Il vino degli altri…

visto che abito in un territorio baciato dal Prosecco ho decido di aggiungere un settore del mio blog dedicato a Bacco…


09/06/24 Sole 24 Ore: intervista a Marilisa Allegrini


04/06/23 Penta: La partnership dell’ex star della NBA Carmelo Anthony con Robert Mondavi è più che fare un nuovo vino

Di Geoff Nudelman 

Il capo viticoltore Mondavi Geneviève Janssens, Carmelo Anthony e Asani SwannMartin Blanco

Mentre l’ex giocatore NBA Carmelo Anthony si muove più anni oltre la sua leggendaria carriera nel basket, sta diventando più noto per la sua passione per il buon vino, specialmente come pioniere che collega l’uva al basket professionistico.

Il nome di Anthony è il titolo sotto il marchio di vino VII(N) The Seventh Estate che presenta l’etichetta di Ode to Soul, la prima uscita del marchio. Tuttavia, è una partnership congiunta tra lui, il suo ex assistente Asani Swann e la cantina Robert Mondavi di Constellation Brands.

Dietro l’etichetta bordeaux e oro c’è una miscela rossa del 2021 che è il prodotto di una relazione più profonda con Anthony rispetto alla solita partnership di celebrità.

Maya Barkai

“Entrambi abbiamo capito cosa stavamo cercando di realizzare”, dice Anthony. “Entrambi avevamo una prospettiva simile e una visione di ciò che stavamo cercando di fare nell’industria del vino: fare dell’uva e mettere l’amore e l’energia”.

Anthony, 40 anni, è ampiamente considerato come uno dei primi giocatori NBA a esplorare il vino pregiato, introducendo un certo numero di altri atleti all’arte del vino mentre guidava un maggiore interesse in tutto il panorama sportivo. Oggi, alcuni dei migliori nomi dello sport professionistico hanno una sana ossessione per il vino pregiato sia attraverso la raccolta, l’istruzione o gli investimenti personali.

Il vicepresidente delle comunicazioni e dell’esperienza di lusso di Constellation Brands Alex Wagner, 38 anni, è stato parte integrante dello sviluppo della partnership “pluriennale” tra Anthony, Swann e il conglomerato di alcol. Dice che la partnership è stata una misura naturale poiché la proprietà e il marchio di Mondavi passano attraverso una “significativa ristrutturazione pluriennale”.

La conoscenza dell’industria di Carmelo e il desiderio di essere uno studente di vino insieme alla capacità di Asani di portare visione e inclusività per la relazione erano adatti senza soluzione di continuità”, dice.

Tutte le parti hanno sollevato la necessità di “diversificare” ed elevare l’inclusività all’interno dell’industria del vino, e la speranza generale è che VII(N) The Seventh Estate possa sollevare queste importanti conversazioni in modo autentico e mirato.

“Abbiamo tutti riconosciuto il valore di diversificare l’industria del vino in tutta la sua pipeline”, afferma Swann, 48 anni, “con tutti i fantastici posti di lavoro che sono nella pipeline di un’azienda vinicola come Mondavi e Constellation, abbiamo una visione reciproca per far progredire il business”.

Constellation non rivelerebbe i termini esatti dell’accordo, ed è chiaro che la partnership è nei primi giorni: c’è ancora molto da capire su come e dove Anthony e Swann possono usare la loro influenza per diversificare la base di consumatori di Constellation. Un vino a prezzi più accessibili è nelle carte come una potenziale strada per accogliere più bevitori di vino nello spazio di lusso. Ode to Soul è di 275 dollari a bottiglia.

“Il nostro obiettivo è quello di fare vino in tutto il mondo ad ogni palato e ad ogni prezzo”, dice Swann. “Lo stiamo attraversando insieme per essere in grado di capire quali sono i prossimi passi”.

Per quanto riper quanto riperca l’attuale versione, è venuta da una lunga collaborazione con il capo enologo di Mondavi Geneviève Janssens e da diverse iterazioni derivanti dal leggendario vigneto To Kalon di Mondavi a Oakville, in California. Il vigneto è considerato uno dei migliori di Napa e Janssens, 73 anni, afferma che il vino proveniva da alcuni dei “migliori lotti” del vigneto.

“Quando mi fondo con i viticoltori, sappiamo per cosa stiamo lavorando, ed è quasi come un cervello o una visione”, dice. “Con Melo e Asani, hanno due cervelli e due gusti diversi. È stato molto arricchimento per me, e mi è piaciuto molto perché ho imparato molto”.

Il processo di produzione e rilascio del vino ha dato ad Anthony un apprezzamento e una prospettiva più profondi per il vigneto To Kalon e, più in generale, una comprensione del mercato del vino di lusso.

“È stata una battaglia per pensare di andare ai vini di lusso all’inizio; se abbiamo davvero intenzione di essere intenzionali. Se vogliamo formulare un vero business dietro questo perché funzioni, dobbiamo capire l’arte della vinificazione e cosa significa scegliere da To Kalon”, dice Anthony.

Lavorare con Anthony e Swann sembra una partnership “50/50” e sfiderà Constellation a riconsiderare cosa può essere il vino di lusso, dice Wagner.

“Entrambe le parti stanno adottando un approccio “studente” molto curioso”, dice, “cercando di capire il valore oltre a mettere fuori un nuovo vino ogni nuova annata”.


28/05/24 Penta: Una nuova generazione che segue uno dei vigneti stellati della Napa Valley è ottimista circa il futuro

Abby Schultz

Cantina Cliff Lede Vineyards nel distretto di Stags Leap di Napa Valley, California.

Jason Lede sta guidando la prossima generazione nella cantina Stags Leap District che suo padre, Cliff, ha fondato 22 anni fa con ottimismo sul futuro della Napa Valley.

La regione, sede di alcuni dei vini migliori e più costosi del mondo, ha spinto contro diversi venti contrari. Nel 2020, gli incendi hanno spazzato via intere annate nella Napa Valley, compresi i vini a base di Cabernet di Cliff Lede, i prezzi per l’uva acquistata sono aumentati e molti giovani adulti preferiscono liquori, birra e cannabis, risparmiando vino per le occasioni speciali.

Jason Lede, 38 anni, non è eccessivamente preoccupato.

“Il vino è sempre stato qui, non lo vedo andare da nessuna parte”, dice. In particolare, Lede, che è stato appena nominato direttore generale della cantina, è ottimista sui consumatori tra i 20 e i 30 anni, poiché quelli che possono spenderanno soldi per cose più belle. “È lì che competiamo”, dice.

Cliff Lede aveva circa 40 anni e un dirigente con la grande attività di costruzione commerciale della sua famiglia nel Canada occidentale, quando ha incanalato la passione per la raccolta di Bordeaux nell’acquisto di un totale di 53 acri di terreno vigneto a Stags Leap, che era noto per la produzione di Cabernet di prim’ordine. Gli acquisti includevano 16 acri di collina vulcanica rivolta a sud-ovest sopra il Silverado Trail che ha chiamato Poetry Vineyard.

Jason Lede, direttore generale, Cliff Lede VineyardsVigneti di Cliff Lede

I vigneti combinati coprono la larghezza della denominazione Stag’s Leap, iniziando sulla collina e si estendendo fino al fiume Napa. La terra comprende pura roccia vulcanica in cima, attraverso la ghiaia, la roccia frantumata e il terrico. “Possiamo coltivare grandi Petit Verdot e Cabernet Franc e diverse espressioni di Cabernet Sauvignon tutti sulla stessa proprietà”, dice Lede.

Oggi, Poetry Cabernet Sauvignon è il vino di punta del produttore, un vino profondo e complesso che guadagna i migliori voti dalla critica. L’annata 2019 è stata rilasciata lo scorso settembre, vendendo al dettaglio per circa 375 dollari.

“Abbiamo fatto questo vino fin dal primo giorno, ed ha sempre rappresentato la miglior uva che teniamo da quella collina ripida, vulcanica e rocciosa di Stags Leap”, dice Lede.

Per attirare nuovi consumatori che potrebbero voler spendere, ma non così tanto, Cliff Lede sta ora producendo un Napa Valley Cabernet Sauvignon dalla propria uva. La maggior parte delle uve proviene dalla sua proprietà Stag’s Lake District, ma attinge anche da altre fonti coltivate in tenuta a Calistoga (da 20 acri la cantina ha acquistato nella parte settentrionale di Napa nel 2013) e nella regione più fredda di Carneros, una denominazione condivisa con Sonoma nella parte meridionale di Napa, dove la cantina ha acquistato 87 acri nel 2020.

La nuova etichetta sostituisce il suo Stags Leap District Cabernet, che si basava sulla uva acquistata da questa sotto-appellazione più piccola che era diventata sempre più costosa nel 2021, l’anno dopo il devastante Glass Fire. In quell’anno, Cliff Lede gettò via tutti i suoi grappoli per la preoccupazione che sarebbe stato contaminato dal fumo.

L’annata 2021 del suo Napa Cabernet, il primo di Cliff Lede, è un vino profondamente aromatizzato, floreale, fruttato scuro e ben bilanciato che ha un prezzo conservativo per Napa a 80 dollari a bottiglia.

Poiché Cliff Lede coltiva tutta la uva per questo imbottigliamento, può controllare come viene coltivato, il che gli permette di controllare i costi. “Questo ci aiuta solo a essere di nuovo un’azienda più sostenibile pur continuando a mantenere uno dei nostri principi fondamentali, che è fare vini onesti che non sono prezzi”, dice Lede.

Cliff Lede ha rilasciato circa 4.200 casse del suo Napa Valley Cabernet ad aprile (rispetto a soli 1.471 casi di Poetry), rendendolo il più ampiamente disponibile dei suoi vini in tutto il paese.

Un’altra nuova etichetta dominante sul Cabernet che si trova tra i vini Napa Cabernet e Poetry è Rhythm, che vende al dettaglio per circa 125 dollari a bottiglia. Il vino è prodotto da circa 37 acri di vigneto di ghiaia che cresce su due colline che circondano la sala di degustazione della cantina al suo confine meridionale. Il “vigneto era stato una fonte di molti vini diversi, ma non ha mai avuto un proprio imbottigliamento che rappresentava solo quel vigneto”, dice Lede.

Cliff Lede Vineyards Rhythm Cabernet Sauvignon 2021.Vigneti di Cliff Lede

Il nome, Rhythm, riflette una passione per la musica che è infusa in tutta la cantina, in melodie che suonano nella cantina e nella sala di degustazione per i blocchi di vigneti che prendono il nome dalle canzoni preferite di Cliff Lede. C’è “Moondance” di Van Morrison, “I Can’t Get No Satisfaction” dei Rolling Stones e “Dark Side of the Moon” dei Pink Floyd, tra gli altri, che a volte vengono trasfatti in vini individuali o un vino miscelato di due o più blocchi.

“Suonare band come Nirvana o Led Zeppelin o Elton John porta energia all’intero business”, dice Lede.

Una generazione più giovane, ovviamente, Lede apprezza il gusto di suo padre per il rock classico, anche se è “molto più un fan dell’hip-hop”. Anche DJ nella Napa Valley, suonando brani come i Beastie Boys.

Rhythm è un vigneto relativamente grande, eppure la cantina ha fatto meno di 1.400 casse della prima annata 2021, scegliendo di essere selettiva sulle uve che vanno nel vino. “Volevamo che la gente ci tirasse il tappo e dicesse: ‘wow'”, dice Lede.

La poesia esprime più apertamente il terroir, il senso di essere in vigna e annusare la roccia al sole, mentre Rhythm offre frutta più anticipata, rendendola più accessibile quando è giovane, dice Lede. Il vino ha un po’ più corpo del Napa Cabernet, con molti sapori di frutta scura, una leggera nota di erbe e solo un pizzico di quercia. La prima annata del vino è stata messa a disposizione dei membri, ma è stata anche distribuita a ristoranti e negozi al dettaglio.

Con Rhythm, Lede dice che ora “abbiamo due vini che parlano di diverse parti della nostra tenuta”.

Quando il padre di Lede ha acquistato i vigneti iniziali nel 2002, ha ripiantato la terra, attingendo a “un approccio scientifico per abbinare i portainnesti giusti al terreno giusto ai cloni giusti”. Due decenni dopo, quell’investimento ha dato i suoi frutti con quello che Lede dice essere “qualità eccezionale”. Anche se l’approccio di suo padre sembrerebbe parlare di una “visione a lungo termine”, Lede dice che non pensa che suo padre abbia inizialmente pianificato che la cantina “sia la grande eredità familiare, ma ora ogni decisione che prendiamo è con questo in mente”.

Una ragione chiave è che quando Jason ha deciso all’inizio voleva essere nel settore del vino, dopo un’estate di lavoro in cantina. Suo padre gli ha dato una lista di cose che doveva fare prima, per completare la sua esperienza. Ciò includeva lavorare il raccolto altrove (cosa che ha fatto in Australia), ottenere un lavoro con un importatore/distributore in Canada, studiare come sommelier e infine ottenere un MBA.

“La mia intenzione non è quella di farlo e poi andare da qualche altra parte, mio padre lo sapeva”, dice Lede. “Ha fatto del suo meglio per tenermi lontano il più a lungo possibile”.

Oggi, anche sua sorella, che lavora con il family office, vive vicino alla cantina. “Ho un figlio, mia sorella ha due figli, e quindi pensiamo alle cose ora in termini di generazioni e di come impostare le cose per il successo a lungo termine”, dice Lede. Che i loro figli lavorino in cantina o meno, “capiranno quanto sia importante per la famiglia e faremo del nostro meglio per assicurarci che vada per un’altra generazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.