farmacia e la copertura si costruisce lentamente nel tempo. Oggi, poco meno del 60% delle persone con piani assicurativi commerciali e Medicare ha accesso a Mounjaro, secondo Lilly.

Quando i farmaci vengono prescritti come trattamenti per l’obesità, però, è un’altra storia. Dibattiti persistenti sul fatto che l’obesità debba essere considerata una malattia significa che gli assicuratori spesso non coprono i farmaci per la perdita di peso e la legge federale impedisce ai benefici dei farmaci da prescrizione di Medicare di pagare per loro.Pesi massimiUna nuova classe di farmaci per l’obesità e il diabete ha aiutato le azioni di Lilly e Novo

 

Investitori e analisti dicono che si aspettano che la copertura assicurativa si espandi di fronte alla domanda dei pazienti. Tuttavia, gli assicuratori privati hanno segnalato che anche se iniziano a coprire il farmaco di Novo per l’obesità (la società afferma che circa 40 milioni di americani ora hanno accesso a Wegovy attraverso la loro assicurazione), non tutte le persone in sovrappeso saranno idonee. “Dobbiamo essere davvero chiari su quali pazienti beneficiano davvero di questi farmaci e assicurarci di capire correttamente come useranno quei farmaci”, ha detto Andrew Witty, CEO di UnitedHealth Group (UNH), uno dei più grandi assicuratori sanitari del paese, in una chiamata degli investitori ad aprile. Giorni dopo, un dirigente dell’assicuratore sanitario Elevance Health (ELV) ha detto che la società non copre i farmaci per la perdita di peso, tranne quando richiesto dalla legge statale.

Lilly e Novo non hanno ancora ottenuto risultati di studio che dimostrino che i loro farmaci per l’obesità non solo aiutano i non diabetici a perdere peso, ma anche a ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus. Entrambi stanno attualmente conducendo prove per fornire questi dati (si prevede che Novo produrrà risultati nei prossimi mesi; Lilly è ancora fuori anni). Se i risultati sono positivi, sarà molto più difficile per gli assicuratori resistere alla copertura dei farmaci come trattamenti per l’obesità.

Nel frattempo, sono in corso gli sforzi legislativi per ripristinare la legge che impedisce a Medicare di coprire i farmaci per la perdita di peso. Se hanno successo, il programma potrebbe avere un conto enorme. Un documento del New England Journal of Medicine pubblicato a marzo ha rilevato che se solo il 10% dei pazienti Medicare idonei avesse preso il farmaco di Novo, costerebbe a Medicare 26,8 miliardi di dollari all’anno, equivalente al 18,5% della spesa per il beneficio dei farmaci da prescrizione della parte D di Medicare nel 2019.

Cosa potrebbe andare storto per Novo e Lilly?

Il rischio maggiore per Novo e Lilly è che gli studi progettati per dimostrare che i farmaci abbassano i tassi di ictus e infarto nei pazienti senza diabete falliscono. In tal caso, la copertura assicurativa nelle indicazioni di obesità rimarrebbe limitata. Sì, i farmaci sarebbero ancora megabusters, ma non sulla scala che molti si aspettano.

Ci sono altre minacce, meno ovvie. Uno è l’impatto delle trattative sui prezzi di Medicare, che entreranno in vigore nel 2026 per il programma di farmaci da prescrizione di Medicare ai sensi dell’Inflazione dell’anno scorso anno. Medicare attualmente copre sia i farmaci di Novo che di Lilly per il diabete, e Ozempic di Novo potrebbe essere idoneo alla negoziazione già nel 2027. Nessuno sa davvero come andranno i negoziati, ma è possibile che i prezzi più bassi di Medicare per Ozempic possano anche avere un impatto sui prezzi che Lilly può recuperare per il suo farmaco competitivo.

(I dirigenti di Lilly notano, tuttavia, che uno studio testa a testa che confronta la perdita di peso in pazienti obesi e in sovrappeso non diabetici con il farmaco di Novo e il farmaco di Lilly dovrebbe produrre dati entro il 2025. Se Lilly dovesse vincere quel faccia a faccia, potrebbe aiutare l’azienda a mantenere prezzi più alti.)

Poi ci sono le minacce dei concorrenti. Se il prossimo farmaco Pfizer o Amgen dovesse eguagliare o sovraperformare i prodotti Novo e Lilly, quelle brillanti proiezioni degli analisti potrebbero venire con i piedi per terra.

Le azioni Lilly e Novo sono una buona scommessa?

I tori vedono un’enorme opportunità a lungo termine in Lilly. “Può Mounjaro, oltre alla pipeline di prodotti che Lilly lancerà nel mercato dell’obesità nei prossimi 5-10 anni, creare una massiccia opportunità di vendita che è qui per rimanere?” chiede Debra Netschert, amministratore delegato di Jennison Associates, che è uno dei manager del fondo PGIM Jennison Health Sciences (PHLAX). “Credo che possa.”

Le azioni Lilly sono raddoppiate dall’inizio del 2021 fino alla fine del 2022 e il titolo ha continuato a salire. Questa settimana ha visto le azioni Lilly raggiungere il massimo storico mentre la società ha riportato risultati positivi in uno studio di fase 3 della sua terapia per la malattia di Alzheimer. Gli analisti sono confusi su tutte le implicazioni dei nuovi dati e ci sono reali problemi di sicurezza con il farmaco, ma Lilly ha evitato uno scenario peggiore del fallimento dello studio, rimuovendo quella che era stata una preoccupazione a breve termine per gli investitori.

Anche le azioni Novo sono più che raddoppiate negli ultimi due anni e la società afferma che il suo lancio di Wegovy sta prendendo piede con l’aumento della capacità di approvvigionamento.

Per gli investitori che cercano di scommettere sui farmaci per l’obesità, Lilly è la più promettente delle due società, nonostante la corsa alle azioni. Gli analisti prevedono che gli utili per azione di Lilly cresceranno del 23% su base annua composta dal 2022 al 2027, secondo FactSet, meglio del 17% di Novo e ben al di sopra delle aspettative per il resto del settore. Merck, al contrario, dovrebbe aumentare i guadagni dell’8% nello stesso periodo.

“Stiamo parlando di un’azienda che ha un potenziale di crescita straordinario, probabilmente più di quattro volte quello del gruppo farmaceutico in generale”, afferma Risinger di SVB.

E mentre entrambe le aziende hanno solide condutture di farmaci, Lilly’s ha un leggero vantaggio. Oltre alla sua pillola per l’obesità e alla retatritude, un altro iniettabile per l’obesità, l’azienda ha una serie di farmaci potenzialmente importanti nelle ultime fasi dello sviluppo, tra cui il farmaco per l’Alzheimer donanemab, il farmaco antitumorale appena approvato Jaypirca e il trattamento della dermatite lebrikizumab.

Combina questi fattori con i primi dati che suggeriscono che la tirzepatide di Lilly è un agente di perdita di peso più efficace di Ozempic di Novo (una sperimentazione testa a testa in corso), e Lilly sembra essere una scommessa vincente sul boom dei farmaci per l’obesità.

Scrivi a Josh Nathan-Kazis all’indirizzo josh.nathan-kazis@barrons.com


L’articolo diBarrons è stato profetico: è scoppiata la frenesia su questi nuovi farmaci: personalità del jet set – Elon Musk per primo – hanno annunciato di farne uso ed è partita la caccia delle miracolose pastiglie ai danni dei malati di diabete che non riescono più a trovarli.

I due produttori Novo Nordisk e Eli Lily sono già saliti: adesso la speculazione si è buttata su WW Int. che secondo un analista potrebbe essere una delle beneficiarie del boom.


11/04/23 Barron’s: Le azioni WW International sono l’ultimo modo per cavalcare l’ondata di farmaci per l’obesità

di Josh Nathan-Kazis

Gli snack di Weight Watchers appaiono in un supermercato in Belgio nel 2019

Le azioni di WW International, la società precedentemente nota come Weight Watchers, sono aumentate del 59% martedì, mentre gli investitori sono saltati da una nuova angolazione su uno dei mestieri più caldi dell’anno: scommettere che i nuovi farmaci anti-obesità di aziende come Eli Lilly e Novo Nordisk diventeranno megablockbuster che rimodellano la cultura.

Novo’s (ticker: NVO) Wegovy, che viene anche venduto per trattare il diabete con il nome di Ozempic, e Lilly’s (LLY) Mounjaro, sono due di quei farmaci rari che saltano il contatore della farmacia per diventare un fenomeno culturale. Prozac e Viagra hanno fatto lo stesso prima di loro.

Lilly sta ancora aspettando l’approvazione della Food and Drug Administration per commercializzare Mounjaro per il trattamento dell’obesità, ma gli investitori si aspettano enormi vendite. In una nota dell’anno scorso, Geoffrey Meachem di Bank of America ha scritto che le vendite annuali di Mounjaro potrebbero raggiungere i 100 miliardi di dollari.

Gli scambi diretti per incassare quell’opportunità, tuttavia, potrebbero essere giocati. Le azioni Lilly sono approssimativamente raddoppiate negli ultimi due anni, mentre l’S&P 500 era piatto, ma finora quest’anno Lilly ha sottoperformato il mercato. Le sue azioni sembrano bloccate a circa 360 dollari.

In una nota fuori alla fine di lunedì, un analista di Goldman Sachs, Jason English, ha suggerito un altro modo per giocare l’opportunità di farmaci per l’obesità: WW International (WW).

Il business di WW International si è ridotto negli ultimi anni. Ha circa la metà degli abbonati alle sue offerte di riunioni di persona rispetto a prima della pandemia, e mentre gli abbonamenti solo digitali sono aumentati nel 2022, sono attualmente al di sotto dei livelli del 2019.

Ora, l’azienda si sta rivolgendo ai farmaci per la perdita di peso in cerca di crescita.

In un accordo da 132 milioni di dollari che si è chiuso lunedì, WW International ha acquistato un servizio di telemedicina incentrato sulla gestione del peso chiamato Sequence che prescrive farmaci anti-obesità come Novo (NVO) Wegovy senza visite di persona. L’acquisizione mette “quasi 6 milioni di utenti negli Stati Uniti come bersaglio principale di WW [mercato totale indirizzabile] oggi”, ha scritto English, dicendo che il numero potrebbe crescere fino a più di 11 milioni entro il 2027.

L’idea è che gli adulti che si qualificano come obesi, ma che non sono diabetici, potrebbero scegliere di accedere a farmaci come Mounjaro attraverso WW International, piuttosto che attraverso i medici di base. Il modello è simile a Hims & Hers Health (HIMS), un servizio di telemedicina che offre accesso a trattamenti per la disfunzione erettile e la depressione, tra le altre condizioni.

Compresi i ricavi di Sequence e altre ipotesi, gli utili stimano in inglese di Goldman per WW International potrebbero raggiungere 1,69 dollari per azione nel 2025, rispetto alla sua precedente previsione di 48 centesimi. Ha alzato il suo obiettivo per il prezzo delle azioni a $ 13 da $ 3,80.

Il titolo ha chiuso a 6,55 dollari martedì pomeriggio, in aumento rispetto al suo prezzo di chiusura di lunedì di 4.12. dollari.

Il run-up mostra lo straordinario interesse degli investitori a scommettere sulla storia dei farmaci per l’obesità. Tuttavia, il futuro megabuster per Mounjaro su cui gli investitori stanno scommettendo non è una cosa sicura.

Rimangono domande importanti sul rimborso. Non tutti gli assicuratori commerciali attualmente coprono i farmaci per la perdita di peso e il programma Medicare è vietato per legge di pagarli.

Inoltre, non è chiaro se le aziende saranno in grado di dimostrare che i farmaci offrono benefici cardiovascolari attesi. Novo dovrebbe fornire presto i risultati di uno studio che esaminerà questa domanda. Lilly sta conducendo le sue prove.

Scrivi a Josh Nathan-Kazis all’indirizzo josh.nathan-kazis@barrons.com


13/08/22 Barron’s: Finalmente, i farmaci per la perdita di peso che funzionano davvero. Potrebbero essere i blockbuster del decennio.

Bill Alpert Barron’s 13 agosto 2022

Questa non è una tipica storia di perdita di peso.

Dopo tutte le mode dietetiche, di integratori e di allenamento che abbiamo sopportato, stiamo per avere farmaci sicuri ed efficaci. Sono la nostra migliore speranza per arginare l’epidemia di obesità che minaccia la vita di 100 milioni di americani e mezzo miliardo di persone in tutto il mondo.

Nessuno ha mai visto il tipo di perdita di peso raggiunta da questi nuovi farmaci, noti come incretine. Negli studi scientifici, hanno permesso alle persone di perdere in sicurezza oltre il 20% del loro peso. Gli incretini potrebbero diventare i farmaci più venduti nella storia farmaceutica per i loro sviluppatori concorrenti, Novo NordiskNVO –0.65% (ticker: NVO) ed Eli LillyGGLI +2,63% (LLY). Le valutazioni del mercato azionario delle società riflettono grandi speranze. Ma quelle speranze sono meritate.

Se ogni americano sovrappeso  fosse trattato ai prezzi attuali di questi farmaci, il mercato annuale degli incretini sarebbe di un trilione di dollari. Gli assicuratori non possono permetterselo, ovviamente, e l’accesso ai nuovi farmaci è altamente limitato. Ma c’è molto spazio per i prezzi per scendere e premiare ancora gli azionisti di Novo e Lilly. I farmaci saranno ampiamente utilizzati se gli studi possono dimostrare che prevengono il diabete, le malattie cardiache e altri mali costosi.

Novo Nordisk e Lilly, rivali per un secolo, hanno originariamente sviluppato incretine per il trattamento del diabete di tipo 2. I farmaci si sono anche rivelati per promuovere la perdita di peso. Quando Novo ha ottenuto l’approvazione degli Stati Uniti l’anno scorso per commercializzare il farmaco iniettabile semaglutide per l’obesità, con il marchio Wegovy, la domanda era così forte che le azioni Novo sono aumentate del 50% l’anno successivo, raggiungendo un picco quest’anno vicino a 122 dollari e un guadagno multiplo di circa il 70% rispetto alla maggior parte dei suoi coetanei farmaceutici.

Lilly è alle calcagna con tirzepatide, che viene somministrato anche tramite iniezione settimanale. Ha permesso alle persone di perdere in media il 21% del loro peso in uno studio riportato a giugno. Anche se non ancora approvato per la perdita di peso, la tirzepatide è una delle ragioni per cui Lilly è il farmaco preferito di Wall Street. Al suo prezzo recente di circa 300 dollari, Lilly negozia 34 volte la previsione di guadagno a 12 mesi consimi, o il doppio del multiplo medio del suo settore.

La stima degli investitori per le azioni è aumentata sulle stime secondo cui le vendite annuali di incretine per il diabete e l’obesità potrebbero superare i 50 miliardi di dollari o i 60 miliardi di dollari entro l’inizio del prossimo decennio, divisi da un duopolio di Lilly e Novo. Per prospettiva, un farmaco è spesso considerato un blockbuster se genera 1 miliardo di dollari all’anno di vendite. Il prodotto AbbVie (ABBV) Humira è attualmente il farmaco più venduto al mondo, con oltre 20 miliardi di dollari di vendite annuali.Le vendite saranno meritate, poiché gli incretini sembrano essere la migliore possibilità di affrontare il pericoloso problema del peso delle nazioni sviluppate come gli Stati Uniti. La percentuale di adulti americani obesi – o pericolosamente pesanti per la loro altezza – è aumentata dal 13% al 43% negli ultimi 60 anni. Sono più di 100 milioni di persone solo negli Stati Uniti Il maschio americano medio ora pesa 200 libbre, rispetto alle 166 del 1960. La femmina media è di 171 libbre, rispetto alle 140.

 precondizioni come l’ipertensione.Fonti: rapporti aziendali; J.P. Morgan; Centro nazionale per le statistiche sanitarie

Ci sono molti effetti a catena da questo. L’obesità aumenta il rischio di diabete, malattie cardiovascolari e cancro, interferendo con il sonno, il lavoro e altre attività quotidiane. L’eccesso di peso può derivare da fattori come l’eliminazione del lavoro fisico e la disponibilità di calorie a basso costo, ma arginare l’epidemia richiederà più della dieta e dell’esercizio fisico.

Assumere il peso del mondo potrebbe rendere Novo e Lilly in due dei migliori stock di farmaci di questo decennio. Ma nonostante tutta la promessa degli incretini, gli investitori dovrebbero temperare le aspettative fino a quando un paio di problemi non verranno chiariti. Il primo riguarda Novo Nordisk, il cui prossimo futuro è una scommessa altamente concentrata su prodotti semaglutidi come Wegovy, senza molti altri blockbuster sicuri in cantiere. Al contrario, la pipeline di Lilly è una scommessa diversificata su molti composti, con prospettive intriganti per il trattamento del morbo di Alzheimer, delle malattie autoimmuni e del cancro.

Entrambe le società devono superare una seconda sfida: ottenere i loro potenti, ma costosi, farmaci per la perdita di peso coperti da assicuratori e programmi governativi. Le incretine possono alleviare l’obesità, ma non la curano. L’esperienza finora con i farmaci suggerisce che i pazienti dovranno prenderli per sempre. I pagatori dell’assistenza sanitaria non sono pronti ad assumersi quel costo.

Molti assicuratori non coprono i farmaci anti-obesità”, afferma Maria Cecilia Asnis, un’endocrinologa che gestisce il programma medico di perdita di peso presso Stamford Health nel Connecticut. “Anche il prezzo di listino è una barriera. La gente sta uscendo dal paese per prendere questi farmaci”.

I pazienti senza copertura possono affrontare costi mensili da 1.000 a 1.500 dollari per Wegovy di Novo, afferma Asnis, che non riceve alcuna remunerazione da nessuna azienda farmaceutica. Anche dopo gli sconti tipicamente negoziati dai piani sanitari, Wegovy può costare ai pagatori circa 10.000 dollari all’anno. Ci sono prove che salvare le persone dal loro peso le salverà dal diabete e dai problemi cardiaci e dai costi sanitari associati. Ma Novo e Lilly devono completare gli studi clinici per dimostrare tali benefici e convincere gli assicuratori che spendere decine di miliardi in incretini sarà compensato da risparmi preventivi.

I ricercatori hanno preso nota per la prima volta delle incretine 35 anni fa, quando hanno scoperto che un ormone chiamato peptide-1 glucagone-simile, o GLP-1, è stato rilasciato nell’intestino dopo l’assunzione di cibo. GLP-1 aumenta i livelli di insulina e riduce l’appetito, ma la sua forma naturale dura solo pochi minuti nel sangue. L’industria farmaceutica ha cercato prodotti più duraturi che imitassero gli effetti del GLP-1 come trattamenti iniettabili per il diabete di tipo 2. AstraZenecaAZN +3,08% (AZN) ha lanciato il primo nel 2005. Le sue vendite sono state superate da Victoza di Novo nel 2010 e da Lilly’s Trulicity nel 2014.

I pazienti diabetici che assumevano i farmaci GLP-1 hanno perso peso. Novo ha iniziato a testare il composto a Victoza tra persone che non erano diabetiche ma soffrivano di obesità, o che erano in sovrappeso e avevano una condizione correlata al peso come l’ipertensione. I medici definiscono l’obesità con un rapporto altezza-peso noto come indice di massa corporea, in cui un BMI di 30 o più è considerato obeso.

Dopo aver dimostrato che il farmaco ha aiutato i pazienti a perdere dal 5% all’8% del loro peso, Novo ha ottenuto gli Stati Uniti Approvazione della Food and Drug Administration nel 2014 per commercializzare la prima incretina per la perdita di peso, con il marchio Saxenda. Come tutte le approvazioni da allora, la FDA ha indicato che l’iniezione di penna dovrebbe essere utilizzata come parte di un programma di dieta ed esercizio fisico.

Nel 2017, Novo ha introdotto Ozempic, un trattamento iniettabile una volta alla settimana per il diabete, basato sulla variante GLP-1 semaglutide. Mentre normalizzava i livelli di glucosio nei pazienti diabetici, Ozempic ha anche permesso loro di perdere più peso di qualsiasi GLP-1 approvato. Come parte della complessa regolazione del metabolismo alimentare da parte del corpo, ci sono recettori GLP-1 in molti organi, incluso il cervello. Semaglutide era migliore di altri GLP-1 nel raggiungere i recettori cerebrali per temperare le voglie di cibo.

Lisa Robillard ha sicuramente notato quando ha preso parte a uno studio sulla perdita di peso tra le persone che erano pesanti ma non diabetiche. Robillard ha seguito la sua prima dieta quando aveva 10 anni. Fu allora che sua nonna portò la studentessa elementare a una riunione di Weight Watchers. Niente ha aiutato. Attraverso il lavoro, il matrimonio e la maternità, Robillard era in grado di controllare molte cose, ma non il suo peso. Quando compì 50 anni, salendo le scale la lasciò ventosa. Dice che temeva che non sarebbe vissuta abbastanza per vedere suo figlio crescere.

Stava pensando a un intervento chirurgico di perdita di peso nel 2018 quando una ricerca su Internet ha presentato una sperimentazione sperimentale di farmaci per il semaglutide di Novo. Robillard ha iniziato le iniezioni una volta alla settimana e nei primi due mesi era chiaro che non aveva ricevuto il placebo.

“Non desideravo zucchero o pensando al cibo”, ricorda. “Stavo lasciando del cibo nel mio piatto e il mio cervello diceva: ‘Sei pieno. Smettila di mangiare.’ “Nel corso del processo, Robillard ha perso 56 libbre. Le 1.300 persone che hanno assunto il farmaco di Novo nello studio hanno perso in media il 17% del loro peso corporeo, con miglioramenti nella pressione sanguigna, nel colesterolo e nei livelli di infiammazione. Non sono sorti seri problemi di sicurezza.

Novo ha ottenuto l’approvazione degli Stati Uniti per commercializzare il semaglutide come farmaco per la perdita di peso nel giugno 2021, marchiato come Wegovy. Le prescrizioni superano rapidamente le 10.000 a settimana, poi le 20.000. Poi, a dicembre, la società ha annunciato che i problemi presso il suo produttore esterno stavano aggraffando le forniture. Mentre riparava la produzione, Novo ha ritirato la commercializzazione di Wegovy. Si aspetta di risolvere i problemi entro la fine di quest’anno.

Novo Nordisk NVO

Dati chiave
Prezzo recente104,60 dollari
Valore di mercato (bil)235,9 dollari
2022E Revs (bil)23,6 dollari
2022E EPS3,32 dollari
2022E P/E31,5

E=stima

Come risposta al semaglutide, Lilly ha sviluppato un composto chiamato tirzepatide che prende di mira i recettori GLP-1, ma aumenta anche un altro ormone stimolante dai nutrienti noto come GIP. In uno studio testa a testa contro il semaglutide tra i pazienti con diabete di tipo 2, Lilly ha riferito che il suo farmaco “twincretin” controllava il glucosio meglio del farmaco di Novo e ha causato ai pazienti la perdita di molto più peso.

Uno di quei pazienti era Mary Bruehl, un avvocato dell’Oklahoma che aveva sviluppato diabete, problemi all’anca e malattie del fegato grasso dopo molti anni di peso eccessivo. Nel corso dello studio, i suoi livelli di glucosio si sono normalizzati e ha perso una notevole quantità di peso, passando da oltre 200 libbre a quasi 130.

Il tempo di Bruehl sulla tirzepatide ha coinciso con la chiusura degli uffici della pandemia di Covid. Dice che quando è tornata in ufficio, dimagrita, la gente l’ha trattata in modo così diverso che in realtà l’ha fatta arrabbiare. Ha cercato consigli per affrontare questo risultato inaspettato della sua perdita di peso.

Jeffrey Emmick, responsabile dello sviluppo del prodotto per il diabete di Eli Lilly, afferma che l’azienda ha iniziato un percorso di sviluppo parallelo solo per l’obesità non appena l’azienda ha visto i pazienti diabetici in media superiore al 20% di perdita di peso. “Questo ha superato le nostre aspettative”, dice.

Lo scorso aprile, Lilly ha riportato il primo dei suoi studi di perdita di peso per la tirzepatide. I pazienti con la dose più alta hanno una perdita di peso del 21%, dopo 72 settimane. Il farmaco ha ottenuto l’approvazione della FDA come trattamento per il diabete a maggio, con il marchio Mounjaro. Lilly aveva pianificato di richiedere un’indicazione di perdita di peso intorno alla fine del 2023, dopo ulteriori studi sulla perdita di peso. Ma alla sua ultima chiamata agli utili, i dirigenti hanno detto che avrebbero parlato con la FDA se una presentazione precedente potesse essere presa in considerazione, combinando i dati degli studi sul diabete con lo studio sull’obesità appena riportato.

Il dott. di Stamford Health Asnis dice che la sua pratica medica di perdita di peso ha sviluppato una lunga lista d’attesa man mano che esce la notizia dei nuovi farmaci. Ha trattato non più di 30 pazienti per perdita di peso nel 2019. Quest’anno, si aspetta più di 1.000. Prima delle incretine, i farmaci per la perdita di peso potevano causare problemi cardiaci e comunque non erano terribilmente efficaci. “Il

vantaggio di questi farmaci”, dice Asnis delle incretine, “è che non sono solo sicuri per il cuore. Sono benefici per il cuore.”

Ciò non significa che i farmaci Novo e Lilly manchino di effetti collaterali. Molti pazienti soffrono di nausea o diarrea all’aumentare del dosaggio. Asnis dice che questi problemi si assottigliano o possono essere gestiti con farmaci anti-nausea. Solo una manciata delle migliaia che ha trattato hanno smesso di prendere incretine a causa degli effetti collaterali. Una ragione più comune per cui i pazienti interrompono i farmaci, dice, è la mancanza di copertura assicurativa. Ogni prescrizione richiede un’autorizzazione preventiva. Per alcuni pazienti, ha dovuto scrivere saggi.

Per convincere gli assicuratori e i funzionari pubblici a pagare per il trattamento dell’obesità, sia Novo che Lilly stanno conducendo studi per dimostrare che il trattamento del peso previene altri mali come l’apnea notturna, il diabete e l’ictus. “Il nostro compito è generare dati più ampi che consentano ai decisori di prendere la decisione giusta”, afferma Martin Holst Lange, responsabile dello sviluppo di Novo. “Possiamo dimostrare che la perdita di peso è associata a miglioramenti nei risultati e diminuzione del consumo di assistenza sanitaria?”

Novo è a buon punto in uno studio su 17.500 persone in sovrappeso per vedere se il trattamento con Wegovy riduce il tasso di infarti, ictus o morte cardiaca improvvisa. Lilly recluterà per studi simili. “Se una persona entra nello studio di un medico e ha cinque o sei cose in corso, quattro possono riguardare direttamente l’obesità”, afferma il direttore medico di Lilly per l’obesità, il dott. Nadia Ahmad. “Ma l’approccio del sistema sanitario e del sistema di pagamento è quello di trattare le complicazioni. Stiamo dicendo di trattare prima l’obesità”.

I pazienti e il sistema sanitario ne trarranno sicuramente beneficio poiché Novo e Lilly continueranno a fare il salto con le innovazioni di prodotto. Novo ha lanciato una forma compressa una volta al giorno di semaglutide per il diabete, come Rybelsus, nel 2019 e ha incretine orali nei test di fase 1 per l’obesità. Ha una combinazione iniettabile chiamata CagriSema che inizia gli studi di fase 3 quest’anno che pensa supererà la tirzepatide di Lilly.

Lilly, nel frattempo, ha un candidato a tripla incretina soprannominato GGG negli studi di fase 2, così come un incretina orale.

Eli Lilly LLY

Dati chiave
Prezzo recente$303,02
Valore di mercato (bil)287,9 dollari
2022E Revs (bil)28,9 dollari
2022E EPS7,97 dollari
2022E P/E38,0

E=stima

Fonte: Sentieo.com

Wall Street è ottimista sugli incretini. All’inizio di giugno, J.P. Richard Vosser di Morgan ha aggiornato il suo rating sulle azioni Novo da neutrale a sovrappeso, dopo aver raddoppiato le sue previsioni di vendita per i prodotti incretinati dell’azienda. Pensa che Wegovy e CagriSema supereranno i prodotti rivali Lilly e aggiungeranno fino a 27 miliardi di dollari delle entrate totali di 40 miliardi di dollari che prevede per Novo nel 2030. Dice che le azioni da 100 dollari di Novo potrebbero raggiungere i 127 dollari l’anno prossimo.

Uno che non è d’accordo è Michael Leuchten di UBS. Poche settimane dopo l’aggiornamento di Vosser, Leuchten ha abbassato il suo rating su Novo da Neutrale a Sell. Pensa che gli incretini di Lilly supereranno e supereranno quelli di Novo, lasciando meno rialzo nelle vendite di quest’ultimo di quanto richieda il suo titolo a prezzo premium.

Concorda sul fatto che le vendite di incretine Novo aumenteranno, ma lo allarma sul fatto che l’azienda potrebbe ottenere quasi il 60% delle sue vendite da prodotti a base di semaglutide in pochi anni. Per sfuggire a così tanta concentrazione, Leuchten pensa che Novo dovrà spendere di più per la ricerca.

Lilly potrebbe ottenere la maggior parte dei mercati del diabete e della perdita di peso per questi prodotti, e ancora non avere gli incretini che salgono al di sopra del 40% delle sue entrate totali, secondo l’analista UBS Colin Bristow. Gli incretini potrebbero portare circa 22 miliardi di dollari dei 52 miliardi di dollari che Bristow prevede per Lilly nel 2030. Crede che gli incretini di Lilly rimarranno i migliori della categoria, ma lo vede riflesso nel prezzo delle azioni di Lilly e nei tassi delle azioni neutrali.

Poiché sia Lilly che Novo portano sul mercato farmaci migliorati, gli investitori avranno molte opportunità di decidere se gli analisti UBS sono troppo cauti. E man mano che i costi sanitari e sociali dell’obesità si diffondono e vengono conteggiati, il mercato dell’incretina potrebbe rivelarsi più grande di quanto chiunque si aspetti.