Giappone

L’interesse dell’Oracolo di Omaha mi porta a considerare anche questo mercato.. Cercherò in giro dei prodotti interessanti per investirvi


12/04/23 Barron’s: Warren Buffett è rialzista sul Giappone. Perché anche altri investitori lo dovrebbero essere

di Nicholas Jasinski

Warren Buffett, presidente e CEO di Berkshire Hathaway, ha parlato del Giappone ultimamente.

Warren Buffett è rialzista sul Giappone. Il leggendario investitore value ha detto ai media giapponesi che Berkshire Hathaway aveva recentemente aumentato la sua partecipazione in molte delle società finanziarie del paese e che aveva gli occhi puntati su altre opportunità di investimento.

L’indice Nikkei 225 del Giappone ha aggiunto più dell’1% martedì dopo le osservazioni di Buffett, rispetto a un giorno flat-to-down per altre borse asiatiche.

C’è molto per un investitore con le propensione di Buffett da gradire nelle azioni giapponesi. Per cominciare, non sono amate. Anche se ha goduto di una recente movimento al rialzo, l’indice Nikkei 225 è ancora in calo significativo rispetto ai suoi massimi di 52 settimane la scorsa estate e quasi il 30% al di sotto del suo record del 1989.

Il Nikkei 225 è scambiato per circa 16 volte i guadagni di consenso nel prossimo anno, contro più di 18 volte per l’S&P 500 e 26 volte per il Nasdaq Composite.

“Il Giappone sarà sempre un mercato del valore”, afferma Ashish Chugh, gestore di portafoglio azionario globale di Loomis Sayles.

Ciò non significa che non ci siano soldi da fare, tuttavia. Buffett sarebbe d’accordo: l’investimento value è la sua specialità. Rispetto al top-heavy S&P 500 o Nasdaq ancorato da società in crescita – megacap come Apple (AAPL) e Microsoft (MSFT)- il Nikkei 225 scambierà sicuramente per un multiplo inferiore in virtù della sua composizione inclinata più verso le attività della vecchia economia.

I principali costituenti del Nikkei includono Uniqlo-parent Fast RetailingCo.(9983. Tokyo), operatore di telecomunicazioni KDDI (9533. Tokyo), e il gigante HVAC Daikin Industries (6367. Tokyo). Il conglomerato SoftBank Group di Masayoshi Son (9984. Tokyo) e la società di apparecchiature per semiconduttori Tokyo Electron (8035. Tokyo) sono grandi aziende orientate alla crescita nell’indice.

Per Berkshire Hathaway’s (BRK. A) il recente coinvolgimento in Giappone è stato attraverso diverse società finanziarie, vale a dire: Mitsui (8031. Tokyo), Itochu (8001. Tokyo),Marubeni (8002. Tokyo), Sumitomo (8053. Tokyo), e Mitsubishi (8058. Tokyo). Buffett ha acquistato quote del 5% in tutti e cinque nell’agosto 2020 e da allora si sono apprezzati in modo significativo.

Quella crescita e gli acquisti di azioni aggiuntive da allora hanno aumentato il valore della posizione combinata a circa 13 miliardi di dollari, secondo i dati di Bloomberg. Buffett ha detto a Nikkei questa settimana che Berkshire aveva aumentato ancora di più le sue partecipazioni dalla sua ultima divulgazione pubblica.

Per quanto riguarda altri investimenti in Giappone, Buffett tiene sempre le sue carte coperte. “Ci sono sempre alcuni a cui sto pensando”, ha detto a Nikkei, senza approfondire.

Uno yen giapponese più forte rispetto al dollaro USA e ad altre valute del mercato sviluppato fornirebbe un vento in poppa alle attività del paese. L’ETF iShares MSCI Japan (EWJ) fornisce un’ampia esposizione al mercato azionario del paese.

Sotto il neo-installato governatore Kazuo Ueda, la Banca del Giappone sembra pronta a inasprire la politica monetaria in una misura che non si vedeva da anni. Ciò non significa tassi di interesse impennare, ma almeno quelli positivi, e dovrebbe portare all’eventuale abbandono di una politica di acquisto di obbligazioni che ha mantenuto i tassi bassi o negativi.

Non è una ricetta per un mercato rialzista delle obbligazioni giapponesi, afferma David Rolley, gestore di portafoglio e co-capo del team globale di reddito fisso di Loomis Sayles. Tassi di interesse di riferimento più elevati peserebbero sui prezzi delle obbligazioni, che si muovono inversamente ai rendimenti, un rischio che al momento non è adeguatamente prezzato, per Rolley.

La crescita economica più lenta e le sfide demografiche sono i colpi macroeconomici più comuni sugli investimenti in Giappone. Il prodotto interno lordo dello scorso anno era circa lo stesso del 2017, 2018 e 2019 e appena al di sopra dei livelli colpiti per la prima volta alla fine degli anni ’90. La popolazione giapponese è in declino da oltre un decennio e continua a invecchiare, riducendo le dimensioni della forza lavoro.

Tendenze a lungo termine a parte, c’è di più da apprezzare nelle prospettive economiche del Giappone per il prossimo anno rispetto ad altri mercati sviluppati, mentre il successivo emergere del paese dalla pandemia di Covid-19 e la normalizzazione più lenta della politica monetaria prendono piede. Il risultato dovrebbe essere un passaggio dalla domanda guidata dalle esportazioni a un maggiore consumo interno.

“In primo luogo, il deficit commerciale è passato da uno dei peggiori dei tempi moderni a uno più ristretto, mentre il conto corrente è tornato in eccedenza. “Questo ha contribuito a rafforzare lo yen””, ha scritto lo stratega azionario di Jefferies Sean Darby martedì.” “In secondo luogo, il deleterio aumento del costo della vita causato dall’aumento delle bollette energetiche dovrebbe iniziare a ritirarsi, aumentando così la fiducia dei consumatori. In terzo luogo, il calo delle pressioni inflazionistiche semplicemente a causa del pass-through dei costi toglierà una certa pressione al BoJ per aumentare i tassi inutilmente velocemente”.

Raccomanda di possedere banche giapponesi, che ne trarranno beneficio in un ambiente di tassi di interesse più normale e positivo. Alcuni dei più grandi includono Mitsubishi UFJ Financial Group (MUFG), Japan Post BankCo. (7182. Tokyo) e Mizuho Financial Group (MFG).

Darby è anche rialzista sulle azioni delle aziende giapponesi esposte a un maggiore appetito di spesa da parte dei consumatori nazionali. Questi includono molte potenze internazionali come Toyota Motor (TM) e Sony Group (SONY), così come le cinque case commerciali preferite di Buffett.

Scrivi a Nicholas Jasinski all’indirizzo nicholas.jasinski@barrons.com


12/04/23 Certificato Nikkei capitale protetto XS2591009332

Intesa San Paolo ha da poco emesso un interessante certificato sul Nikkei 225 con scadenza 2028

il KIID con tutte le informazioni QUI

E’ a capitale protetto e paga ogni anno una cedola del 4,875% condizionata al fatto che nel periodo di rilevazione l’indice sia sopra il 70% del valore iniziale.

Quali sono a mio parere i vantaggi:

Un certificato da 1.000 Eur si paga (oggi) 976 quindi con un piccolo sconto.

le “cedole” per il bizzarro sistema fiscale nostrano sono considerate “redditi diversi ” e quindi compensano eventuali minusvalenze in essere. In questo caso il 4,875% diventa un interesse netto.

13/07/23 Rettifico questa ultima dichiarazione: mi sono confrontato con un amico e sembra che il fatto di essere a capitale garantito lo faccia considerare “Reddito da Capitale” e quindi tassato a prescindere- Pero’ dipende da come lo censisce l’intermediario.

Per non incassare la cedola il valore dell’indice deve essere in perdita del 30% rispetto al valore iniziale e se Warren Buffet ha ragione questo non dovrebbe – notate il condizionale… – succedere.

Il test e’ sul valore dell’indice quindi non influenzato dal rialzo\ribasso dello Yen rispetto all’Euro

E’ comunque a capitale protetto quindi alla scadenza i 1.000 euro si incassano.

Poi vale sempre il solito discorso: siete adulti e vaccinati ergo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.