Cathie Wood di Ark Invest: una visionaria! E finalmente i suoi ETF sono arrivati in Europa

Cathie Wood è una figura iconica nel mondo dell’investimento americano: la sua fede è che gli avanzamenti della tecnologia creano continuamente nuovi mercati distruggendo quelli tradizionali.


22/05/24 Al di là dell’indice Nasdaq: una serie di twits sul loro prossimo paper che appena esce tradurrò


18/04/24 Milano Finanza: disponibili i primi 3 ETF armonizzati in Europa

Risparmio gestito, ecco i primi Etf di Cathie Wood in Europa. I fondi puntano su titoli growth come Tesla e Coinbase

di Sara Bichicchi

 

La Ark Invest dell’investitrice americana ha portato sul listino i primi tre fondi attivi dopo l’acquisizione di Rize Etf. Disponibili in Germania, Uk e Paesi Bassi

Gli Etf di Cathie Wood sono ufficialmente arrivati in Europa. Ark Invest, la società dell’investitrice americana che ha avuto successo grazie a uno stile di gestione basato sui titoli growth, ha quotato giovedì 18 aprile i primi tre fondi tematici attivi su altrettanti listini del Vecchio Continente: Deutsche Börse Xetra, London Stock Exchange e Amsterdam. Nelle prossime settimane gli Etf di Ark, concentrati su alcune tecnologie considerate «disruptive», saranno disponibili anche in Svizzera, su Six Swiss Exchange, e, stando a quanto si apprende, su Borsa Italiana. Non c’è ancora, tuttavia, una data ufficiale per lo sbarco a Piazza Affari.

I tre Etf di Ark in Europa

I prodotti proposti in Europa sono i fondi Ark Innovation Fund Ucits Etf, Ark Genomic Revolution Ucits Etf e Ark Artificial Intelligence & Robotics Ucits Etf. Alla base degli Etf ci sono tre dei cinque pilastri intorno a cui Ark ha costruito la sua strategia di investimento: l’intelligenza artificiale, la robotica e le tecniche di sequenziamento multi-omico nel campo della genomica. L’Ark Artificial Intelligence & Robotics è esposto anche a un quarto macrotema, ovvero lo storage di energia. Ma il vero driver, che fa da fil rouge nella strategia di Ark, è l’AI: «L’intelligenza artificiale è il più grande catalizzatore di innovazione», ha detto Cathie Wood in occasione del lancio dei tre Etf. «Le cinque innovazioni disruptive su cui puntiamo valevano 19 mila miliardi di dollari di equity market cap nel 2023. Crediamo che possano arrivare a 220 mila miliardi nel 2030».

Da Tesla a Coinbase, i titoli su cui punta Cathie Wood 

I tre Etf attivi danno esposizione a titoli del Nasdaq 100 e dell’S&P 500 Healthcare, a partire da alcuni dei campioni americani del tech. Nel fondo Ark Artificial Intelligence & Robotics, ad esempio, il titolo che ha il maggior peso è Tesla (8,3%). Seguono le compagnie di software Palantir Uipath e Meta, che ha appena presentato la nuova versione del suo modello di AI open source Llama 3. Anche l’Etf Ark Innovation ha Tesla al primo posto nella top 10 delle partecipazioni, ma affianca la casa automobilistica di Elon Musk con quote dell’exchanger di criptovalute Coinbase, dell’app Zoom e della piattaforma di trading Robinhood.


13/04/24 Barron’s: Cathie Wood pensa che Nvidia abbia molto da dimostrare. Le sue azioni AI preferite e perché ama ancora Tesla.

Per noi europei molto interessante l’accenno ad un prossimo lancio di tre ETF armonizzati tramite RIZE da loro acquistata

L’amministratore delegato di ARK Invest Cathie Wood potrebbe essere la più famosa rialzista di Wall Street sulle Tesla. Recentemente ha acquistato azioni dopo che il titolo è sceso del 31% quest’anno e crede ancora nelle prospettive a lungo termine del produttore di veicoli elettrici, a causa del suo dominio nella guida autonoma e nelle iniziative di robotica.

su Nvidia è meno entusiasta. Il titolo è più che triplicato nell’ultimo anno, dopo che il fondo di punta di Wood, ARK Innovation, l’ha venduto all’inizio del 2023. Wood ha recentemente avvertito che Nvidia è andata troppo avanti. Peggio ancora, ha paragonato il produttore di chip a Cisco Systems, che è salita durante l’era dot-com su richiesta di hardware di rete, solo per precipitare più tardi quando i rivali sono entrati nel mercato.

I fondi ARK hanno avuto un 2022 difficile, poiché l’inflazione e gli aumenti dei tassi di interesse hanno raffreddato l’appetito degli investitori per le azioni in crescita ad alto prezzo con utili trascurabili. Ma ARK Innovation è rimbalzata l’anno scorso, guadagnando il 72% rispetto al 45% del Nasdaq Composite. Quest’anno, il fondo è sceso di circa il 10% fino al 10 aprile.

Wood, che ha co-fondato ARK nel 2014, è sempre ottimista sul mercato. È un’evangelista dell’innovazione tecnologica e condivide ogni giorno i movimenti che fa sul suo fondo. Nel 2022 l’azienda ha avviato ARK Venture Fund, consentendo agli investitori al dettaglio di accedere a società ancora private. Poi, a gennaio, dopo aver finalmente ottenuto l’approvazione normativa, ARK ha lanciato l’ARK 21Shares Bitcoin fondo negoziato in borsa, che detiene la criptovaluta come attività sottostante.

Barron ha recentemente parlato con Wood di Tesla, Nvidia e altri giocatori nell’ intelligenza artificiale e del futuro di ARK. Segue una versione modificata della conversazione.

Barron’s: le azioni Tesla sono in calo del 30% quest’anno. Cosa ti tiene rialzista?

Cathie Wood: Tesla sta conducendo il più grande progetto di intelligenza artificiale del mondo attraverso la guida autonoma. Ha più dati di guida del mondo reale di chiunque altro. Pensiamo che l’intero ecosistema di taxi autonomi genererà entrate da 8 trilioni a 10 trilioni di dollari entro il 2030, e i fornitori di piattaforme come Tesla ne otterranno la metà.

Con Optimus, Tesla sarà anche uno dei leader nei robot umanoidi . Un gran parte del lavoro negli impianti automobilistici richiede la destrezza di movimentazione di bulloni e dadi, e i robot non possono ancora farlo. Ma quando sono pronti, i robot umanoidi potrebbero aiutare gli impianti automobilistici ad aumentare la produzione molto più rapidamente.

La vendita di Nvidia prima del suo enorme rally negli ultimi sei mesi è stata un’opportunità mancata per te?

Il tasso di rendimento annuale che ci aspettavamo per Nvidia era buono, ma è scivolato al di sotto del nostro ostacolo minimo del 15%. Le nostre prime vendite di azioni Nvidia sono state premature. Ma quei fondi sono andati in Coinbase, che è più di Nvidia nell’ultimo anno.

Nvidia ha guidato la carica nella corsa all’IA dal punto di vista dell’hardware. Ma per giustificare il nostro obiettivo di prezzo, dobbiamo vedere più prove che l’IA sta accelerando la crescita dei ricavi nelle aziende.

Nello spazio di codifica, i guadagni di produttività sono enormi. Ma non stiamo assistendo all’accelerazione della crescita delle entrate in alcune delle grandi aziende che molte persone si aspettavano di mostrare per primi gli effetti dell’AI. Sto pensando a Salesforce.comAdobe, persino Autodesk.

Perché è così?

Le dirigenze stanno ancora cercando di dare un senso all’IA per le loro organizzazioni. Le aziende non vogliono che divisioni diverse acquistino tutti i tipi di strumenti senza le economie di scala. Per sfruttare l’IA nel modo più efficace, devono estrarre tutti i loro dati da divisioni disparate, integrarli in un unico posto, ripulirli e mappare i loro flussi di lavoro con livello di dettaglio straziant. Ci vorrà del tempo.

Le aziende si stanno anche rendendo conto che questi strumenti non saranno utili per molti dei loro lavoratori. Ci sono voluti solo due mesi perché ChatGPT raggiungesse 100 milioni di utenti attivi mensili, ma il numero ha raggiunto il picco di 200 milioni ed è ora sceso a circa 180 milioni. Mi aspettavo che fossero molto di più.

Stiamo ancora cercando di capire dove il valore emergerà nel mondo dell’IA, dal momento che molto di esso viene mercificato da modelli open source. Questa è la competizione per le aziende, tra cui OpenAI, che vogliono offrire quei servizi specializzati come abbonamento. Quel modello potrebbe svarire se i servizi fossero incorporati gratuitamente.

Quali altri fattori potrebbero frenare la crescita di Nvidia?

La Cina sta lavorando duramente per sviluppare i propri chip, così come i fornitori di servizi cloud come Google, Amazon.com Microsoft. Tesla sta anche progettando i propri chip poiché sono mission critical per la guida autonoma. Tesla ha già eliminato alcuni chip Nvidia dalle sue auto.

Una grande domanda di chip è stata tirata in avanti mentre le aziende hanno ordinato due o tre volte da Nvidia durante la carenza di chip, cercando di ottenere abbastanza forniture. Quella dinamica ciclica potrebbe svolgersi nei prossimi mesi. Elon Musk ha recentemente detto che non ha più problemi a ottenere chip.

Su quali investimenti legati all’IA sei rialzista?

Quando si tratta di intelligenza artificiale, la chiave sono i dati proprietari. UiPath ha dati proprietari sui processi di lavoro in tutte le principali aziende del mondo e sta lavorando per trovare i flussi di lavoro più produttivi per tutti i tipi di attività. Allo stesso modo, grazie ai suoi anni di partnership con il governo, Palantir potrebbe utilizzare tali dati per sviluppare modelli per migliorare l’efficienza delle divisioni governative.

PagerDuty sta usando l’IA per discernere quando qualcosa va storto nei data center.Block godrà di molti guadagni di produttività e di nuovi servizi nel suo mercato digitale. E l’ecosistema di Roblox sta esplodendo mentre l’IA crea nuovi giochi sulle sue piattaforme.

In che modo l’IA influenzerà l’economia e il mercato del lavoro?

Vedremo un rallentamento della crescita del lavoro, ma non un declino. La tecnologia potrebbe spostare alcuni posti di lavoro a breve termine, ma molte persone lasciate indietro si assumeranno la responsabilità di supervisionare la tecnologia. A lungo termine, il numero di posti di lavoro continuerà ad aumentare.

Le persone spesso non possono immaginare i nuovi posti di lavoro che saranno creati dalle nuove tecnologie. Ad esempio, sappiamo che se affiniamo il modo in cui sollecitiamo i computer, otterremo risposte molto migliori. Quindi “l’ingegneria del prompt” sta diventando un lavoro ora che non esisteva prima dell’IA generativa.

Quando abbiamo avuto grandi cambiamenti tecnologici in passato, l’orario di lavoro è sceso a un ritmo accelerato perché la produttività è aumentata. I trattori hanno aumentato la produttività delle fattorie, quindi le persone non avevano più bisogno che i loro figli lavorassero lì, ed erano in grado di uscire e ottenere un lavoro retribuito nelle fabbriche.

La stessa cosa accadrà questa volta. Ad esempio, i genitori che sono effettivamente tassisti per i loro figli saranno liberati da tali responsabilità grazie alla guida autonoma. Alcune di quelle ore risparmiate potrebbero essere utilizzate per il lavoro retribuito e altre per il piacere.

I respingimenti e i regolamenti pubblici minaccerebbero lo sviluppo dell’IA?

Regolare l’IA ora è come regolare Internet nei primi anni ’90: non sapevamo nemmeno cosa sarebbe diventato. Oggi abbiamo un’idea migliore con l’IA, ma il governo non dovrebbe essere nel business della scelta di vincitori e perdenti. C’è un movimento al Congresso rallentare un po’ le azioni normative e lasciare che il mercato funzioni.

Ogni paese oggi vuole essere un centro di innovazione. Quando la nostra FAA sta limitando dove i droni possono volare negli Stati Uniti, aziende come Amazon stanno andando in altri paesi per avviare la loro attività. Il governo degli Stati Uniti sta afferrando il concetto e stiamo vedendo più regolamenti a sostegno dell’innovazione in corso ora.

Quali aziende private dell’ARK Venture Fund ti entusiasmano di più?

Una delle prime aziende che abbiamo avuto nel portafoglio è stata MosaicML, una società di software che aiuta le aziende a prepararsi per l’era dell’IA organizzando i dati e utilizzando grandi modelli linguistici. Databricks l’ha acquistato per sei volte quello che abbiamo pagato, e Databricks è ora una delle più grandi partecipazioni del nostro portafoglio.

Figure AI, che si concentra sui robot umanoidi, ha clienti tra cui Amazon e Mercedes. Amazon ha raddoppiato il numero di robot nei suoi centri di distribuzione l’anno scorso a un milione, e il numero potrebbe superare gli esseri umani dell’azienda entro il prossimo anno o di lì. Figure AI farà parte del gioco.

Nello spazio multi-omico [ricerca che incorpora diversi tipi di dati biologici], Freenome sta sviluppando un esame del sangue che può aiutare i medici a diagnosticare il cancro nel primo stadio o anche prima identificando i polipi che si versano nel sangue.

Cosa potrebbe far inciampare la corsa al rialzo del mercato azionario?

Se ci guardiamo intorno al mondo di oggi, è molto simile ai primi anni ’80: il dollaro è diventato forte rispetto a molte altre valute e molti mercati emergenti hanno iniziato a tagliare i tassi di interesse perché le loro economie sono in difficoltà. Stiamo vedendo segni di grave debolezza nel resto del mondo, che colpirà gli Stati Uniti in qualche forma o forma.

Almeno dal 1998, quando i tassi di interesse salgono, il potere d’acquisto dell’oro diminuisce. Ma la correlazione si è interrotta da quando la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi nel 2022. L’oro sta esplodendo a causa di una corsa alla qualità nel resto del mondo. Significa che l’economia globale è debole.

Dalla scorsa estate, abbiamo visto il mercato cercare di prevedere se l’inflazione scenderà e quanti tagli ai tassi di interesse otterremo quest’anno. Ora vedremo un’altra rivalutazione. L’ultimo rapporto sull’occupazione mostra che quasi tutti gli aumenti di posti di lavoro sono part-time, mentre i posti di lavoro full-time sono effettivamente diminuiti.

Dove le nuove tecnologie guideranno l’economia globale nei prossimi anni?

Tutte le tecnologie sono deflazionistiche e i prezzi dovrebbero alla fine scendere. La convergenza tra le diverse tecnologie, in particolare, guiderà una crescita unitaria esplosiva e un calo dei costi. Questa è una delle grandi sorprese che vedremo negli anni a venire.

I veicoli elettrici, per esempio, sono una combinazione di robotica, stoccaggio di energia e intelligenza artificiale. La cinese Xiaomi ha appena rilasciato un nuovo modello per meno di 30.000 dollari. Pensiamo che i prezzi dei veicoli elettrici saranno nell’intervallo da 20.000 a 25.000 dollari entro cinque anni.

Quali sono i tuoi piani a lungo termine per ARK?

La nostra attività di base sono gli ETF di innovazione dirompente e i conti gestiti separatamente nei mercati pubblici. Stiamo democratizzando il capitale di rischio. Il nostro fondo di rischio è disponibile sulle piattaforme Titan e Sofi, dove chiunque abbia 500 dollari può ottenere una fetta di SpaceX o Discord che in precedenza erano disponibili solo per gli investitori accreditati.

Abbiamo lanciato ARKB [ARK 21Shares Bitcoin ETF] quest’anno, ma è solo l’inizio di un’offerta molto ampia di risorse digitali che speriamo di fornire nei prossimi anni. Vogliamo anche costruire tutti i nostri prodotti a livello globale. Lo scorso settembre, abbiamo acquisito Rize, uno specialista di ETF sull’indice tematico europeo, che ci consente di distribuire i nostri fondi in tutta Europa. Ne lanceremo tre lì a breve.

Grazie, Cathie.


22/12/23 Barron’s: 3 cose che abbiamo imparato dalla conversazione di Elon Musk e Cathie Wood su X

DaAl RootSegui

Cathie Wood e il CEO di Tesla Elon Musk si sono seduti per una conversazione più filosofica che pratica. Ma per coloro che sono disposti a leggere tra le righe, c’erano bocconcini da gustare.

A Elon Musk non piacciono i fondi indicizzati

Durante la conversazione, Musk e Wood hanno toccato il cattivo tempismo dell’aggiunta di Tesla all’S&P 500 . Le azioni sono state aggiunte il 21 dicembre 2020, quando la capitalizzazione di mercato della società è stata di circa 700 miliardi di dollari, quasi nove volte in aumento nei 12 mesi precedenti l’aggiunta. Wood e Musk hanno entrambi commentato che c’è qualcosa di strano nel fatto che gli investitori in indici si perdano tutto quel guadagno.

Musk ha anche suggerito che i veicoli di investimento passivo, come i fondi indicizzati, sono cresciuti troppo grandi e amplificano i guadagni e i cali dei prezzi delle azioni. La crescita degli investimenti in indici non è qualcosa che può essere gestito o fissato, di per sé, ma gli investitori dovrebbero essere consapevoli che il mercato azionario oggi non è come quello del passato quando una percentuale maggiore di attività in gestione era gestita attivamente.

Non contare su un’IPO SpaceX

Abbiamo creduto nella possibilità che SpaceX potesse essere diretta verso un’IPO, ma potrebbe non essere il caso sulla base della conversazione, che si è trasformata dai pro e dai contro dell’indicizzazione ai benefici di essere una società pubblica o privata. I mercati pubblici possono essere troppo concentrati sul flusso di cassa di oggi, ha detto Wood. Musk ha aggiunto che le aziende private possono correre più rischi, aggiungendo che le aziende automobilistiche come Tesla sono ad alta intensità di capitale e i mercati pubblici hanno più capitale disponibile rispetto ai mercati privati.

“Non penso che valga la pena diventare pubblici finché non hai un flusso di entrate estremamente stabile e prevedibile”, ha detto Musk.

Ciò potrebbe deludere gli investitori che vogliono investire nella sua società spaziale SpaceX, che ha un’attività Wi-Fi in crescita chiamata Starlink, ma la sua base di entrate in crescita potrebbe non essere ancora “estremamente stabile e prevedibile”.

Le auto a guida autonoma sono ancora il futuro

Quanto a Tesla, Wood e Musk hanno magnificato la tecnologia di guida autonoma di Tesla. “Le auto sono incredibilmente brave a guidarsi da sole”, ha detto Musk. Credo che le auto a guida autonoma rappresentino un’enorme opportunità per l’azienda, ha detto Musk per l’ennesima volta.

Per quanto riguarda gli ostacoli normativi, Musk ha elogiato la National Highway Traffic Administration come sensata, anche dopo le recenti azioni. “Penso che andrà bene dal punto di vista normativo” quando la tecnologia sarà pronta, ha detto.

Varie

La maggior parte della prima conversazione riguardava X, una società privata, ma la piattaforma è importante per gli investitori Tesla. Ad esempio, le perdite a X potrebbero portare alle vendite di azioni da parte di Musk. Le grandi vendite di azioni da parte di qualsiasi CEO contano sempre per gli investitori.

ARK Invest di Wood, tuttavia, non ha venduto azioni Tesla. Mercoledì ha acquistato circa 111.000 azioni Tesla in due fondi. Wood è un toro di lunga data per Tesla, che è la seconda posizione più grande nel suo ETF  ARK Innovazione. Coinbase è la più grande partecipazione dell’ETF.

Le azioni Tesla sono scese dello 0,4% nel trading di mezzogiorno di venerdì, mentre l’S&P 500 e il Nasdaq Composite  entrambi sono aumentati di circa lo 0,2%. Attraverso il trading di mezzogiorno, le azioni Tesla sono aumentate di circa il 107% da anno ad oggi. È stato un grande rimbalzo da un calo del 65% nel 2022.


01/12/23 Barron’s: L’innovazione ARK di Cathie Wood ha avuto un mese di successo. I bei tempi Dureranno?

DiLauren FosterSegui

L’ETF ARK Innovation di Cathie Wood ha avuto un grande novembre. 

È tempo del ritorno per l’ETF ARK Innovation di punta di Cathie Wood Il fondo da 8,1 miliardi di dollari è aumentato di un record del 31% a novembre mentre gli investitori si sono posizionati in attività più rischiose nella speranza che la Federal Reserve sia vicina a vincere la sua battaglia con l’inflazione e inizi a tagliare i tassi di interesse nel 2024.

Guadagni robusti in azioni come RokuCrispr Therapeutics Coinbase Global hanno contribuito a guidare le prestazioni a novembre.

“I tassi che emangono dall’ebollizione e la Fed in attesa per ora aiutano certamente le attività di tipo “lunga durata” che ARK tende a prediligere”, ha detto Todd Sohn, ETF e stratega tecnico di Strategas Securities.

Le azioni di lunga durata sono quelle che dovrebbero generare la maggior parte del loro flusso di cassa in un futuro lontano. Queste aziende sono spesso orientate alla crescita e sono più sensibili agli aumenti dei tassi di interesse e all’inflazione.

“L’ETF per l’innovazione ha avuto un mese di rottura perché il mercato sta iniziando a attirare finalmente la sua attenzione solo da ciò che [presidente della Federal Reserve] Jerome Powell sta dicendo e riconoscendo che molto probabilmente non torneremo a zero [tassi di interesse], ma probabilmente non stiamo andando molto più in alto”, ha detto Tom Staudt, presidente e COO di ARK Invest, a Barron.

Le prime 10 posizioni del fondo includono Coinbase Global, Roku, Tesla, Zoom Video CommunicationsUiPathBlock, Crispr Therapeutics, RobloxTwilio DraftKings, diversi dei quali Wood ha discusso con Barron durante l’estate.

Le sue prime due partecipazioni rappresentano poco più del 20% del portafoglio ed entrambe le azioni sono in forte aumento il mese scorso. Le azioni del broker di criptovaluta Coinbase Global sono aumentate del 61,72%, mentre le azioni della società di streaming media Roku hanno accumulato un impressionante guadagno del 74,92%.

“Entrambe le azioni hanno avuto un buon slancio di recente”, ha detto Sohn, aggiungendo: “È notevole che Tesla sia passato in secondo piano all’interno delle loro partecipazioni. Storicamente è stato il peso più grande all’interno di ARKK, ma ora è al terzo posto.”

Il produttore di veicoli elettrici è aumentato del 19,5% a novembre. Finora quest’anno, è aumentato del 90%.

Staudt ha detto che ARKK ha tagliato la sua posizione in Tesla “non perché abbiamo perso la fiducia o la fiducia nell’investimento, ma semplicemente a causa dell’anno che ha avuto”.

Ha aggiunto che gli investitori che non guardavano il portafoglio da un po’ potrebbero essere sorpresi di vedere Tesla nel posto n. 3, “ma eravamo solo noi a prendere profitti ed essere in grado di allocare ad altre opportunità”.

Giovedì, Tesla ha consegnato il primo lotto dei suoi cybertruck ai clienti. Il modello di base di quello che il CEO Elon Musk ha definito “potenzialmente il nostro miglior prodotto di sempre” costa 60.990 dollari, più costoso delle aspettative.

Le azioni di Block, la sesta più grande partecipazione al 6,07% del portafoglio, sono aumentate del 57,59% il mese scorso, mentre le azioni di Crispr, la settima più grande partecipazione al 4,5% del portafoglio, sono in aumento del 71,4%.

Le prime 10 holding costituiscono quasi i due terzi del portafoglio.

In un recente rapporto di ricerca, la cofondatrice di DataTrek Jessica Rabe ha dichiarato: “La sovraperformance di ARKC dall’inizio dell’ultimo rally del mercato azionario mostra come tenda a mostrare rendimenti tecnologici sovralimentati”.

È stato un 2023 stellare per ARKK, che ha restituito il 47,6%, rispetto alla S&P 500 Aumentato del 19% e il Nasdaq Composite Salito del 35%.

Per gli investitori che si chiedono se c’è ancora spazio per correre, la risposta è sì, secondo Staudt.

“Abbiamo una quantità significativa di esposizione alla genomica nel portafoglio”, ha detto. “L’assistenza sanitaria è rimasta significativamente indietro rispetto a questo rally, eppure pensiamo che ci siano state molte scoperte entusiasmanti”.

La genomica rappresenta circa un terzo del portafoglio di ARKK.

La performance del fondo quest’anno è un netto cambiamento: l’anno scorso ha visto un rendimento negativo del 67% e nel 2021 i rendimenti totali sono stati meno 23%. Il fondo ha avuto un anno di bandiera nel 2020, tuttavia, poiché le sue partecipazioni di azioni guidate dall’innovazione e dalla crescita sono salite alle stelle durante il rally innescato dalla pandemia. Il fondo ha restituito un enorme 153% quell’anno. Ha registrato rendimenti annualizzati del 2,03% negli ultimi cinque anni, secondo Morningstar .

Nonostante abbia battuto i principali indici azionari statunitensi, il fondo ha visto forti deflussi quest’anno.

“La vera domanda per me è: gli investitori torneranno ai fondi ARK?”, ha detto Sohn. Più di 1 miliardo di dollari si è diretto verso le uscite quest’anno, con circa 800 milioni di dollari di questo solo da ARKK, ha aggiunto.

Staudt ha riconosciuto i deflussi nel 2023, ma ha notato che ARKK ha avuto afflussi netti positivi nel 2022 e nel 2021 nonostante le scarse prestazioni.

“Un certo numero di fondi tecnologici, in particolare i fondi attivi, hanno visto deflussi [quest’anno], quindi non siamo certamente un valore anomalo”, ha detto, aggiungendo che l’azienda ha anche avuto investitori che sono rimasti con l’azienda e potrebbero riequilibrare o prendere profitti.


13/10/23 Sole 24 Ore: intervista a Cathie Wood


25/09/23 Morningstar: Cathie Wood (ARK) su Rize ETF, IA, Nvidia e Bitcoin

La fondatrice e CEO di ARK Invest discute con Morningstar del suo sbarco in Europa, degli investimenti tematici, del rally dell’intelligenza artificiale, della valutazione di Nvidia e del futuro delle criptovalute.

Valerio Baselli25/09/2023 | 09:27

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti su Morningstar. La grossa notizia nel settore degli ETF è che la società americana di gestione patrimoniale ARK Invest, specializzata in innovazione dirompente, ha acquisito Rize ETF, un fornitore di replicanti tematici e sostenibili con sede a Londra. Per parlare del futuro di ARK Invest in Europa, tra le altre cose, oggi sono in compagnia della nota fondatrice e CEO di ARK Invest, Cathie Wood.

Allora, Cathie, innanzitutto benvenuta e grazie per essere qui. Cominciamo dalle basi: perché questa acquisizione in Europa e perché ora?

Cathie Wood: Beh, in ARK è stato molto interessante, praticamente fin dall’inizio, monitorare chi sono gli abbonati alle nostre ricerche, che forniamo gratuitamente. Abbiamo scoperto che il 25% di loro proviene dall’Europa, ma non avevamo nulla, nessuna strategia, da offrire in Europa. Abbiamo quindi cercato per un po’ di tempo e abbiamo trovato questa gemma nascosta all’interno di AssetCo, e il DNA era proprio quello giusto: sono tematici, orientati al futuro, orientati ai mega trend, e ci è sembrato un ottimo incastro.

Baselli: Come lei sa, negli ultimi anni gli investimenti tematici hanno conosciuto un’impennata in Europa, anche se il ritmo dei flussi, ad esempio, è rallentato rispetto all’esplosione post COVID-19. Cosa pensa degli investimenti tematici, soprattutto in Europa, dove l’investitore medio è probabilmente diverso da quello americano?

Wood: A giudicare dall’interesse verso la nostra ricerca, credo che l’appetito ci sia. E apprezzo anche il fatto che il nuovo team di ARK Invest Europe ci stia insegnando molto: l’Europa è diversa. Paesi diversi hanno diversi tipi di appetito per strategie diverse. So che, per esempio, Valerio, nella tua Italia c’è un grande appetito per le strategie tematiche, mentre in altre aree forse no. Quindi, lasceremo a loro il compito di indirizzarci verso i luoghi giusti.

Baselli: Interessante. Quali consigli darebbe agli investitori che cercano un fondo tematico? E c’è qualche tema che, secondo lei, non ha un reale merito d’investimento, almeno a oggi?

Wood: In ARK Invest ci siamo concentrati sugli ETF a gestione attiva e su altri strumenti, focalizzati esclusivamente sull’innovazione dirompente. ARK Invest Europe ha una mentalità simile. Riteniamo che non ci siano abbastanza strategie che si concentrino sul futuro nel modo in cui noi ci concentriamo sulla ricerca originale. Vediamo molte strategie che sono in qualche modo frutto di benchmark più ampi. E pensiamo che il mondo della tecnologia, in particolare, si stia muovendo così rapidamente che sarà molto difficile per i benchmark tenere il passo. Faccio solo un esempio. Negli USA, l’S&P 500 ha aspettato che Tesla raggiungesse i 500 miliardi di dollari per ammetterla nel suo indice. 500 miliardi di dollari. Non ci sono molte aziende più grandi di questa. Eppure, nel caso di Tesla, pensiamo che abbia ancora molta strada da fare.

Baselli: E parliamo della vostra strategia di punta, il fondo ARK Innovation. Dopo aver registrato performance estremamente positive tra il 2017 e il 2020, il fondo ha sofferto per un paio d’anni. Ora, nel 2023, la performance è molto positiva. Ma alcuni potrebbero dire che la strategia ha perso gran parte del rally dell’intelligenza artificiale. L’esempio più facile è ovviamente NVIDIA, un nome che avete posseduto fin dall’inizio, credo, che non fa più parte del portafoglio e che ha registrato una crescita di circa il 190% dall’inizio dell’anno. Perché ha deciso di chiudere la sua partecipazione in NVIDIA? E si pente di questa decisione?

Wood: Se leggete le nostre ricerche risalenti al 2014, siamo stati molto attenti alla rivoluzione dell’intelligenza artificiale. Abbiamo acquisito un’esposizione a NVIDIA quando il prezzo era di 5 dollari, mentre ora è più vicino ai 450 dollari. E stavamo battendo i pugni sul tavolo. Abbiamo ottenuto ottimi risultati. In effetti, nella strategia di punta dall’inizio è stato il quarto maggior contributore alla performance dopo Tesla, GBTC (Grayscale Bitcoin Trust), Invitae, che è un nome della genomica, e poi NVIDIA.

Quello che abbiamo fatto con la nostra ricerca è stato cercare di capire chi altro vincerà in maniera molto importante. Si tratta di una vera e propria ricerca originale, che si contrappone alla semplice selezione di una casella, in questo l’intelligenza artificiale. Abbiamo scoperto che le caratteristiche delle aziende che vinceranno in questa nuova era – e questo avrà un impatto su tutti i settori e su tutte le aziende – sono le società con competenze di dominio e, quando si tratta di innovazione, questo è davvero importante, soprattutto in aree come il sequenziamento multi-omico e le scienze della vita. Quindi, hanno competenze di dominio, hanno competenze di IA, quindi guardiamo al loro talento e, cosa forse più importante, hanno pool di dati proprietari in modo da poter evolvere modelli di IA specializzati e integrarli nei modelli open source in circolazione per sviluppare soluzioni molto potenti. Quasi tutti i nomi della nostra strategia di punta sono esposti all’intelligenza artificiale. NVIDIA è molto più costosa della maggior parte dei nomi presenti nel nostro portafoglio, ad eccezione forse dei nomi multi-omici.

Baselli: Sì, esattamente. Volevo chiederle cosa pensa dell’attuale valutazione di NVIDIA. Ritiene che le aspettative del mercato sulla sua crescita o sui suoi margini siano eccessivamente ottimistiche?

Wood: Pensiamo che sarà un buon titolo nel tempo, ma non pensiamo che supererà gli altri titoli del nostro portafoglio nel tempo, man mano che sempre più persone, analisti, investitori, faranno ricerche, ricerche reali, sul significato di questa rivoluzione dell’intelligenza artificiale. Pertanto, riteniamo che le nostre attuali posizioni siano esposizioni incomprese all’intelligenza artificiale. Non ci pentiamo di aver venduto NVIDIA dal portafoglio principale, che deve incorporare tutte le nostre piattaforme di innovazione, quindi robotica, stoccaggio di energia, intelligenza artificiale, tecnologia blockchain e sequenziamento multi-omico. Gli altri portafogli, che sono più specializzati, possiedono NVIDIA. Abbiamo appena ridotto la posizione in modo significativo.

Baselli: Parlando di intelligenza artificiale, lei investe da anni in questo settore. Ha un modo preferito di acquisire esposizione al tema? Per esempio, cosa preferisce tra i fornitori di soluzioni, i fornitori di hardware o magari le aziende che sfrutteranno l’intelligenza artificiale nelle loro attività, come le aziende biotecnologiche?

Wood: Come ho già detto, praticamente tutti i titoli dei nostri portafogli vengono analizzati con l’obiettivo dell’intelligenza artificiale nel modo che ho descritto, soprattutto per quanto riguarda i dati proprietari. Ma per ogni dollaro di hardware investito nello spazio AI – e NVIDIA è principalmente hardware, con un’evoluzione delle soluzioni software, ma principalmente hardware – ci aspettiamo una quantità di software da 8 a 20 volte superiore. Per questo motivo, nei nostri portafogli abbiamo molti nomi orientati al software. Per fare un esempio, UiPath è una società di automazione dei processi robotici. Aiuta le aziende ad automatizzare le attività amministrative più banali. Dispone di dati proprietari associati a molte aziende di tutto il mondo e alle soluzioni che stanno evolvendo per automatizzare questi processi banali, compresa l’intelligenza artificiale. Quindi, possiede tutti questi dati proprietari.

Altri nomi che non sono familiari, ed è quello che offriamo, è la diversificazione nello spazio dell’innovazione dirompente. Tra gli altri nomi figurano TwilioExact Sciences e anche Zoom. Credo che molti siano sorpresi di vedere Zoom nel nostro portafoglio. Ma credo che molti saranno sorpresi di vedere quante applicazioni di IA sta sviluppando Zoom. Quindi, il 4 ottobre, rimanete sintonizzati su Zoomtopia e ne saprete di più.

Baselli: Molto interessante. Il vostro processo di investimento segue una filosofia chiara: un portafoglio concentrato su nomi ad alta convinzione e crescita. Un contesto economico caratterizzato da un aumento dei tassi di interesse è tutt’altro che ideale per questo tipo di strategia. Come lo gestite? E quali sono le sue previsioni sui tassi e sulla crescita economica?

Wood: Sì. Nel corso del 2021 e del ‘22 questo è stato un vero problema. In primo luogo, la paura di un aumento dei tassi di interesse ha danneggiato la nostra strategia, e poi l’attualità, o la realtà, dell’aumento dei tassi l’anno scorso l’ha davvero danneggiata. Quest’anno abbiamo iniziato a sovraperformare e credo che ciò sia dovuto al fatto che gli investitori guardino al di là di questi aumenti dei tassi d’interesse e ne prevedono la fine e quindi, in ultima analisi, il declino. Se abbiamo ragione, l’innovazione dirompente causerà molta deflazione. È una buona cosa. La deflazione causata dall’innovazione dirompente provocherà un’esplosione dei tassi di crescita delle unità nello spazio dell’innovazione dirompente.

Pensiamo di aver superato il momento peggiore, ma vorrei anche ricordare un altro periodo in cui i tassi di interesse sono aumentati, ad esempio nel 2017. La nostra risposta allora è stata: “Aspettate un attimo, la Fed è ormai sicura che la crisi del 2008-2009 sia stata superata e permetterà ai mercati di lavorare”. Il nostro portafoglio principale è cresciuto dell’87% quell’anno, anche se i tassi di interesse stavano salendo. Ora, se i tassi d’interesse si sono stabilizzati o stanno scendendo, sarà un ambiente ancora più favorevole per le nostre strategie, soprattutto alla luce di quanto è accaduto nel ‘21 e ‘22. Questo sarà il rovescio della medaglia.

Baselli: Ovviamente, se si pensa all’innovazione dirompente, si pensa agli asset digitali e alle criptovalute. Lei è stata tra i primi ad adottare il Bitcoin. Ora i mercati attendono la decisione della Security and Exchange Commission sul primo ETF spot sul Bitcoin. Da questo punto di vista, però, potremmo dire che l’Europa è probabilmente un po’ più avanti. Ci sono decine di ETP su criptovalute quotati in Europa, come ben sa – avete una partnership con 21Shares, il più grande fornitore di ETP sulle criptovalute in Europa. Quali sono le sue prospettive per il Bitcoin in questa fase?

Wood: Siamo molto ottimisti sul Bitcoin. Una delle pietre miliari di quest’anno, che credo abbia sorpreso tutti, è stata la crisi delle banche regionali negli Stati Uniti a marzo. Mentre i titoli delle banche regionali stavano crollando, alcune sono fallite, il Bitcoin è passato da 19.000 a 30.000. Che cosa è stato? È stata una fuga verso la sicurezza. Uno dei motivi per cui le banche regionali e la maggior parte delle banche si trovano in difficoltà è il rischio di controparte e la fuga dei depositanti. Se si pensa alle criptovalute e in particolare al Bitcoin, questo è completamente decentralizzato, non c’è rischio di controparte. Ed è completamente trasparente. È possibile vedere i movimenti in base all’indirizzo IP e capire dove potrebbero esserci problemi. È un gigantesco controllo di vicinato con molte persone coinvolte. Si tratta del loro sostentamento. Quindi, pensiamo che sia molto solido. Quando le istituzioni otterranno il via libera, e credo che stiano aspettando la SEC, penso che assisteremo a una partecipazione significativa a questa nuova asset class da parte delle istituzioni.

Baselli: Infine, tornando all’inizio, cioè all’acquisizione di Rize ETF, quale sarà il suo ruolo per il mercato europeo e in generale all’interno dell’azienda? Continuerà a gestire gli ETF attivi?

Wood: Sì, gli ETF azionari attivi che ARK Invest gestisce negli Stati Uniti continueranno ad essere gestiti da me. ARK Invest Europe gestirà le strategie tematiche indicizzate di ARK e distribuirà per noi. Pensiamo che sia una strategia vincente per tutti.

Baselli: Grazie mille, Cathie, per il suo tempo e i suoi approfondimenti. Lo apprezzo molto. Per Morningstar, Valerio Baselli. Grazie per averci seguito.


20/09723 Arriva Caterina! 😁

Grazie all’acquisizione di RIZE avrà a breve la possibilità di duplicare i suoi ETF sotto la normativa europea rendendoli disponibili anche ai clienti retail

L’acquisizione da parte di ARK Invest LLC della piattaforma Rize ETF segna una pietra miliare significativa nella strategia di espansione globale di ARK Invest e consente all’azienda di portare la sua suite di strategie azionarie attive basate sull’innovazione agli investitori in tutta Europa e nel Regno Unito.

La transazione consente ad ARK di stabilire una presenza europea ed espandere l’accesso alle sue strategie basate sull’innovazione attraverso vari canali di distribuzione utilizzando la comprovata eccellenza della distribuzione di Rize. Incorpora anche le preziose e differenziate strategie di impatto di Rize da distribuire dagli affiliati ARK in tutta la nostra impronta globale.

Rize ETF è un fornitore europeo leader di investimenti tematici e sostenibili. Al 31 agosto 2023, Rize ha gestito 452 milioni di dollari di attività in 11 ETF tutti classificati come conformi all’articolo 8 o 9 di SFDR, domiciliati a Dublino e distribuiti in tutta Europa. Fondata nel 2019 dai pionieri degli ETF tematici Anthony Martin, Jason Kennard, Rahul Bhushan e Stuart Forbes, Rize è specializzata nella creazione di ETF tematici di alta qualità, guidati dalla ricerca e costruiti appositamente.

Si prega di visitare il nostro sito web qui, per ulteriori informazioni su questa entusiasmante acquisizione!


24/08/23 Barron’s: Perché Cathie Wood ha venduto Nvidia e su quali azioni sta scommettendo ora

Andy SerwerFollow

Cathie Wood di Ark su Nvidia, Tesla, Coinbase ed Elon Musk
Il CEO di Ark parla di aziende dirompenti e del perché la “vecchia guardia” non lo capisce.

Cathie Wood è abbastanza a suo agio nell’essere l’iconoclasta. In effetti, non lo sarebbe in nessun altro modo. In effetti, probabilmente è incapace di essere altrimenti. Non convenzionale è come pensa, è il suo marchio ed è anche il suo biglietto per il pasto, in particolare quando le sue scelte di azioni funzionano.

Wood, ovviamente, era il volto del mercato go-go durante il Covid, quando il prezzo delle azioni del suo ETF di punta ARK Innovation (ticker: ARKK) è salito più di 4 volte in meno di un anno (dall’inizio del 2020 all’inizio del 2021), poi è tornato sulla terra; ora è tornato un po’ quest’anno.

Si è unita a me da remoto questa settimana dai suoi uffici a St. Petersburg Florida per un’intervista come parte della nostra serie di video At Barron.

Una toro di lunga data su Tesla (TSLA), Wood aveva forse cose sorprendentemente gentili da dire sugli sforzi di Elon Musk su Twitter. Ha anche parlato di regolamentazione delle criptovalute, perché Roku (ROKU) è frainteso, e il suo ultimo pensiero sull’IA.

Wood ha iniziato a parlare di intelligenza artificiale quando le ho chiesto della corsa selvaggia che lei e i suoi investitori hanno fatto.

Cathie Wood: “Beh, siamo una grande strategia di diversificazione, se vuoi un’innovazione diversificata. Abbiamo appena scritto un documento, sull’intelligenza artificiale e come il mercato abbia premiato Nvidia (NVDA) e Microsoft (MSFT) e abbia lasciato [fuori] molte altre azioni che probabilmente saranno maggiori beneficiari da questo punto in avanti… quelle sono le azioni su cui ci concentriamo. Nvidia è stata principalmente hardware storicamente. Secondo le nostre stime, per ogni dollaro di hardware venduto intorno all’IA, pensiamo che il pull-through del software sarà da qualche parte tra gli 8 e i 21 dollari. Quindi pensiamo che il mercato e gli investitori stiano generalmente trascurando alcune enormi opportunità di intelligenza artificiale in altre azioni, più orientate al software”.

In un’intervista con il mio collega Evie Liu il mese scorso, Wood ha parlato della vendita di Nvidia. Nella nostra conversazione, Wood ha ampliato questo e ha parlato del potenziale dell’IA in altre aziende.

Wood: “Nei prossimi cinque anni, pensiamo che [Nvidia sia] in una bella posizione come fornitore di pale e setacci (E’ un modo di dire nel mondo della finanza americana: nella corsa all’oro della california a guadagnare fu chi vendeva picconi e setacci ai cercatori…) Ma tutti lo sanno ed è valutato di conseguenza. Sulle entrate di quest’anno, è da qualche parte, diciamo, nella gamma di vendite da 25 a 27 volte, a seconda della propria stima”.

“Tesla (TSLA) è la più grande opportunità di intelligenza artificiale là fuori. È il più grande progetto di intelligenza artificiale al mondo quando si tratta di piattaforme di taxi autonome. E sta vendendo per circa, sette volte, forse sono sei volte le entrate ora. Quindi questo è un ottimo esempio e anche, pensiamo, il miglior esempio. Ma altri investimenti in software includerebbero Twilio (TWLO), che sta vendendo a due o tre volte e Zoom (ZM), che sta vendendo a circa tre volte le vendite. E queste aziende hanno margini lordi molto alti come Zoom, l’80%, o hanno margini lordi bassi ora, come fa Tesla negli anni ’20, ma saliranno a causa del modello SAS-like che si sta evolvendo per Tesla. Saliranno dagli anni ’20 in quelli che crediamo siano gli anni ’50 e ’60, [che non è] affatto previsto là fuori”.

Altre società’ esposte all’intelligenza artificiale menzionati nel documento di ARK includono UiPath (PATH) che utilizza l’IA per automatizzare i processi aziendali, così come aziende private come Replit, MosaicML e Anthropic.

Per quanto riguarda Crypto, Wood vede il nostro sistema di controlli e contrappesi al lavoro.

Wood: “Il ramo giudiziario sta dicendo: OK, la SEC sta oltrepassando i suoi limiti. E abbiamo il ramo legislativo – e questo diventerà un problema dell’anno elettorale, arrivando con il sostegno bipartisan. Non perfetto, ma abbiamo democratici e repubblicani insieme su queste leggi che stanno arrivando intorno alle stablecoin e alla struttura di mercato e così via. Questo è ciò che dobbiamo far accadere. È quello che è successo con i derivati. Ci sono stati casi giudiziari sui derivati che sono andati alla Corte Suprema, e crediamo che la causa di Coinbase (COIN) [un titolo ARK possiede] con la SEC o la causa SEC contro Coinbase andrà in appello alla Corte Suprema alla fine. Quindi penso che il sistema giudiziario e il sistema legislativo equilibreranno questo ramo esecutivo, governando per applicazione, che non è salutare per noi. Stiamo perdendo molti innovatori a favore di altri paesi. E questo è un peccato perché gli Stati Uniti Il DNA è tutto in tutto sull’innovazione.”

Wood si è guadagnata il diritto di essere una grande fan di Elon Musk – dopo tutto, ha fatto un sacco di soldi in Tesla – ma le ho ricordato che Musk viene fornito con il bagaglio comportamentale.

Wood: “Abbiamo dovuto affrontare questo problema da quando abbiamo acquistato Tesla, quando Ark ha aperto i suoi primi fondi nel 2014. Ricordo di aver parlato per la prima volta di lui e ho detto, è il nostro Thomas Edison. Torna a Copernico, che ho messo giù come uno dei miei inventori preferiti, perché ha discusso con Tolomeo su quale fosse il centro dell’universo, la Terra o il sole, e Copernico ha detto che il sole e la fisica corrispondevano a ciò che stava osservando. Era un inventore di molte cose. Penso che Elon sia quell’inventore oggi qui nel mondo. E l’ho visto circondarsi di professionisti incredibili, team di ingegneri molto talentuosi, e lavorano per lui per una paga inferiore, forse, di quanto potrebbero ottenere altrove. Perché sta risolvendo i problemi più difficili del mondo, tra cui, direi, Twitter, ora X, e la controversia sulla censura si censura no. Basta aprire gli algoritmi, permettendo a tutti di vedere come stanno evolvendo Twitter in una piattaforma più sana, la piazza della città pubblica del mondo. Quindi vuole risolvere i problemi più difficili del mondo. E grazie a Dio lo fa.”

Ho sottolineato che non è stato facile e che è difficile avere successo con tali sforzi.

Cambiando marcia, ho chiesto di Roku, una grande fetta degli investimenti di ARK.

Wood: “Beh, è il sistema operativo della TV. Molte persone si confondono quando sentono Roku. Pensano all’hardware, non è quello che è Roku. O pensano alla concorrenza, Netflix (NFLX), DisneyDIS –(DIS), più Hulu, e così via. Ed è lì che si trova il grande errore. Roku li ospita tutti. E sta crescendo in quota di mercato ogni anno. L’ambiente pubblicitario ha offuscato ciò che sta accadendo qui, la maggior parte delle sue entrate è basata sulla pubblicità e la pubblicità è in recessione. Ma se dai un’occhiata a cosa succede durante le recessioni, il nuovo modo di fare le cose guadagna una quota enorme. E l’abbiamo visto l’anno scorso. E anche nell’ultimo trimestre, userò l’ultimo trimestre, quei numeri sono più freschi nella mia mente. Ma le entrate di Roku hanno sorpreso al rialzo. E questo ci dà una maggiore fiducia, perché molti analisti dei media dei vecchi tempi sono molto concentrati sulle compagnie via cavo nelle società di radiodiffusione e su ciò con cui sono cresciuti. Questo è molto dirompente per loro”.


27/07/23 Barron’s: Cathie Wood parla del suo pensiero su Tesla, Meta, Nvidia, AI e altro ancoraDi 

Evie LiuFollow

Cathie Wood, CEO di ARK Investment ManagementFotografia di Brad Ogbonna

Cathie Wood, fondatrice e CEO di ARK Investment Management, è famosa per la sua incrollabile convinzione nell’innovazione dirompente e nelle aziende che la stanno dietro. I fondi ARK dell’azienda hanno guadagnato importanza, e legioni di investitori, nel 2020 quando i tassi di interesse sono crollati e le azioni di crescita sono decollate, anche se i guadagni si sono trasformati in perdite nei due anni successivi mentre le società sono inciampate e i tassi sono aumentati.

Quest’anno, ARK sta cavalcando di nuovo in alto, seguiti da enormi guadagni in azioni come Tesla (ticker: TSLA), Coinbase Global (COIN) e Roku (ROKU). L’ammiraglia dell’azienda ARK Innovation il fondo negoziato in borsa (ARKK), con circa 8 miliardi di dollari di attività, ha guadagnato il 54,5% fino al 26 luglio, rispetto a un aumento del 19% dell’indice S&P 500. Gli altri fondi di ARK, che investono in temi come la rivoluzione genomica, la tecnologia autonoma e la robotica e l’innovazione della tecnologia finanziaria, stanno allo stesso modo superando l’ampio mercato azionario, anche se sono ancora ben al di sotto dei loro picchi di inizio 2021.

Barron ha parlato con Wood a metà luglio delle innovazioni future, comprese le sue audaci previsioni per la flotta robotaxi di Tesla, la sua visione rialzista delle criptovalute e i beneficiari dell’IA generativa. Segue una versione modificata della conversazione.

Barron’s: Sei stato una grande acquirente di azioni Tesla lo scorso autunno e inverno mentre le azioni sono state vendute. Ora che Tesla è rimbalzata, hai venduto. Qual è il pensiero dietro le tue recenti vendite?

Cathie Wood: La ragione principale è la gestione del portafoglio. Tesla è salita più di 2½ volte negli ultimi sei mesi e alcune delle nostre altre azioni sono ancora vicine ai minimi. Quando Tesla si sposta al di sopra del 10% del portafoglio, lo taglieremmo e lo ridistribuiremmo in altre azioni che pensiamo non siano ben comprese.

Tuttavia, mantieni un obiettivo di prezzo di 2.000 dollari sul titolo. Recentemente è stato scambiato per 264 dollari. Hai proiezioni audaci per le vendite di veicoli elettrici e le entrate del ride-sharing, troppo audaci, dicono molti scettici.

La nostra fiducia è aumentata da quando Tesla sta tagliando i prezzi. È uno dei pochi produttori di auto che può permettersi di farlo, perché sta scendendo lungo la curva dei costi delle batterie elettroniche di consumo. Questo danneggerà gli altri produttori i cui costi sono molto più alti. L’anno scorso, Tesla ha venduto sette milioni di veicoli elettrici a livello globale. Entro il 2027, ci aspettiamo che 60 milioni saranno venduti e Tesla manterrà essenzialmente la sua quota di mercato.

Hai anche proiezioni elevate per il business robotaxi di Tesla: 227 miliardi di dollari in Ebitda [guadagni prima di interessi, tasse, ammortamenti e ammortamenti] entro il 2027. Questo è più dell’attuale Ebitda [AAPL] di Apple. Perché tale fiducia nel lancio del robotaxi dell’azienda?

Abbiamo già un proof of concept per le auto autonome. Ho fatto un giro in un’auto a guida autonoma Cruise a dicembre e gli ho detto di andare all’indirizzo di mio figlio a San Francisco. Mi ha portato avanti e indietro in circa mezz’ora di guida.

Il vantaggio competitivo di Tesla sono i miliardi di miglia di dati di guida del mondo reale che ha compilato, che vengono utilizzati per addestrare i modelli per insegnare all’auto come adattarsi a situazioni rare. Nessuno è stato in grado di farlo perché non hanno da nessuna parte così tanti dati.

Crediamo che Tesla sia nella posizione centrale per essere la piattaforma di taxi autonoma negli Stati Uniti e prezzerà il servizio al di sotto di Uber e Lyft. Con le nuove tecnologie, ciò che fa scendere i costi è la crescita delle unità. Come per i veicoli elettrici, crediamo che Tesla passerà i cali dei costi man mano che scala.

È ragionevole aspettarsi che le persone si sentano al sicuro guidando in robotaxis in tre o quattro anni?

Non so voi, ma preferirei entrare in un’auto senza conducente di cui mi fidavo piuttosto che una con un autista di cui non conosco nulla. Ci sono circa 45.000 morti all’anno per incidenti automobilistici, e dall’80% all’85% di questi sono causati da errori umani. Se togliamo gli umani dalla situazione, ci saranno molti meno incidenti. Abbiamo già dati per dimostrarlo: una Tesla completamente autonoma ha un incidente ogni 3,2 milioni di miglia, mentre una Tesla con conducenti umani ne ha uno ogni 600.000 miglia. L’auto media ne ha una ogni 500.000 miglia

Hai anche venduto Nvidia [NVDA] di recente. Perché?

Molte persone si sono fatte un grosso problema perché il nostro fondo di punta non possiede più queste azioni. Per le persone che non pensano che prestiamo alcuna attenzione alla valutazione, è stata la valutazione che ci ha portato a toglierla. Nvidia sta vendendo a un multiplo molto alto delle entrate in questo momento.

Hai anche comprato Meta Platforms [META] il mese scorso per la prima volta. Cosa ti ha attratto?

Il passaggio di Facebook dal metaverso all’IA [intelligenza artificiale] è uno dei grandi motivi per cui il titolo si è trasformato. L’altro motivo è che i numeri di coinvolgimento dell’azienda sono stati migliori del previsto. Meta ha una strategia di segmentazione: le persone più anziane sono su Facebook; i più giovani sono su Instagram e WhatsApp. Resta da vedere per Threads, ma non credo che sarà lo stesso di Twitter.

Coinbase Global, lo scambio di criptovalute, è un’altra delle tue partecipazioni. Il titolo è raddoppiato nell’ultimo mese poiché il panorama normativo sembra cambiare. Quali sono le prospettive?

Qualcosa di molto importante è cambiato negli ultimi sei mesi. All’inizio, ci siamo concentrati solo sugli [sforzi normativi di] il ramo esecutivo, fondamentalmente quelli della Securities and Exchange Commission e del suo presidente, Gary Gensler. Ma i rami giudiziari e legislativi del governo si stanno muovendo e fondamentalmente dicendo che la SEC ha oltrepassato i suoi limiti quando si tratta delle sue autorità come regolatore.

La corte sta mettendo in discussione lo statuto della SEC. E i bookmaker pensano che la SEC perderà i suoi casi contro Grayscale Investment e Ripple Labs.

[Poco dopo che Barron ha intervistato Wood, un giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti ha stabilito che il token XRP di Ripple non è un titolo quando viene venduto su borse pubbliche, ma un titolo non registrato quando viene venduto direttamente agli investitori istituzionali. La sentenza è generalmente vista come una vittoria per l’industria delle criptovalute, che sta combattendo la SEC sul fatto che i suoi prodotti rienttano sotto la giurisdizione del regolatore.]

Nel frattempo, il ramo legislativo si è risvegliato al fatto che le criptovalute sono una nuova classe di attività e potremmo aver bisogno di nuove legislature per dare alle autorità di regolamentazione alcune indicazioni. Quei due rami del governo ci hanno dato grande fiducia che Coinbase ne uscirà come vincitore. Molti concorrenti di Coinbase non sono entrati negli Stati Uniti o si sono trasferiti a causa del nostro sistema normativo. Coinbase è rimasta a combattere. Pensiamo che saranno ricompensati di conseguenza.

Perché rimani rialzista sulle criptovalute?

Vediamo tre rivoluzioni che hanno luogo a causa delle criptovalute. Bitcoin dominerà il primo, la rivoluzione del denaro. La prova più grande è che quando le azioni delle banche regionali stavano cadendo a pezzi all’inizio di quest’anno, Bitcoin è passato da $ 19.000 a $ 30.000. Era un volo verso la sicurezza, e ci aspettiamo che acceleri. Il sistema monetario centralizzato che abbiamo oggi è un’aberrazione. Potremmo tornare al futuro, prima che esistesse la Federal Reserve, sotto un sistema monetario digitale basato su regole senza supervisione del governo.

La seconda rivoluzione è nei servizi finanziari, o la cosiddetta DeFi [finanza decentralizzata], che sarà basata su Ethereum. Ci sono un certo numero di fornitori di infrastrutture là fuori. È la sopravvivenza del più adatto, e sono entusiasta di vedere chi vince.

Il terzo sono i diritti di proprietà digitale, o quelli che molti chiamano NFT [token non fungibili] o il metaverso. La gente sta già comprando immobili in mondi virtuali. I nostri giovani analisti vengono in ufficio indossando jeans e T-shirts senza loghi, ma stanno ottenendo il loro status nel mondo virtuale.

Gli investitori sono ossessionati dagli sviluppi dell’intelligenza artificiale. Quali tipi di aziende trarranno beneficio dall’IA generazionale e come possono cogliere l’opportunità?

Quando guardiamo le azioni attraverso la lente dell’IA, cerchiamo tre cose. Il primo è l’esperienza di dominio e la gestione visionaria; il secondo è una buona distribuzione e il terzo, di fondamentale importanza, sono i dati proprietari che possono essere utilizzati per addestrare modelli di intelligenza artificiale per migliorare prodotti e servizi, ridurre i costi e aumentare la produttività.

Oggi paghiamo i lavoratori della conoscenza 32 trilioni di dollari a livello globale. Se abbiamo ragione, questo è il momento della catena di montaggio per i lavoratori della conoscenza. Quei costi scenderanno e la produttività aumenterà drammaticamente. Qualsiasi azienda che non ci pensi avrà problemi competitivi, perché molti mercati diventeranno winner-take-most.

Twilio [TWLO] ha dati su trilioni di interazioni tra imprese e consumatori, quindi pensiamo che l’azienda sarà un enorme beneficiario. Crediamo anche che Teladoc[TDOC] abbia la migliore possibilità di diventare la spina dorsale delle informazioni sanitarie negli Stati Uniti. Poiché i medici su Teladoc devono vedere le cartelle cliniche elettroniche dei pazienti, l’azienda sta raccogliendo informazioni a un ritmo rapido. In futuro, i modelli Teladoc potrebbero dare ai medici raccomandazioni sul miglior corso di trattamento.

Quali altre tecnologie dirompenti sono in cantiere?

Mi aspetto di vedere più cure per le malattie rare, perché vari tipi di sequenziamento genico ci stanno permettendo di identificare le mutazioni nel nostro genoma che l’editing genetico Crispr è in grado di riprogrammare.

Con il decollo delle piattaforme di taxi autonomi, i costi ad esse associati diminuiranno e le strade saranno più congestionate. Ciò significa che più commercio dovrà andare al cielo. Siamo entusiasti della consegna con i droni di cibo, generi alimentari e forniture mediche. Vedrai più droni ed EVTOL [veicoli elettrici a decollo e atterraggio verticale] nei cieli. Entro un paio d’anni, oggi potrai prendere un aereo taxi da Manhattan a JFK al prezzo di un taxi.

C’è un titolo di cui una volta hai avuto una convinzione e poi hai cambiato idea?

Abbiamo posseduto Illumina [ILMN] per molto tempo, ma ne abbiamo consolidato alla fine del 2020. Abbiamo ritenuto che l’azienda stesse commettendo un errore strategico mantenendo il suo prezzo [sequenziamento genito] a 1.000 dollari per sequenza. Questo è un peccato mortale nell’innovazione: devi passare i diminuti dei costi ai clienti in modo da poter proliferare la tecnologia e godere di ancora più cali di costi. Questo ha dato a Pacific Biosciences of California [PACB] la possibilità di recuperare. Abbiamo venduto Illumina e comprato più PacBio che potevamo.

Grazie, Cathie.


25/03/23 Barron’s: Il CEO di ARK Cathie Wood sulla Fed, Crypto, SVB e la sua fede nelle aziende innovative

Di Evie Liu

Cathie Wood, CEO di ARK Invest, afferma che gli aumenti dei tassi della Fed sono andati troppo oltre.

Il panico che ha colpito il sistema bancario degli Stati Uniti questo mese non è stata una sorpresa per Cathie Wood.

Dall’anno scorso, il fondatore e CEO della società di gestione dei fondi ARK Invest, ha avvertito che l’aggressiva serie di aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve potrebbe rompere il sistema finanziario e portare l’economia statunitense alla deflazione.

I commenti di Wood ora sembrano particolarmente preveggenti, dopo che il crollo della Silicon Valley Bank ha scatenato diffuse turbolenze nei mercati azionari e obbligazionari questo mese. Ora molti analisti ed economisti di Wall Street si stanno chiedendo se la Fed abbia inasprito troppo la politica monetaria – o troppo rapidamente – nella sua lotta contro l’inflazione. Gli investitori e le autorità di regolamentazione stanno esaminando quanto sia resiliente il sistema bancario di fronte a tassi più elevati.

In una recente conversazione con Barron’s, Wood afferma che gli aumenti dei tassi della Fed sono già andati troppo oltre e, di conseguenza, ci sono segnali più preoccupanti che l’economia potrebbe essere diretta verso la recessione e persino la deflazione.

I fondi ARK di Wood hanno guadagnato importanza nel 2020 quando le loro partecipazioni di azioni guidate dall’innovazione e dalla crescita sono salite alle stelle durante il rally innescato dalla pandemia. Il suo fondo di punta ARK Innovation exchange-traded (ticker: ARKK) ha restituito un enorme 152% quell’anno. Wood è stata nominata nella lista delle 100 donne più influenti di Barron negli Stati Uniti. Finanza nel 2023.

Mentre i portafogli di ARK hanno subito profonde perdite negli ultimi due anni, Wood dice a Barron che non sta rinunciando alla crescita e alle azioni tecnologiche – o alle criptovalute – nonostante il duro ambiente macroeconomico e le politiche della banca centrale che stanno trascinando questi investimenti.

Tuttavia, l’aumento dei tassi di interesse che ha maltrattato le azioni tecnologiche è ancora in corso. Mercoledì, la Fed ha alzato il suo obiettivo per il tasso dei fondi federali dal 4,75% al 5%, segnando il nono aumento in circa un anno. Dopo la decisione, il presidente della Fed Jerome Powell ha sottolineato che il sistema finanziario più ampio era “sano e resiliente”. Ma le azioni hanno continuato a crollare e i titoli del Tesoro sono saliti, segnalando una mancanza di fiducia da parte degli investitori.

Il mercato non ha mai visto i tassi di interesse salire così rapidamente su base relativa, afferma Wood. Al 5%, il tasso di interesse di riferimento ha visto un aumento di 20 volte rispetto al solo 0,25% dell’anno scorso. Anche durante l’aggressivo inasprimento della politica monetaria della fine degli anni ’70, i tassi hanno visto solo un aumento di quattro volte, al 20% dal 4,75% in 3 anni e mezzo.

“Questo è un enorme shock per il sistema”, dice Wood. L’economia ora ha una maggiore probabilità di un crollo deflazionistico piuttosto che un boom inflazionistico, aggiunge.

Il CEO afferma che le forti statistiche sui posti di lavoro visti finora quest’anno potrebbero essere solo stagionali, poiché l’inverno insolitamente caldo ha mantenuto più lavoratori occupati di quanto gli economisti in genere si aspettano. Il mercato del lavoro ristretto, con più aperture di lavoro rispetto ai lavoratori disponibili, significa anche che le aziende non volevano licenziare i dipendenti, anche se le condizioni aziendali si stavano attenuando, aggiunge.

“Penso che a un certo punto quest’anno vedremo alcuni gravi cali dell’occupazione”, dice Wood.

La curva dei rendimenti invertita dalla scorsa estate è un altro presagio di una potenziale recessione. Un’inversione della curva di rendimento è quando il rendimento del titolo a 10 anni scende al di sotto del rendimento di quello a due anni, un segno che gli investitori obbligazionari sono ribassisti sull’economia e si aspettano che i tassi di interesse vadano alla deriva verso il basso in futuro.

Prima del panico del settore bancario di questo mese, la curva dei rendimenti era in territorio negativo di circa 100 punti base, simile al livello visto quando la Fed ha aumentato i tassi di interesse nei primi anni ’80. Ma allora, il rendimento a 10 anni era di circa il 15%, rispetto al solo 4% di oggi, il che significa che l’attuale inversione è molto più profonda e preoccupante su base relativa, dice Wood.

Wood ha anche messo in guardia sull’aumento dei prezzi dei credit default swap, specialmente quelli per le banche, dall’anno scorso. CDS funziona come una polizza assicurativa contro il default del credito: i prestatori preoccupati che un mutuatario possa essere inadempiente sulle sue obbligazioni o prestiti possono utilizzare un CDS per compensare – o scambiare – quel rischio pagando a un altro investitore un pagamento del premio in corso. I prezzi più alti dei CDS suggeriscono che il mercato è preoccupato per il rischio di default.

All’inizio di questo mese, le autorità di regolamentazione hanno detto che avrebbero garantito tutti i depositi non assicurati dei clienti interessati dai fallimenti della Silicon Valley Bank e della Signature Bank. A sua volta, i costi del CDS per il settore bancario sono scesi un po’, ma non quanto dovrebbero, dice Wood. Ciò significa che il mercato si aspetta ancora “più scarpe che cadano”.

Tali preoccupazioni sui bilanci bancari illustrano anche i rischi di un sistema bancario centralizzato, afferma Wood. Le criptovalute, d’altra parte, sono diventate un rifugio per gli investitori quando il sistema finanziario è sotto stress, dice. Da quando la Silicon Valley Bank è stata bloccata dalle autorità di regolamentazione il 10 marzo, il prezzo di Bitcoin è salito del 38%.

“Ci è voluta un’altra crisi perché la gente capisse che il decentramento e la trasparenza della rete crittografica significano che non ha un punto centrale di attacco”, afferma Wood, “Qualsiasi governo che cerca di annullarlo sta solo per guidare l’innovazione in un altro paese”.

Wood è uno dei più grandi tori crittografici di Wall Street. In un recente rapporto ARK, ha previsto che il prezzo di Bitcoin avrebbe raggiunto 1,5 milioni di dollari entro il 2030. Quando il rapporto è stato pubblicato otto settimane fa, la valuta digitale era scambiata intorno ai 24.000 dollari e da allora è aumentata a 28.000 dollari.

La recente disfatta nelle risorse digitali non sta turbando Wood, perché i problemi derivano principalmente dalle istituzioni legate alle criptovalute, dice, e non dalla tecnologia stessa. Le reti sottostanti “non hanno saltato un colpo” durante le recenti turbolenze dell’industria crittografica, dice.

Anche la convinzione di Wood nell’innovazione e nelle azioni di crescita è incrollabile. Quando l’inflazione si è insinuata e la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi l’anno scorso, le azioni in crescita – con valutazioni elevate e il deprezzamento dei flussi di cassa futuri – si sono trasformate in disgrazia, facendo crollare i fondi ARK. Negli ultimi due anni, gli otto ETF quotati negli Stati Uniti dell’azienda hanno perso una media del 53%.

Wood sta raddoppiando su un rimbalzo. Poiché molti investitori hanno venduto le azioni dei portafogli di ARK a favore di nomi più sicuri ed economici, Wood dice di averli raccolti ai prezzi più bassi e consolidato i suoi portafogli verso i nomi più alti-conviction.

Il numero di partecipazioni nell’ARK Innovation ETF, ad esempio, si è ridotto della metà a 28 quest’anno da 58 nel 2021. Più della metà del suo portafoglio è in soli sette nomi, tra cui Tesla (TSLA), Zoom Video Communications (ZM) e Coinbase Global (COIN).

Concentrazione non significa sempre rischi più elevati, dice Wood, citando un recente documento dell’azienda che mostra “quanto sia stato sostanziale il rimbalzo in genere dopo una mossa di consolidamento”.

Il consolidamento significava anche che ARK doveva vendere alcune partecipazioni a meno convinzione in perdita, dice. Di conseguenza, l’azienda ha accumulato perdite fiscali significative che possono essere applicate ai guadagni futuri per ridurre al minimo le sue bollette fiscali.

“Eravamo concentrati sul giocare a quella che chiamiamo la guerra di terra”, dice Wood.

Finora quest’anno, l’ETF ARK Innovation ha guadagnato il 21%, ma è ancora scambiato del 76% al di sotto del picco record raggiunto nel febbraio 2021.


12/01/23Ciò che il mercato ha trascurato nel 2022: una lettera di Cathie Wood, fondatore, CEO e CIO di ARK

Ciò che il mercato ha trascurato nel 2022: una lettera di Cathie Wood, fondatore, CEO e CIO di ARK

Di: Catherine Wood

Nel 2014, ho fondato ARK Invest per due motivi: concentrarsi esclusivamente sull’innovazione dirompente e creare un ecosistema di ricerca trasparente progettato per far emergere e condividere informazioni sulle convergenze tra e tra le cinque principali piattaforme di innovazione che si evolvono oggi. Coinvolgendo 14 tecnologie, queste piattaforme sono il sequenziamento multigenomico, la robotica, lo stoccaggio di energia, l’intelligenza artificiale e la tecnologia blockchain.

Nel 2022, uno degli anni più difficili della storia del mercato, la trasparenza è stata più importante che mai poiché le azioni di aziende incentrate sull’innovazione hanno sofferto in modo sproporzionato. Nei miei 45 anni a Wall Street e più di 30 anni nella gestione del portafoglio, non ho mai visto mercati così dislocati. Oggi, l’offerta di moneta è in calo, i prezzi delle materie prime si stanno deteriorando, le scorte sovradimensionate si stanno sgonfiando e l’innovazione sta sconvolgendo l’ordine mondiale tradizionale, il tutto puntando verso un’inflazione più bassa, forse alla deflazione. Nonostante la retorica della Federal Reserve (Fed), il mercato obbligazionario sembra corroborare questa prospettiva con rendimenti del Tesoro a 10 anni nell’intervallo del 3,5% e una curva dei rendimenti[1] che non è stata così invertita[2] in quarant’anni. Entrambe le metriche suggeriscono che la crescita reale e l’inflazione potrebbero sorprendere il lato basso delle aspettative quest’anno.

Detto questo, afflitto dai timori di un’inflazione radicata e di tassi di interesse più elevati, la paura nei mercati azionari è salita a enormi livelli, storicamente uno scenario positivo per le azioni. Secondo l’ultimo BofA Fund Manager Survey, gli investitori attualmente detengono alti livelli di liquidità, livelli non visti dalla crisi dell’11 settembre nel 2001 e sono in sovrappeso nelle obbligazioni per la prima volta dall’aprile 2009. A dicembre, il rapporto put/call equity di Chicago Board Options Exchange (CBOE)[3] ha raggiunto un livello record, superando i livelli visti durante la bolla della tecnologia e delle telecomunicazioni e la crisi finanziaria globale. Col senno di poi, entrambe le volte sono state fantastiche opportunità per mettere i capitali al lavoro in strategie altamente differenziate. Credo che l’attuale dislocazione del mercato rappresenti un’opportunità per le strategie di innovazione di prosperare quando i mercati azionari si riprenderanno. La paura del futuro è palpabile, ma la crisi può creare opportunità.

Nello spirito di una gestione prudente del portafoglio, riteniamo che un’allocazione all’innovazione dirompente possa bilanciare un portafoglio patrimoniale completo. L’innovazione dirompente non solo fornisce l’accesso a potenziali opportunità di crescita esponenziale tipicamente assenti da indici su larga scala, ma offre anche l’opportunità di proteggersi dal crescente rischio che gli operatori storici vengano interrotti.

Nelle prossime sezioni, vorrei comunicare esempi di innovazione rivoluzionaria che il mercato azionario ha ampiamente ignorato nel 2022. Di fronte ai venti contrari del mercato e alle critiche dei media, queste scoperte stanno corroborando la nostra ricerca originale e aumentando la nostra fiducia che le strategie di ARK siano dalla parte giusta del cambiamento. L’interruzione può emergere in forme sorprendenti e in momenti inaspettati. L’innovazione risolve i problemi e storicamente ha guadagnato quote durante i periodi turbolenti.

Internet di nuova generazione

ChatGPT: l’intelligenza artificiale (AI) sta avanzando a un ritmo senza precedenti, con ChatGPT, una versione di GPT-3 ottimizzata per la conversazione, sottoscritta da un milione di utenti in soli cinque giorni. Questo assorbimento è particolarmente impressionante rispetto al GPT-3 originale, che ha impiegato 24 mesi per raggiungere lo stesso livello. ChatGPT ha già un punteggio superiore alla media nazionale sul SAT, dimostrando il suo potenziale per rivoluzionare il modo in cui ci avviciniamo al lavoro della conoscenza.

Connected TV: nel 2022, la pubblicità televisiva negli Stati Uniti ha subito cambiamenti significativi poiché la spesa pubblicitaria lineare è diminuita del 2% in termini reali a ~ 70 miliardi di dollari e la spesa pubblicitaria Connected TV (CTV) negli stessi termini è aumentata del 14% a ~21 miliardi di dollari.[ 4] [5] Le entrate della piattaforma pubblicitaria dell’operatore di CTV Pure-play Roku sono aumentate del 15% anno su base annua nel terzo trimestre, l’ultimo rapporto disponibile, mentre i tradizionali mercati di diffusione televisiva sono crollati del 38% anno su anno negli Stati Uniti.[ 6] Nonostante la forte concorrenza, l’anno scorso Roku ha mantenuto la sua posizione nel mercato CTV come fornitore leader di smart TV negli Stati Uniti, rappresentando il 32% del mercato, quota di mercato pari a Android, Tizen (Samsung) e WebOS (LG) messi insieme.[ 7]

Portafogli digitali: consentendo agli utenti di effettuare transazioni sui loro smartphone, i portafogli digitali stanno sostituendo contanti e carte di credito. Hanno superato il contante come il principale metodo di transazione per il commercio offline nel 2020 e hanno rappresentato circa il 50% del volume globale del commercio online nel 2021.[ 8] [9] Durante i tre anni dai livelli pre-COVID nel 2019 al 2022, il volume dei pagamenti di Square è salito del 193%, sei volte più veloce dell’aumento del 30% della spesa totale al dettaglio.[ 10] [11]

Commercio sociale: mentre la spesa complessiva per l’e-commerce è aumentata del 99% negli ultimi tre anni,[12] il commercio sociale misurato dal volume lordo di merce di Shopify è cresciuto del 312%, quasi quattro volte più velocemente.[ 13] Il commercio sociale sta prendendo una quota significativa dal commercio elettronico tradizionale e dalle vendite al dettaglio off-line.

Tecnologia Blockchain: nonostante il recente crollo dell’exchange di criptovalute FTX, le blockchain pubbliche sottostanti come Bitcoin ed Ethereum non hanno saltato un colpo nell’elaborazione delle transazioni, evidenziando che i loro libri contabili trasparenti, decentralizzati e verificabili potrebbero essere una soluzione alla frode e alla cattiva gestione associata alle istituzioni centralizzate e opache. Dopo il crollo di FTX, la quota del volume degli scambi su scambi decentralizzati, che consentono il trading senza un intermediario centrale, è aumentata del 37% dall’8,35% all’11,44%.[ 14] Il volume totale degli scambi di criptovalute è diminuito del 66% su base annua da 1 trilione di dollari nel 2021 a 357 miliardi di dollari nel 2022,[15] ma le ricadute dei crolli di Terra/Luna e FTX hanno spinto la quota di Coinbase nel volume di scambio basato su fiat (escluso Binance International) di 18 punti percentuali, dal 22% di giugno 16]

Tecnologia autonoma e robotica

Veicoli elettrici: durante il 2022 negli Stati Uniti, mentre le vendite di auto sono diminuite dell’8% su base annua,[17] le vendite di Tesla sono aumentate di circa il 49%. Negli ultimi tre anni, la quota di mercato di Tesla nelle vendite totali di auto negli Stati Uniti è aumentata di ~240 punti base[18] al 3,8%.[ 19]

Guida autonoma: nel 2022, GM’s Cruise ha ampliato il suo servizio di taxi autonomo alla maggior parte di San Francisco nel primo lancio su larga scala in una grande città degli Stati Uniti prima di lanciarsi sia a Phoenix che ad Austin verso la fine dell’anno. Ha compresso il tempo di commercializzazione da nove anni a San Francisco a soli 90 giorni ad Austin. Inoltre, Tesla ha ampliato l’accesso al suo software beta FSD (full self-driving) a tutti i proprietari in Nord America che avevano richiesto l’accesso, riflettendo la fiducia di Tesla nella capacità del suo set di funzionalità.[ 20]

Logistica autonoma: entro il 4 gennaio di quest’anno, sia Amazon che Walmart avevano iniziato le consegne utilizzando droni in alcune città degli Stati Uniti.[ 21]

Stampa 3D: tra le prime 50 aziende di dispositivi medici, il 90% si affida alla stampa 3D per la prototipazione, i test e persino la stampa di dispositivi medici.[ 22]

Esplorazione spaziale: nel 2022, SpaceX ha quasi raddoppiato il numero di razzi lanciati a 61. Ha riutilizzato lo stesso razzo in soli 21 giorni, un drammatico miglioramento rispetto ai 356 giorni necessari per il suo primo riutilizzo del razzo.

Robot industriali: nonostante le tensioni commerciali con la Cina e l’impatto del COVID-19, le vendite di robot industriali sono aumentate di circa il 30% nel 2021,[23] evidenziando che l’innovazione può prosperare in tempi tumultuosi.

Domanda di energia: la domanda di petrolio greggio potrebbe aver raggiunto il picco nel 2019 a 100,5 milioni di barili al giorno, in particolare ora che i veicoli elettrici (EV) stanno prendendo quota delle vendite totali di auto e le aziende di ride-hailing come Uber stanno collaborando con società di noleggio auto come Hertz per noleggiare veicoli elettrici. Hertz dice che i costi di manutenzione dei veicoli elettrici sono inferiori del 50-60% rispetto a quelli delle auto a benzina. Secondo la ricerca di ARK, grazie al loro alto tasso di utilizzo rispetto alle auto personali, i veicoli elettrici autonomi potrebbero ridurre la domanda di petrolio del 25-30% a 72,6 milioni di barili al giorno entro il 2030, come mostrato di seguito.

https://iea.blob.core.windows.net/assets/830fe099-5530-48f2-a7c1-11f35d510983/WorldEnergyOutlook2022.pdf, a partire da novembre 2022.https://www.bp.com/en/global/corporate/energy-economics/energy-outlook/oil-demand.html, a partire da marzo 2022.

Rivoluzione genomica

Modifica di base: nel 2022, grazie a una nuova forma di editing genetico, una giovane ragazza nel Regno Unito con leucemia è passata dal suo letto di morte a maggio a cancer-free a novembre. L’editing di base e il multiplexing hanno il potenziale per fornire trattamenti CAR-T più efficaci per i pazienti con tumori altrimenti incurabili.

Prime Editing: nel 2022, gli scienziati olandesi dell’Hubrecht Institute, UMC Utrecht e dell’Oncode Institute hanno usato un’altra forma di editing genico – l’editing primario – per correggere la mutazione che causa la fibrosi cistica nelle cellule staminali umane. Inoltre, i ricercatori coreani dell’Università di Yonsei hanno utilizzato con successo l’editing principale per trattare le malattie del fegato e degli occhi nei topi adulti.

Modifica genica CRISPR: insignito del premio Nobel per la chimica nel 2020, l’editing genico CRISPR ha fornito cure funzionali per la beta-talassemia e l’anemia falciforme. CRISPR Therapeutics e Vertex Pharmaceuticals hanno trattato più di 75 pazienti, con conseguenti alcune “curazioni funzionali” ben pubblicizzate. Si aspettano l’approvazione della FDA per Exa-Cel, il trattamento per l’anemia falciforme e la beta talassemia, all’inizio del 2023.

Altre terapie cellulari e geniche: nel 2022, i regolatori hanno approvato diverse terapie cellulari e geniche di riferimento, tra cui Hemgenix per il trattamento dell’emofilia B, Zyntelgo per la beta talassemia, Skysona per l’adrenoleucodistrofia cerebrale, Yescarta e Breyanzi per il linfoma non-Hodgkin, Tecartus

Test diagnostici molecolari: le biopsie liquide – esami del sangue – consentono la diagnosi precoce del cancro del colon-retto che, se scoperti alla fase 1 o prima, hanno un tasso di sopravvivenza a cinque anni superiore al 90%. I tumori in stadio avanzato o metastatici rappresentano oltre il 55% dei decessi in un periodo di cinque anni, ma solo il 17% delle nuove diagnosi. Grazie allo screening regolare e alla biopsia liquida, i tumori del colon-retto sono ora tra i primi tipi di cancro rilevati, il 37% al punto o prima dello stadio 1. Nel 2020, il tasso di mortalità per cancro del colon-retto era 12,8 per 100.000 persone, il 38% al di sotto del 20,7 nel 2000.[ 24]

Con molte grazie per il vostro sostegno e grandi speranze di innovazione nei prossimi anni.

DISCLOSURE

Questo materiale è solo a scopo informativo ed è soggetto a modifiche senza preavviso. Tutte le dichiarazioni fatte riguardo a società o titoli sono strettamente credenze e punti di vista detenuti da ARK e non sono approvazioni da parte di ARK di alcuna società o titolo o raccomandazioni di ARK per acquistare, vendere o detenere qualsiasi titolo. I risultati storici non sono indicazioni di risultati futuri. Alcune delle dichiarazioni contenute in questo materiale possono essere dichiarazioni di aspettative future e altre dichiarazioni previsionali basate sulle attuali opinioni e ipotesi di ARK e comportano rischi e incertezze noti e sconosciuti che potrebbero far sì che i risultati, le prestazioni o gli eventi effettivi differiscano materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni. Le questioni discusse in questo materiale possono anche comportare rischi e incertezze descritti di volta in volta nei documenti di ARK con gli Stati Uniti. Commissione per i valori mobiliari. ARK non si assume alcun obbligo di aggiornare le informazioni lungimiranti contenute in questo materiale. Alcune informazioni sono state ottenute da fonti che ARK ritiene affidabili; tuttavia, ARK non garantisce l’accuratezza o la completezza di qualsiasi informazione ottenuta da terzi. ARK e i suoi clienti e le sue persone imparentate possono (ma non necessariamente) avere interessi finanziari in titoli o emittenti che vengono discussi.

Un investitore dovrebbe consultare un professionista finanziario, un avvocato o un professionista fiscale per quanto riguarda la situazione specifica dell’investitore prima di prendere qualsiasi decisione relativa all’investimento.


06/01/23 Barron’s: Cathie Wood di ARK non sta facendo marcia indietro. Lei spiega esattamente perché.

Il core ARK Innovation ETF gestito da Wood è sceso del 67% l’anno scorso. Ma rimane fermamente rialzista su azioni del calibro di Tesla, Zoom e Roku.

Di Avi Salzman

Molti fondi “grown” hanno sofferto nel 2022, ma pochi in modo altrettanto spettacolare di quelli gestiti da Cathie Wood.

Wood è scoraggiata? Per niente. Sta raddoppiando sulle azioni che sono state martellate l’anno scorso, tra cui Tesla (ticker: TSLA), dicendo che saranno grandi vincitori a lungo termine mentre sconvolgono le industrie consolidate.

Il suo  ETF ARK Innovation (ARKK) (non acquistabile dagli investitori retail italiani perchè non armonizzato UE ) principale è sceso del 67%, il peggiore nella sua categoria di 189 fondi di crescita mid-cap monitorati da Morningstar e più di tre volte peggio del calo del 19% dell’S&P 500. Wood ha costruito un seguito devoto, con un vasto pubblico su YouTube e altre piattaforme, ma ha iniziato a perdere aderenti. Dopo che gli investitori hanno trascorso la maggior parte del 2022 a “comprare il calo” nell’ETF, molti sembra abbiano gettato la spugna più tardi nell’anno. Da agosto a dicembre, gli investitori hanno ritirato 600 milioni di dollari netti da ARK Innovation; nei primi sette mesi dell’anno, avevano aggiunto quasi 2 miliardi di dollari.

la Wood è assolutamente imperturbabile. Anche se gli investitori sono fuggiti da Tesla martedì scorso a causa dei bassi numeri di consegna, facendo scendere le azioni del 12%, Lei ne ha comperate . Nel complesso, Wood ha ridotto le partecipazioni del fondo a 30, la metà delle azioni di quelle detenute nel 2021.

“Gli investitori stanno correndo per le colline, lontano dalla nostra strategia”, osserva in un’intervista con Barron’s. “Stanno correndo verso i loro parametri di riferimento. Indovina dove c’è più rischio? È nei loro parametri di riferimento, perché l’ordine mondiale tradizionale sarà interrotto e disintermediato qui”. Tra le principali partecipazioni di Wood oggi ci sono Zoom Video Communications (ZM), Roku (ROKU), Block (SQ) e la società di rilevamento del cancro Exact Sciences (EXAS).

ARK Innovation, con 5,9 miliardi di dollari di attività, è ancora il quinto più grande ETF azionario gestito attivamente negli Stati Uniti su 486, secondo Morningstar. E il fulmine che Wood ha catturato in una bottiglia nel primo anno della pandemia, quando il suo fondo di punta è quadruplicato, è ancora là fuori, sostiene. Esorta gli investitori ad aspettare cinque anni affinché la sua tesi si svolga. Ma l’azienda ha raggiunto una sfortunata pietra miliare nel 2022 che potrebbe rendere il suo caso più difficile. Per la prima volta, ARK Innovation ha concluso l’anno con la sua performance quinquennale in rosso. Coloro che hanno acquistato i fondi di ARK l’anno scorso sono già in un buco profondo. Rimarranno vedendo i loro investimenti evaporare?

Alla fine del 2021, Wood ha scritto un saggio intitolato “Le azioni dell’innovazione non sono in una bolla: crediamo che siano in un territorio di profondo valore”. All’epoca, l’attuale top holding di ARK, Zoom, era scambiato intorno ai 200 dollari. Ora sono 67 dollari.

I critici di Wood sostengono che si affida a metriche di guadagno non standard per rivalutare la non redditività delle società del suo portafoglio sotto la contabilità convenzionale. Cliff Asness, un fondatore di AQR Capital Management, si è lamentato il mese scorso su Twitter che gli investitori di valore “devono star fuori dalle manie cavalcate da persone come lei”. Daniel Loeb di Third Point l’ha derisa come una “stonk hodler”, termini associati al trading di  criptovalute e  “meme stock” come GameStop. Le perdite hanno incoraggiato i suoi detrattori. C’è anche un ETF, AXS Short Innovation Daily (SARK), la cui unica strategia è quella di prendere il lato opposto delle scommesse del fondo per l’innovazione. Dal suo lancio a novembre 2021, è aumentato del 78%.

L’analista di Morningstar Robby Greengold afferma che Wood è “dimissivo” nella gestione del rischio, che ha portato a perdite molto più gravi rispetto ad altri fondi della sua categoria l’anno scorso. A differenza dei rivali, ARK non ha personale dedicato alla gestione del rischio e detenere relativamente poche azioni ha “zavorrato il portafoglio con un rischio maggiore”, dice.

Innovazione ARK Le prime cinque partecipazioni

Azienda / TickerPrezzo recenteVariazione prezzo 52 settimanePonderazione portafoglio2023E P/E
Zoom Video Comunicazioni / ZM*67,65 dollari-62,4%9,4%19,7
Exat Sciences / EXAS48,93-33,88.3N/A
Tesla / TSLA113,64-70,36,622,0
Block / SQ66,30-57,66.438,9
Roku / ROKU42,35-88,06.4N/A

E=Stima; N/A=Non applicabile; *L’anno fiscale termina a gennaio

Fonti: Bloomberg; rapporti aziendali

In risposta, ARK Investment afferma che Greengold non è corretto: “La gestione del rischio è così importante per noi che abbiamo vari team concentrati su di essa in diverse capacità”. E Wood sostiene che l’aggiustamento dei guadagni dà un quadro più equo della traiettoria di crescita di un’azienda rispetto ai guadagni tradizionali.

Wood aggiunge che gli investitori nel suo fondo vogliono che segua una strategia coerente. “Quando i consulenti e gli altri acquistano le nostre strategie, sono alla ricerca di innovazione pura; non sono alla ricerca di una strategia generalista che abbia elementi di base ed energia”. Gli investitori stessi possono gestire il rischio vendendo alcune delle loro partecipazioni dopo grandi run-up, dice. A volte li spinge a farlo. “Non fa mai male prendere profitti e mantenere un po’ di polvere asciutta (modo di dire americano: tenere della polvere pronta per essere sparata, della liquidità pronta per essere investita)”, ha detto il gestore degli investimenti all’inizio del 2021, prevedendo che ci sarebbe stata una “correzione stupida” ad un certo punto nel corso del prossimo anno.

Wood ammette di aver commesso alcuni errori sul lato macro. Pensa che il team ARK sia stato sorpreso da due cose da quando i fondi hanno raggiunto il picco nel 2021: non si aspettava che i problemi della catena di approvvigionamento che hanno aumentato l’inflazione persistessero per così tanto tempo e non prevedeva la guerra in Ucraina, che ha causato l’impennata dei prezzi delle materie prime.

L’aumento dell’inflazione ha affondato le azioni di ARK. Quando i tassi di interesse salgono, gli investitori tendono a gravitare verso nomi più stabili il cui valore si basa più sui flussi di cassa correnti. Wood, che ha lavorato come economista alla fine degli anni ’70 e ’80, ha esperienza nella previsione dell’inflazione. Negli anni ’80, ha sostenuto contro l’opinione consensuale secondo cui i tassi di interesse elevati sarebbero rimasti per tanto tempo. Oggi fa un’affermazione simile.

“Vederemo l’altro lato ora con il calo dell’inflazione, il che significa molto più velocemente del previsto, anche finendo in deflazione per alcuni indici”, dice.

Wood pensa che gli Stati Uniti siano in recessione dall’inizio del 2022 e che le imprese stiano appena iniziando ad affrontare la distruzione economica. I prezzi delle materie prime come il petrolio sono in calo, insieme a quelli delle auto usate, delle case e ora dei beni di consumo. “Stiamo vedendo sconti sui prezzi dal 25% al 50%”, dice. “Ho visto alcuni sconti sull’elettronica per più di questo”.

Questo costringerà la Federal Reserve a cambiare rotta, afferma. “Il nostro pensiero qui è che hanno esagerato sul lato della tenuta e che quando l’inflazione scende al di sotto del 2% ad un certo punto [nel 2023], invertiranno queste mosse”.

Una brusca scivolata dei tassi di interesse darebbe a Wood una facile tesi di azioni. I tassi bassi tendono a convincere gli investitori ad acquistare azioni più rischiose, come quelle che detiene. Questo è stato il fattore chiave dell’ultimo mercato rialzista. Ma la tesi di Wood sul 2023 ha più a che fare con il comportamento aziendale.

“Credo davvero che le nostre aziende risolveranno i problemi che molte aziende stanno affrontando ora”, dice. Le società stanno “tutte vedendo i loro margini scendere. Perderanno tutti i tipi di potere di determinazione dei prezzi, avranno bisogno di tecnologia per ridurre i costi. Aumentare la produttività, aumentare l’efficienza, è quello che facciamo. E questo è tutto quello che facciamo.”

Mentre i viaggi aziendali sono aumentati nel 2022, Wood si aspetta che le aziende li ridurranno nel 2023 e si affidino maggiormente a servizi come Zoom. “Che si tratti di uno Zoom o di un Teladoc Health [TDOC], che molte persone hanno venduto pensandole solo come azioni legate al lockdown per Covid”, dice.

Per spiegare il futuro, Wood tende a guardare al passato. Il passato recente le dà coraggio nelle sue convinzioni. “I media pensavano che fossimo fuori di testa all’inizio del 2019, quando Tesla stava crollando”, dice. Ma le piace anche tornare indietro nella storia – diciamo, 100 anni – per spiegare dove pensa che la società sia diretta.

Nel 1919, l’America stava uscendo da una guerra e da una pandemia, e l’inflazione era aumentata. Telefoni, auto ed elettricità stavano entrando nel loro periodo di massimo splendore in una raffica di innovazioni. “Una volta superato quello shock dell’offerta associato a una guerra e a una pandemia, l’inflazione è scesa ed è diventata effettivamente negativa. Siamo finiti nei ruggenti anni ’20′”, dice.

Wood pensa che nuovi anni ruggenti potrebbero essere dietro l’angolo.

“Pensiamo che sia quello in cui stiamo entrando di nuovo, quando si tratta della nostra strategia, perché queste piattaforme sono pronte per le prime time”, dice. Le piattaforme a cui si riferisce includono intelligenza artificiale, stoccaggio di energia, robotica, sequenziamento del DNA e tecnologia blockchain. Mentre gli investitori hanno cavalcato gli alti e bassi dei tassi di interesse nell’ultimo anno, l’innovazione in aziende come Tesla è continuata a ritmo sostenuto, aggiunge Wood.

La tecnologia delle sue batterie è molto più economica di quella dei suoi concorrenti e dovrebbe consentire all’azienda di vendere la sua Model 3 per 25.000 dollari nei prossimi anni, in calo rispetto a circa 45.000 dollari di oggi, dice, aggiungendo che i concorrenti non potrebbero eguagliare quel prezzo senza perdere soldi. Tesla è anche vicina al lancio di robo-taxi, afferma, prevedendo un lancio a livello nazionale a partire dal 2024. Tutto sommato, Wood vede le azioni del produttore di veicoli elettrici salire a 1.500 dollari dai recenti 110 dollari in cinque anni.

I rapidi progressi nella tecnologia e nell’assistenza sanitaria che hanno sollevato i fondi di ARK all’inizio della pandemia non sono scomparsi, continua. In effetti, Wood prevede che una nuova era di “Distruzione creativa”  sta per sorgere. “Finora è stata solo una corretta rispetto a quello che vedremo qui ora per i prossimi 5-10 anni”, dice.

La maggior parte dei gestori di fondi record ha una o due possibilità di dimostrare che le loro strategie possono durare. Già negli ot’ 2020, Wood ha sperimentato i massimi più alti del mercato e i minimi più bassi. Abbasta pei suoi fans che sono rimasti questo giro per vedere se il prossimo decennio ruggisce nel modo giusto per dimostrare che ha ragione.

Scrivi ad Avi Salzman all’indirizzo avi.salzman@barrons.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.